Domenica 20 Ottobre 2019 | 18:41

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
I tagli da fare per recidere la malapianta della corruzione

I tagli da fare per recidere la malapianta della corruzione

 
Il punto
Il partito della gogna sui social

Il partito della gogna sui social

 
L'analisi
L’ultimo «Vaffa» di Grillo stavolta contro i vecchi al voto

L’ultimo «Vaffa» di Grillo stavolta contro i vecchi al voto

 
Il punto
Il male antico in attesa di un rimedio e di una morale

Il male antico in attesa di un rimedio e di una morale

 
L'analisi
Ecco come si soffocano le Università del Sud

Ecco come si soffocano le Università del Sud

 
L'analisi
L'irresistibile tentazione di colpire il merito

L'irresistibile tentazione di colpire il merito

 
l'analisi
Alla ricerca di un centro di gravità permanente

Alla ricerca di un centro di gravità permanente

 
alimentazione
Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

 
L'editoriale
La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

La minaccia mafiosa sconsiglia benefici di pena

 
L'opinione
Politica ed economia riscoprano la sociologia

Politica ed economia riscoprano la sociologia

 
Il punto
La nevrosi continua per la Grande Riforma

La nevrosi continua per la Grande Riforma

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweeksu corso Vittorio Emanuele
A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

 
TarantoUniversità
Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Il punto

Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

Nonostante la nota simpatia tra Putin e Trump, le relazioni tra Mosca e Washington somigliano sempre a quelle tra Sparta e Atene

Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

Americani e russi non sono destinati ad andare d’accordo non foss’altro perché entrambi non vogliono e non possono rinunciare alla propria influenza in Europa. L’America sa che l’Europa resta l’avamposto dei suoi princìpi democratici nell’area più produttiva ed evoluta del globo. La Russia soffre da sempre il complesso dell’accerchiamento e non ha mai dimenticato le invasioni napoleoniche e hitleriane progettate in Europa: di conseguenza è più attenta a ciò che avviene a Ovest, nel Vecchio Continente, rispetto a ciò che succede ad Est ( Asia).
Questa condizione di né pace né guerra, tutt’al più di controllo e sospetto reciproci, tra Usa e Russia, esula dalla carta d’identità di chi dimora alla Casa Bianca e al Cremlino.

I leader delle due superpotenze potrebbero essere più amici di Achille e Patroclo, ma non riusciranno mai a portare su posizioni ireniche e fraterne gli apparati industrial-militari dei due Paesi. E siccome le strutture tecno-militari rappresentano la continuità, mentre i governanti eletti costituiscono la provvisorietà, la politica estera di Washington e Mosca sarà sempre improntata alla massima, vicendevole, diffidenza.
Matteo Salvini adopera parole di apprezzamento sia per Donald Trump sia per Vladimir Putin. Ma non può immaginare di piacere, contemporaneamente, ai due sistemi di potere di Usa e Russia. Del resto accade dai tempi di Atene e Sparta: rimanere neutrali mentre i giganti competono o combattono tra loro non è facile, anzi non è consentito. Chi ritiene di poter essere equidistante, o equivicino, fra entrambi i duellanti lo fa a suo rischio e pericolo. In certi casi, infatti, non si fanno prigionieri.

La politica è un susseguirsi di scelte. Fare gli equilibristi è un mestiere da aspiranti suicidi. Anche Aldo Moro (1916-1978) cui alcuni studiosi tuttora rimproverano il disegno di volersi smarcare da una tutela esterna per favorire il superamento del bipolarismo conflittuale tipico degli anni della Guerra Fredda, non era un neutralista doc. Anzi. Moro non era gradito all’America più conservatrice e codina, di sicuro però non aveva alcuna intenzione di mettere in discussione l’appartenenza dell’Italia al fronte occidentale.

Per un Henry Kissinger che non si prendeva con il collega intellettuale Moro, c’era il presidente, il repubblicano Richard Nixon (1913-1994), che stimava lo statista pugliese. Addirittura quest’ultimo, che non gradiva certi toni aggressivi dei democratici Usa, faceva votare repubblicano dalla comunità italiana negli States.
A differenza di altri centri di potere Usa, Nixon non era ostile al progetto di Moro teso a portare, a legittimare il Pci nel gioco democratico. In fondo Moro stava facendo sul piano interno, in Italia, ciò che lui, Nixon, aveva fatto, su scala planetaria, con la Cina grazie alla cosiddetta diplomazia del ping-pong: favorire la rottura con Mosca. Nel caso italiano, la manovra di Moro di avvicinamento al Pci doveva condurre alla democrazia dell’alternanza, il tutto, ovviamente, d’intesa con Zio Sam.
L’uscita di scena di Nixon costò a Moro la perdita dell’unico uomo forte occidentale che aveva sposato l’obiettivo di staccare i comunisti italiani dalla casa madre moscovita.
Infatti il leader dc si ritrovò all’improvviso senza sponde autorevoli negli Usa e quando le Br portarono a compimento la strage di via Fani e lo rapirono, per lui fu l’inizio del martirio, di una vera via crucis. Senza amici di peso in nessuno delle due capitali, la sorte di Moro fu segnata quasi sùbito. Nessuno, tra i Grandi, s’ impegnò sul serio per la sua liberazione. Questo per dire che anche la personalità politica più gelosa, come Moro, dell’indipendenza nazionale non poté operare ignorando la logica dei blocchi.

Il mondo è cambiato, la globalizzazione ha stemperato alcune tensioni e ne ha rilanciato altre, ma è difficile per i rappresentanti di una media o piccola nazione muoversi sul palcoscenico internazionale con la disinvoltura di una Carla Fracci.
Non sappiamo se Salvini abbia voluto forzare la mano per scompaginare il quadro politico internazionale e per ricollocare diversamente l’Italia rispetto all’Europa e agli accordi monetari. Sappiamo solo che le sfere d’influenza c’erano, ci sono e ci saranno sempre e che non sarebbe inverosimile la reazione di chi assiste a qualche repentino cambio di linea, in politica estera, nei Paesi ritenuti amici,

In fondo i princìpi che regolano i rapporti tra le nazioni non sono cambiati molto rispetto a quelli illustrati dallo storico ateniese Tucidide (460-404 avanti Cristo) ne «La Guerra del Peloponneso». E, non a caso, Tucidide resta tuttora il pensatore politico e militare più ammirato e studiato in America.
Chissà. Forse non c’è la manina o la manona di nessuna superpotenza dietro la registrazione delle imbarazzanti conversazioni moscovite con al centro il leghista Savoini. Ma un fatto appare assodato. Nonostante la nota simpatia tra Putin e Trump, le relazioni tra Mosca e Washington somigliano sempre a quelle tra Sparta e Atene che pensavano al peggio (guerra) anche quando vivevano al meglio, cioè in pace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie