Sabato 14 Dicembre 2019 | 11:41

NEWS DALLA SEZIONE

Politica 2.0
Da Schmitt alla sfida europea radici e futuro del sovranismo

Da Schmitt alla sfida europea radici e futuro del sovranismo

 
L'analisi
Indignatevi piazze del Sud (con i dottori ora spazzini)

Indignatevi piazze del Sud (con i dottori ora spazzini)

 
verso il 2020
Puglia, il centrodestra cerca la sintesi su Fitto

Puglia, il centrodestra cerca la sintesi su Fitto

 
politica
Le sardine conquistano Francesca Pascale, ma non tutte le pugliesi

Le sardine conquistano Francesca Pascale, ma non tutte le pugliesi di destra

 
l'approfondimento
Impariamo a pronunciare parole non ostili

Impariamo a pronunciare parole non ostili

 
L'analisi
Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

 
il punto
Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

 
l'analisi
Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

 
L'analisi
Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

 
il commento
Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

 
il punto
Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, parla storico mister Salvemini: «Quella promozione in A un sogno, quest'anno può rivincere»

Bari, parla storico mister Salvemini: «Quella promozione in A un sogno, quest'anno può rivincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materanel Materano
Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

 
Foggianel Foggiano
Lucera, spararono a 18enne in centro davanti ai passanti indifferenti: 3 arresti

Lucera, spararono a 18enne in centro davanti ai passanti indifferenti: 3 arresti

 
Baridonne
Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

Bari, arriva l'agenzia che educa e raccoglie fondi per prevenire la violenza di genere

 
Leccenel Salento
Carmiano: dopo scioglimento comune, Centro Legalità vandalizzato. Giovani sui social: «Crediamo nell'onestà»

Carmiano: dopo scioglimento comune, Centro Legalità vandalizzato. Giovani sui social: «Crediamo nell'onestà»

 
Batil caso
Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

 
BrindisiDomenica 15 dicembre
Brindisi città fantasma, evacuati 53mila per la bomba: tutto quello che c'è da sapere. Le strade

Brindisi città fantasma, evacuati 53mila per la bomba: tutto quello che c'è da sapere. Le strade

 
HomeMaltempo in Basilicata
Lauria, vento spazza via tetto di una palestra: ci sono feriti

Lauria, tromba d'aria spazza via tetto del PalaAlberti: 8 feriti, una operata, è gravissima VD/FT

 

i più letti

Il commento

Teresa, ovvero l’eleganza dell’anima

Il neo ministro è finito sotto i riflettori della critica social per due elementi: non è laureata e ha indossato un abito «appariscente» davanti al presidente Mattarella

Teresa, ovvero l’eleganza dell’anima

Vignetta di Pillinini

Per l’eterogenesi dei fini, Teresa Bellanova, neo ministro pugliese dell’Agricoltura - attaccata in maniera scomposta e virale sui social per la sua mise alla firma al Quirinale e per il suo curriculum - può essere considerata l’esponente del governo Conte con la maggiore visibilità e con un bagaglio di credito (ulteriore) che le arriva dai trasversali attestati di stima ricevuti in queste ore. E visto che dovrà affrontare dossier come la concorrenza nordafricana per il nostro settore agroalimentare e la battaglia contro la Xylella (nemico finora invincibile), l’inizio del suo mandato sembra registrare il sorprendente favore della sorte.

Il neo ministro è finito sotto i riflettori della critica social per due elementi: non è laureata e ha indossato un abito «appariscente» davanti al presidente Mattarella. Da qui è partita una radiografia invadente che non rende giustizia al cursus honorum di un esponente politico di rilievo del Mezzogiorno: è stata bracciante e sindacalista, ha svolto incarichi nei vari partiti della sinistra, fino ad essere parlamentare e poi viceministro con i governi Renzi e Gentiloni. Nell’università della politica - che esiste ma è sconosciuta ai Soloni autoproclamati del web - ha titoli ben superiori ad un surreale master in una accademia Usa.

Il bombardamento della Bellanova si presta anche a riflessione sul costume politico del nostro tempo. Non a caso, Peppino Caldarola, direttore de La Civiltà delle macchine, spiega alla Gazzetta che «ora viviamo in tempi nei quali c’è una idea distorta dello status sociale. Neanche io sono laureato: lavoravo alla Laterza e decisi di interrompere gli studi: per i canoni attuali sarei out…». Poi aggiunge: «Torna una certa idea di rampantismo che si unisce alla debolezza dei partiti, protagonisti spesso di scelte singolari. Ovviamente non mi riferisco a Bellanova. Nel Novecento ogni politico veniva da una storia ben definita, a destra, a sinistra o nel movimento cattolico. Ho avuto come collega in parlamento un deputato dei Ds, coltissimo, si occupava di economia. Eppure non aveva neppure la licenza elementare, ma nessuno lo ha mai saputo».

Sullo sfondo resta il limite, difficile da codificare, della satira. Forattini affrescava il presidente del Senato, il repubblicano Giovanni Spadolini, come una figura boteriana, con un membro quasi invisibile, senza che ci fosse scandalo. Gli attuali meme (immagini goliardiche diffuse virilmente via web) spesso invece offendono. Per Caldarola «quando deridi una persona per la sua fisicità, per l’eleganza o l’ineleganza, stai commettendo una sgarbatezza. Un bravo giornalista o un bravo vignettista dovrebbe fermarsi davanti a certe soglie. La satira ha una sua tradizione nella quale c’è anche la deformazione della fisicità.

Ma il “micropene” di Spadolini faceva divertire il politico, perché Forattini lo disegnava gigantesco. La satira di adesso è dileggio: non si può limitare, ma se non fa ridere non funziona. E la satira sul vestito della Bellanova non fa ridere».

La difesa della Bellanova unisce Caldarola (ex Unità) con Flavia Perina (ex direttore del Secolo d’Italia): «Questo tipo di polemica si è trasformata in boomerang: anche i sovranisti hanno espresso solidarietà alla Bellanova. Qualcuno ha ricordato su Fb che il comunismo è stato abbattuto anche dall’elettricista polacco Lech Walesa. Negli attacchi in rete non ho visto satira ma commenti irridenti».

Ieri il neo ministro dell’Agricoltura ha replicato con humor ai suoi detrattori, sfoggiando una elegante maglia gialla a pois su Twitter. La sua semplicità ha conquistato tutti: in tempi di impersonale politica digitale, ci piace immaginare che per andare da Sergio Mattarella abbia scelto il vestito secondo i canoni antichi delle nostre mamme, con l’emozione di indossare «l’abito per la festa». E poco conta il giudizio di chi si improvvisa arbiter elegantiae: la pugliese Teresa ha incarnato la cifra di una identità politica popolare, dove a risaltare è il colore dell’autenticità contro i pregiudizi. E così ha, una volta tanto, sconfitto i tempi nuovi dell’odio seriale in rete.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie