Lunedì 19 Agosto 2019 | 03:11

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 
La riflessione
Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

 
L'analisi
Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

 
L'analisi
Questa volta la forma diventa sostanza

Questa volta la forma diventa sostanza

 
L'analisi
Ma a Taranto e Xylella adesso chi ci pensa?

Ma a Taranto e Xylella adesso chi ci pensa?

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Sanità

La sofferenza dei pigiami, l'insofferenza dei camici

Non sorprende quello che accade all’ospedale di Monopoli. Furbetti del cartellino, lì come al Cardarelli di Napoli, come all’ospedale di Molfetta qualche giorno prima

sanità

Il paese è piccolo e la gente mormora. Ma, fatta salva la presunzione d’innocenza, non sorprende quello che accade all’ospedale di Monopoli. Furbetti del cartellino, lì come al Cardarelli di Napoli, come all’ospedale di Molfetta qualche giorno prima.

Sembra un’epidemia ma il virus che l’ha provocata è ben conosciuto, solo che si fa finta sia assolutamente ignoto. Torna comodo a tanti. Agli amministratori regionali soprattutto: scelgono loro i dirigenti dei reparti, una volta più banalmente conosciuti come primari. Peccato che i criteri di valutazione, se formalmente ineccepibili, difficilmente premiano i migliori. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, difficile dissentire: un progressivo sprofondare verso una sanità pubblica sempre meno di qualità e sempre meno pubblica. Nonostante i politici parlino sempre di straordinarie eccellenze locali e di una sanità di tutti e per tutti. Poi, però, ottenere una visita in tempi ragionevoli è un’impresa difficile, a tanti tocca ricorrere all’«intra moenia», splendida locuzione latina che, nella pratica, significa dover pagare per ottenere rapidamente una visita dagli stessi sanitari pubblici che diversamente restano irraggiungibili (ma, obiettivamente, i più bravi costerebbero per forza di più perché tutti vorrebbero andare da loro).

Prevenzione verso i medici? No, è il modello sanitario corrente che evidentemente non funziona tanto bene. Eppure buona parte del bilancio di una Regione è destinato proprio alla Sanità. Ma i risultati non si vedono e non è una difficoltà percettiva. Basta indossare i panni del paziente o del familiare di un paziente. Prima o poi succede a tutti. E qui, se qualcuno vuol farsi illusioni, il confronto con la realtà è a volte sconcertante, amaro. Accadono cose che a raccontarle sembrano inventate, ma purtroppo non è così.

L’ospedale di Monopoli, dopo le tante dismissioni e cosiddette razionalizzazioni dei servizi ospedalieri, copre buona parte del Sud-Est Barese. Non si hanno alternative. Ma quando ci si arriva per un qualche serio malanno cominciano le difficoltà. Il Pronto soccorso è intasato. Problema comune a tutte le strutture del genere. Le code sono lunghe, molto lunghe. Qualcuno suggerisce, ma ora probabilmente non più, di chiedere aiuto a uno dei posteggiatori abusivi: avrebbe la taumaturgica capacità di ridurre i tempi d’attesa. Sembra una battuta, o forse no? Una volta accolti nel Pronto soccorso si ha l’impressione che medici e infermieri siano stravolti dalla fatica. Ma fanno il loro con impegno. Il problema è strutturale. L’astanteria non c’è più. Chi attende di sapere il suo «destino», fatti salvi i casi più gravi, è costretto a stazionare in una stanzetta senz’aria, su una seggiola. Se si sente male piomba giù per terra e tanti saluti.

Poi c’è il ricovero, se c’è. I reparti si sa, funzionano bene se il primario tiene la battuta. Altrimenti sono dolori. Dolori in tutti i sensi. Un reparto intensivo dovrebbe dare garanzie, ma non sempre è così. Il dirigente sembra il direttore megagalattico di fantozziana memoria, ma da ridere qui non c’è proprio nulla. Non c’è e se c’è si fa vedere poco, molto poco. Il livello di assistenza, già piuttosto modesto, dipende dalle coppie di infermieri in servizio. Ci sono quelle disponibili. Ma alcune coppie sono inquietanti, soprattutto una. Dopo la mezzanotte, quando c’è questa coppia, si assiste a uno strano spettacolo. Due brandine con relativa copertina e cuscino vengono portate in infermeria. Le luci vengono spente. È l’ora del riposo. Chissà se è la prassi in un reparto intensivo. Se qualche ammalato disturba il sonno dei giusti, l’«omone» e l’«arpia», come li definisce un ammalato spaventato, reagiscono di malagrazia. Qualche paziente anziano resta traumatizzato. Una sera, una donna si sente male. Arriva il personale del 118 con un defibrillatore. Ma la poveretta non è già ricoverata in un reparto intensivo? La signora viene portata in un altro ospedale.

Arriva poi il giorno del trasferimento in una struttura pubblica riabilitativa. Bisogna ricorrere a un’ambulanza privata. Il paziente, insalutato ospite, e con piaghe da decubito che non aveva al momento del ricovero, va via ignorato da tutti su una lettiga spinta dal personale a pagamento. Neppure un arrivederci. Ma è meglio così. Per giorni il paziente continua ad aver paura dell’«Omone». Teme che possa far male ai suoi familiari.
Ma non sempre va così. Nella nuova struttura il paziente è assistito con attenzione, simpatia e umanità. I medici sono disponibili. Anche questa struttura è pubblica. Per fortuna c’è chi fa il proprio dovere con coscienza. Magari è solo meno «furbo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie