Giovedì 13 Dicembre 2018 | 09:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

 
La riflessione
Lo studio è un dovere non solo un diritto

Lo studio è un dovere non solo un diritto

 
L'analisi
Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

 
L'analisi
Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

 
La riflessione
Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

 
L'analisi
L’orizzonte nazional popolare del capitano

L’orizzonte nazional popolare del capitano

 
La riflessione
Povero Gesù bambino fatto diventare così povero

Povero Gesù bambino fatto diventare così povero

 
L'analisi
Grande è la confusione ma la situazione non è ottima

Grande è la confusione ma la situazione non è ottima

 
La riflessione
«Falsi poveri» di Basilicata i furbetti del tesserino

«Falsi poveri» di Basilicata i furbetti del tesserino

 
L'analisi
Sud, dove sei? Ti stanno condannando alla morte

Sud, dove sei? Ti stanno condannando alla morte

 
La riflessione
Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Se il cardinale parla del suicidio dell’Italia

 

L'analisi

L'insostenibile lentezza dei treni tra Bari e Roma

Certo, 475 chilometri in tre ore e mezza equivalgono a una media di 135 chilometri l’ora, una miseria in tempi di alta velocità: tra Roma e Milano si va a 300 all’ora

L'insostenibile lentezza dei treni tra Bari e Roma

I treni diretti tra Bari e Roma scendono a quattro, a giorni alterni tra il venerdì e la domenica. Durante la settimana ci si fermerà invece a Caserta e Benevento, con un fatale allungamento (Trenitalia garantisce di no) dei tempi di viaggio. Tre ore e mezza per fare 475 chilometri attraversando l’Irpinia sui binari vecchi cent’anni, aspettando - nel 2026, se va bene - la linea ad alta capacità. Ma prima di strapparci i capelli, riflettiamo: su quei treni comanda il mercato.

A giugno 2017 il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ottenne dal gruppo Fs - regnante il governo Pd - l’istituzione del treno diretto per la Capitale, che la società pubblica garantisce a tante altre città molto più piccole. Un esperimento, si disse allora. La decisione annunciata ieri da Trenitalia - che oggi è sostanzialmente in mano alla Lega, per il tramite di un manager che a Bari abbiamo conosciuto piuttosto bene - dice che quell’esperimento non ha avuto successo: il diretto funziona nel fine settimana, per chi rientra il venerdì da Roma e ci torna il lunedì mattina, ed è invece molto meno frequentato durante gli altri giorni. In Campania, viceversa, si fa il pieno di abbonati: chiunque viaggi in treno sa che le carrozze in partenza dalla Puglia sono vuote fino a Caserta e Benevento, dove si riempiono di pendolari.


Questi sono i fatti. Certo, 475 chilometri in tre ore e mezza equivalgono a una media di 135 chilometri l’ora, una miseria in tempi di alta velocità: tra Roma e Milano si va a 300 all’ora, e ci sono tratti della linea Adriatica adeguati ai 250. In Puglia, no: il progetto per arrivare da Bari a Napoli in due ore (oggi non ci sono nemmeno treni diretti) è di là da venire, perché i lavori per la nuova linea saranno lunghissimi, e non sono nemmeno finanziati per intero.
E dunque? È evidente che in settimana chi da Bari deve muoversi da e verso Roma sceglie altre soluzioni, a volte addirittura più economiche del treno (il riferimento è a Flixbus) per quanto più lente. L’aereo ha vantaggi è svantaggi, il secondo costituito soprattutto dalle tariffe che in alcuni momenti dell’anno appaiono proibitive. Il treno ha l’enorme vantaggio di condurre direttamente nel centro della città, ma ha anche costi di esercizio enormi che Trenitalia non può affogare - come faceva Alitalia in certi casi - nel mare magnum dei debiti: se i ricavi non superano i costi, si chiude.


Sul problema dello scarso traffico si può discutere all’infinito: è un problema di offerta o di domanda? È dovuto ai costi, alla comodità, al tempo di percorrenza? Non lo sappiamo. Di certo c’è che non siamo ancora al punto in cui il treno è il mezzo più comodo, senza discussioni. Lo sarà quando anche tra Bari e Roma si potrà viaggiare a 200 all’ora, scendendo a tre ore. Nel frattempo, aspettando i lavori lumaca dell’alta capacità, la Puglia è condannata ad accontentarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicolino

    23 Novembre 2018 - 00:12

    Calma calma... io sarei meno drammatico. Tutto vero. Ma restiamo alle novità: i 4 nuovi treni del weekend (no stop puri) sono una buona intuizione dettata dal mercato. Prendi e porta a casa, felicemente. I no stop settimanali (con sosta a Caserta e Benevento) come si ricorda nell'articolo sono nati da atto politico (De caro li chiese al Governo Pd). E per atto politico avrebbero anche potuto essere cancellati (viaggiano perlopiù vuoti). Invece Trenitalia (a trazione leghista come ben ricorda l'articolo, oggi molto più interessata al Sud!) li conferma e a modesto parer mio li 'salva' istituendo le fermate di Caserta e Benevento. Ma confermando il bypass di Foggia (lì si perde tempo sì per il regresso in stazione). Foggia a cui viene anche confermata invece la coppia Frecciargento da e per Roma, va detto: cioè attenzione anche per la Capitanata. I 200 km orari non li abbiamo, verissimo. Ma al contrario della tav la Roma Bari continua a essere confermata dai legastellati. Dai su, coraggio

    Rispondi

  • Francesco Paolo

    22 Novembre 2018 - 14:02

    Avete provato a viaggiare su quel treno? Bari Roma 6.24 ed a tornare con quel treno Roma Bari 18.55? Chi dice che è vuoto dice chiacchiere. Non solo. Avete provato con un andata e ritorno in giornata partendo da Bari ad anticipare il ritorno (rispetto alle 18.55) in un giorno anche infrasettimanale ? Praticamente impossibile. I Bari-Roma-Bari vengono monopolizzati dai pendolari di Caserta.

    Rispondi