Giovedì 21 Marzo 2019 | 06:47

NEWS DALLA SEZIONE

la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 
La riflessione
Le reprimende del garante per i malanni del fisco

Le reprimende del garante per i malanni del fisco

 
L'analisi
Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

 
La riflessione
L’Italia a due velocità: il passato che non passa

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

 
L'analisi
Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

L'appello

L’odissea di un medico malato

La denuncia di un dirigente-medico, chirurgo generale attualmente assegnata all’Ospedale San Paolo di Bari, affetta da algodistrofia fa parte delle “Malattie Rare”

sanità medici salute

Sanità

Il 23 dicembre 1978 nasceva il Servizio Sanitario Nazionale e quest’anno ne abbiamo festeggiato i suoi 40 aa. Quest’anno è stato anche il 70° Anniversario della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e lo abbiamo festeggiato ; Il 23 dicembre 1969 nascevo io ma quest’anno ho avuto ben poco da festeggiare !!!
Vi chiederete come mai?
Sono un dirigente-medico, chirurgo generale attualmente assegnata all’Ospedale San Paolo di Bari, che a settembre 2017 dopo RM riceveva la diagnosi di “Algodistrofia delle anche con necrosi asettica delle teste femorali”. Voi direte “un medico…di certo trovera’ una soluzione ai suoi problemi… saranno tutti pronti ad aiutarlo ( si sa fra di loro sai quanti favori si fanno…), ed invece da quel momento è iniziata la mia odissea.
L’algodistrofia fa parte delle “Malattie Rare” (quelle di cui non se ne occupa nessuno o pochi) , è estremamente dolorosa ed a eziologia sconosciuta . Ad essa si associa anche la “necrosi asettica delle teste femorali” cioe’ ad entrambi i femori non arriva sufficiente sangue da permettere la vitalita’ del tesuto osseo che progressivamente muore. I sintomi sono : vivo dolore in sede inguinale bilateralmente e ai glutei con notevole difficolta’ nella deambulazione.
La terapia piu’ gettonata è l’infusione endovenosa di bifosfonati e l’assunzione di vitamina D. Se questa terapia non da’ i risultati sperati , come nel mio caso, il passo successivo è sottoporsi a sedute di Ossigeno Terapia Iperbarica.
Voi mi direte…Che problema c’è? Nel tuo bellissimo Ospedale c’è L’unita’ Operativa di Ossigeno Terapia Iperbarica , centro di riferimento per tutto il meridione , che ti accogliera’ e ti permettera’ di sottoporti a ben 60 sedute ( secondo protocollo SISMI) senza nessun problema.
Ed inceve NULLA di tutto questo!!! Non è possibile eseguire la terapia a Bari perché la mia patologia NON RIENTRA NEI LEA della PUGLIA ( i famosi Livelli Essenziali di Assistenza cioè le prestazioni ed i servizi che il Sistema Sanitario Nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione- ticket- con le risorse pubbliche raccolte attraverso la fiscalita’ generale- le TASSE).
Sono costretta ad emigrare… a fare anch’io il solito”viaggio della speranza” che i meridionali conoscono molto bene ormai da secoli ma …“udite udite”… dove approda la mia nave? Al Centro Iperbarico Nike di Lecce ( Lecce è in Puglia vero?) che è un centro privato convenzionato con la Regione Puglia dove la sottoscritta , viaggiando tutti i giorni( 155 KM all’andata e 155 KM al ritorno) è riuscita a completare il suo primo ciclo di terapia pagando semplicemente un ticket di 46 euro ogni 8 sedute.
Trascorsi 4 mesi dalla fine delle sedute ripeto l’RM che da’ un netto miglioramento “ dell’edema intraspongioso della testa e del collo femorale d’ambo i lati con riduzione del versamento articolare maggiormente a destra” e un netto peggioramento di tutte le mie ernie discali probabilmente per le troppe ore trascorse seduta in auto per raggiungere Lecce ( ma questa è un'altra storia….).
Eseguo fisiokinesi terapia in acqua e ginnastica posturale ma a sinistra avverto ancora dolore ed inizio nuovamente a zoppiccare per cui il mio fisiatra in accordo con lo specialista reumatologo mi prescrivono altre 30 sedute di Ossigenoterapia Iperbarica.
Ritento un approccio amichevole col mio Ospedale , con la mia Direzione Sanitaria e Generale ma nulla, vado da un legale ma la ASL ba rimpalla la questione alla Regione, chiedo spiegazioni alla Regione Puglia ma nulla di fatto e sapete perché?
-Perché a Bari, tralasciando l’ottusita’ di alcuni Direttori, siamo fermi a delle indicazioni date dal Ministero della Salute risalenti al 1999 riconfermate nel 2006 (ma sbaglio o siamo nel 2019 ?);
- E volendo fare le sedute tutte a pagamento, quindi Extra LEA ? ( da 80 euro piu’ o meno a seduta …salvo indicazioni diverse date da chi pratica intramenia,) … NO non si puo’ perché la Puglia è nel Piano di Riordino…
e quindi ? …mi rimetto in macchina e vado a Lecce tutti i giorni per altri 30gg. tutto a spese mie non lavorando da ormai 13 mesi e a rischio di licenziamento perché’ mi avvio verso la fine del comporto.

Ma allora da CITTADINO mi chiedo . L’art 3 della Costituzione qualcuno lo ha mai letto ed applicato? E della Dichiarazione Universale dei diritti umani ne possiamo fare carta straccia?
Ma ancor peggio da MEDICO “Il Codice Deontologico “ qualcuno lo ha mai rispettato?

Francamente delusa ed amareggiata spero che qualcuno di VOI si voglia occupare della questione dell’Iperbarica Barese non solo per me ma per tutti quei cittadini, anziani, disabili e fragili che giornalmente devono viaggiare per un loro diritto “IL diritto alla Salute”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400