Domenica 20 Ottobre 2019 | 16:12

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Il partito della gogna sui social

Il partito della gogna sui social

 
L'analisi
L’ultimo «Vaffa» di Grillo stavolta contro i vecchi al voto

L’ultimo «Vaffa» di Grillo stavolta contro i vecchi al voto

 
Il punto
Il male antico in attesa di un rimedio e di una morale

Il male antico in attesa di un rimedio e di una morale

 
L'analisi
Ecco come si soffocano le Università del Sud

Ecco come si soffocano le Università del Sud

 
L'analisi
L'irresistibile tentazione di colpire il merito

L'irresistibile tentazione di colpire il merito

 
l'analisi
Alla ricerca di un centro di gravità permanente

Alla ricerca di un centro di gravità permanente

 
alimentazione
Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

 
L'editoriale
La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

 
L'opinione
Politica ed economia riscoprano la sociologia

Politica ed economia riscoprano la sociologia

 
Il punto
La nevrosi continua per la Grande Riforma

La nevrosi continua per la Grande Riforma

 
Il caso
Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

L'editoriale

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica italiana

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica italiana

I Costituenti si guardarono bene, nel secondo dopoguerra, dall’introdurre, in Italia, il modello presidenziale, che pure era sponsorizzato da personalità dell’antifascismo del calibro di Piero Calamandrei (1889-1956) e Leo Valiani (1909-1999). I Costituenti, si sa, optarono per la repubblica parlamentare. E meno male. Non soltanto perché era ancora fresco il ricordo della dittatura mussoliniana, ma anche perché - come la storia s’incaricherà di dimostrare - le repubbliche presidenziali sono più insidiose di dieci cesti di vipere: se sono dotate di validi meccanismi automatici di pesi e contrappesi possono funzionare come i sistemi nordamericani.

Se invece non sono provviste di provvidenziali, collaudati meccanismi di garanzia, sfociano quasi sempre in soluzioni di tipo sudamericano. E siccome l’Italia è l’Italia, una nazione dove il motto «tengo famiglia» surclassa ogni altra aspirazione individuale/universale, il pericolo di svoltare verso l’Argentina, anziché verso gli Usa, in caso di elezione diretta del Capo dello Stato, si sarebbe rivelato tutt’altro che immaginario.

Ciò non significa che i Costituenti siano stati così sprovveduti da lasciare senza timoniere la democrazia italiana nelle delicate fasi di crisi o pre-crisi di governo. Anzi.

Se, nei periodi di normalità politica, tutto si può dire del Paese reale e legale tranne che sia attraversato da pulsioni presidenzialistiche, nei periodi di eccezionalità politica (crisi ufficiali e ufficiose), il ruolo e la figura del Capo dello Stato assumono un peso particolare, di gran lunga superiore a quello registrato nelle stagioni ordinarie. Il giurista Giuliano Amato, con felice espressione, ha definito «a fisarmonica» i poteri del Quirinale.

E qual è il compito principale del presidente della Repubblica quando è richiesto il suo intervento di indirizzo, quando è invocata la sua moral suasion risolutiva? Uno soltanto: richiamare tutti al rispetto della Costituzione. E cosa stabilisce la Costituzione? La Costituzione stabilisce che l’Italia è una repubblica parlamentare, di conseguenza le maggioranze di governo devono formarsi nelle assemblee legislative.

Si obietta che spesso le maggioranze parlamentari non corrispondono agli umori del momento nel Paese e che, quando ciò si verifica, bisognerebbe correre sùbito ai ripari. Ma se si prendesse alla lettera questa considerazione, questa verità, gli italiani dovrebbero essere richiamati alle urne tutte le volte in cui un sondaggio o un’elezione parziale fotografano uno scenario politico diverso da quello disegnato dalle consultazioni politiche di riferimento. In pratica, gli italiani, alla luce anche dell’estrema volatilità dei loro orientamenti, stazionerebbero sempre nelle cabine elettorali. Il che condurrebbe il Paese in una condizione di paralisi permanente. La libertà - sottolineano i filosofi che più la difendono - può morire per difetto, ma anche per eccesso di democrazia, specie se e quando la democrazia si trasforma in rappresentazione, in parodia di se stessa.

L’Italia è una nazione singolare. Primo, perché la sua classe politica tende a dimenticare che la Costituzione è omogenea e funzionale a un sistema elettorale proporzionale, piuttosto che maggioritario. Secondo, perché quando si varano riforme di natura maggioritaria, si continua a ragionare come se fosse ancora in auge l’assetto proporzionale, mentre quando si ritorna al criterio proporzionale si seguita ad agire sulla base del principio maggioritarista.

Oggi l’Italia ha regole del gioco, per l’accesso al Parlamento, in larga parte proporzionalistiche, anche se questa evidenza sfugge a molti protagonisti del teatro politico. Di qui la difficoltà di quadrare il cerchio, operazione che solo un presidente come Sergio Mattarella, raffinato conoscitore e interprete della Costituzione, potrebbe condurre in porto a beneficio dell’interesse generale.

Elezioni anticipate? Governo provvisorio? Governo di legislatura? Governo della non sfiducia? Governo istituzionale? Governo tecnico? Replay del governo Conte? Le ipotesi si sprecano, anche perché le posizioni dei leader e dei partiti non appaiono stabili come le tavole di Mosè.

L’unico in grado di valutare i pro e i contro di una decisione, in grado di pesare gli effetti di un periodo di incertezza sulla stabilità dei conti pubblici, è il presidente della Repubblica che, per fortuna, in situazioni come quella in atto, oltre a rappresentare il simbolo del Paese, ha pure l’opportunità di presidiare la strada da seguire, secondo le direttive della Costituzione.

La cultura morotea di Mattarella costituisce un ulteriore elemento di garanzia. Aldo Moro (1916-1978) era l’uomo delle soluzioni più originali, da cui nessuno usciva mortificato o emarginato. La qual cosa lo portava ad essere il règolo della vita pubblica. Oggi Mattarella si trova in una condizione pressoché analoga, anche se la titolarità della suprema carica dello Stato lo obbliga alla massima riservatezza. Specie in un questa fase di crisi non crisi e di colpi di scena a ripetizione, una sequenza sconosciuta persino agli attori e registi della Prima Repubblica.
Giuseppe De Tomaso
detomaso@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie