Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:28

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
La renitenza del capitano verso il forno del cavaliere

La renitenza del capitano verso il forno del cavaliere

 
L'analisi
Gilet gialli e pericolosi tentativi di imitazione

Gilet gialli e pericolosi tentativi di imitazione

 
L'analisi
L'Italia ricca in doppiopetto: ecco come si sta rompendo l'unità del Paese

Così l'Italia ricca cancella l'Italia

 
Il punto
L'italo-miscela esplosiva che preoccupa l'Europa

L'italo-miscela esplosiva che preoccupa l'Europa

 
La riflessione
Coalizione nel tunnel ad alta velocità

Coalizione nel tunnel ad alta velocità

 
L'analisi
Non basta un padre per fare un nuovo Pd

Non basta un padre per fare un nuovo Pd

 
L'analisi
Lo sbocco quasi obbligato del voto anticipato

Lo sbocco quasi obbligato del voto anticipato

 
L'analisi
Il conflitto come schema ma per crescere serve unità

Il conflitto come schema ma per crescere serve unità

 
Il punto
La decrescita «felice» di Bari e della Puglia

La decrescita «felice» di Bari e della Puglia

 
Verso il Festival
Tormentone Sanremo: al via una liturgia di 5 giorni

Tormentone Sanremo: al via una liturgia di 5 giorni

 
Il guastafeste
La Crusca e la querelle tra «scendere il cane e stare sopra la zia»

La Crusca e la querelle tra «scendere il cane e stare sopra la zia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

La riflessione

La politica nel pallone si affida a Oronzo Canà

«Quando mi hanno chiamato - ha confessato Lino Banfi attore canosino - ho detto “che c'entro io con la Cultura?"»

La politica nel pallone si affida a Oronzo Canà

Il celebre Oronzo Canà, l'«allenatore nel pallone» del film-cult del 1986, avrebbe risposto: «Mi avete preso per un c... one?». Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, invece, alla indicazione del ministro Luigi Di Maio, che lo vuole componente dell’Assemblea della Commissione nazionale italiana per l’Unesco, ha commentato in modo più elegante e anche imbarazzato di quanto avrebbe fatto il suo ruspantissimo alter ego che lo perseguita come un’ombra.

«Quando mi hanno chiamato - ha confessato l’82enne attore canosino - ho detto “che c'entro io con la Cultura?”. Normalmente rappresentanti all’Unesco sono state nominate persone laureate, che conoscevano la geografia, le lingue. Io voglio portare il sorriso ovunque, anche nei posti seri», ha però subito aggiunto Banfi dal palco dell’evento dei Cinquestelle sul reddito di cittadinanza. Quasi a promettere che nelle algide stanze della sede parigina porterà una ventata nazionalpopolare. E soprattutto senso pratico che gli deriva cromosomicamente dalla tradizione agricola familiare.

Nell’Unesco, l’organo delle Nazioni Unite che si occupa della tutela dei beni culturali di rilevanza mondiale, Banfi andrebbe a prendere il posto di Folco Quilici, l’esploratore e divulgatore dei mari scomparso l’anno scorso.
Diciamo la verità. L’attore, che esordì negli anni Sessanta nei panni del pugliese mediamente ignorante, furbastro e irascibile, è stato sdoganato da anni anche dalla intellighentia. Merito non solo della ventennale militanza nella fiction «Un medico in famiglia» nei panni di nonno Libero, ma anche di alcune performance teatrali e cinematografiche di apprezzata intensità drammatica.

Eppure la decisione del leader pentastellato ha scatenato polemiche. Il primo a impallinare il socio di governo è stato l’altro vicepremier Matteo Salvini (nemmeno lui in possesso di una laurea al pari di Di Maio e di Banfi), che ha commentato tagliente: «Lino Banfi va bene. E Jerry Calà? E Renato Pozzetto? E Umberto Smaila?». Forse battute suggeritegli dall’animo intimamente nordista? Mah. Per non parlare delle opposizioni, che in coro hanno attaccato il giovane ministro campano accusandolo di voler raccattare voti in più per quando serviranno, ad esempio alle prossime Europee.
Di Maio aveva già controreplicato, prima di ufficializzare la nomina, che la scelta deriva dal fatto che Banfi «ha fatto sorridere tre generazioni di italiani».
Nel Belpaese dove tutto diventa politica, e anzi polemica politica, vale tutto e il contrario di tutto. E il dibattito è ben lungi dallo smorzarsi.

Noi crediamo che Banfi non interpreterà il nobile ruolo alla Oronzo Canà, ma rispettando l’etichetta consona a un artista di lunga esperienza, capace di pronunciare le vocali secondo i dettami del teatro serio, un’etichetta che si addica ai paludati ambienti della capitale francese, un po’ come le nonne meridionali di una volta mettevano a tavola il servizio buono quando arrivava a casa il fidanzato della figlia maggiore.
Entrando, forse, in punta di piedi e chiedendo sommessamente scusa quando toglierà la parola a cattedratici di fama planetaria per spezzare una lancia a favore dei tesori della sua Italia e magari della nostra Puglia. E se poi lo faranno arrabbiare, se ne tornerà al suo... trullo proprio come minaccia nonno Libero dal piccolo schermo quando gli vengono i cinque minuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400