Martedì 13 Novembre 2018 | 08:44

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Amarcord Rocco e le sue esibizioni

Amarcord Rocco e le sue esibizioni

 
La riflessione
Il pallone, i giornali e le regole del gioco

Il pallone, i giornali e le regole del gioco

 
L'analisi
La lezione (non solo) politica del caso Raggi

La lezione (non solo) politica del caso Raggi

 
Il punto
Potere «invano» legge «invano»: così retrocede una nazione

Potere «invano» legge «invano»: così retrocede una nazione

 
L'analisi
Soldi e fisco, quello che le cifre non dicono

Soldi e fisco, quello che le cifre non dicono

 
La riflessione
L’importanza del pareggio tra Roma e Bruxelles

L’importanza del pareggio tra Roma e Bruxelles

 
L'analisi
Gli Stati Uniti hanno Michelle, noi abbiamo Virginia e Chiara

Gli Stati Uniti hanno Michelle, noi abbiamo Virginia e Chiara

 
L'analisi
«Zero al Sud», l'incredibile risultato del federalismo

«Zero al Sud», l'incredibile risultato del federalismo

 
La riflessione
Migranti, gli errori dei governi italiani

Migranti, gli errori dei governi italiani

 
L'analisi
Dalla corsa al centro alla fuga dal centro

Dalla corsa al centro alla fuga dal centro

 
L'analisi
Il dissesto del Malpaese: l'oltraggio all'ambiente

Il dissesto del Malpaese: l'oltraggio all'ambiente

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'analisi

I soldi da trovare e la febbre dei sondaggi

Negli ultimi tempi, la gestione della lingua italiana nel Palazzo è piuttosto faticosa. Ma se si usassero più condizionali, se si dicesse «vorremmo» invece di «vogliamo», «faremmo» invece di «faremo», lo spread riuscirebbe a rilassarsi invece di vivere ogni momento sull’orlo della crisi nervosa

soldi

Da quando nel novembre del 2011 Mario Draghi è diventato presidente della Banca centrale europea, estorcergli una sillaba su un singolo paese e in particolare sul suo è stata un’impresa quasi impossibile. Se l’altro ieri gli è scappato di dire: «Le parole del governo hanno fatto danni agli italiani. Aspettiamo i fatti», significa che l’irritazione era ormai incontenibile. Negli ultimi tempi, la gestione della lingua italiana nel Palazzo è piuttosto faticosa. Ma se si usassero più condizionali, se si dicesse «vorremmo» invece di «vogliamo», «faremmo» invece di «faremo», lo spread riuscirebbe a rilassarsi invece di vivere ogni momento sull’orlo della crisi nervosa. Laura Castelli, attivissima vice ministro dell’Economia per il M5S, ha annunciato che dal primo gennaio non esisteranno «pensioni di cittadinanza» inferiori a 780 euro mensili. Sarebbe giusto e ne saremmo tutti lietissimi, ma ne ha parlato col suo ministro Giovanni Tria? Abbassare l’età pensionabile da 67 a 64 anni (arrivando a 100 con gli anni di contributi) costa 11,5 miliardi al netto delle tasse. Portarla a 62 – come vorrebbe Matteo Salvini - costerebbe un miliardo e mezzo in più. Lo abbiamo?

Lega e Movimento 5 Stelle hanno concordato di dividere a metà le risorse disponibili: 50 per cento per ridurre le tasse e 50 per il reddito di cittadinanza. Non sappiamo se l’abolizione della Fornero sia patrimonio comune o vada nella quota leghista. Al ministro dell’Economia è scappato di dire che preferirebbe abbassare di un punto l’aliquota fiscale più modesta.

Ma è il passo della formica in un governo di gazzelle e infatti ieri il progetto è stato accantonato. Quindi è difficile capire davvero che cosa accadrà, dopo che l’intero governo si è detto d’accordo nel non superare il famoso 3 per cento di rapporto tra deficit di bilancio e prodotto, ma non si è impegnato a portarlo troppo sotto. Se si riuscisse a escludere dal conto gli investimenti – come richiesto invano dagli ultimi governi – già si farebbe un passo decisivo. Per ora il solo gioco di parole denunciato da Draghi è costato qualche miliardo agli interessi dello Stato e dei risparmiatori. Potremmo recuperarlo con una legge di bilancio assennata. Riusciremo a farlo?

La colpa di tutto questo affanno dissennato sono i sondaggi. È vero che contano soltanto i seggi in Parlamento (330 del M5S contro i 183 della Lega), ma da quanto le proiezioni di voto vedono il partito di Salvini superare il 30 per cento e distaccare di 4/7 punti quello di Di Maio, è cominciata una rincorsa forsennata a chi promette di più. (E il «merda!» di cui ieri il nostro ministro dell’Interno è stato gratificato dal suo collega lussemburghese lo farà volare ancora di più). A fine maggio ci saranno le elezioni europee. Nel 2014 Renzi arrivò al 41 per cento grazie anche ai 10 miliardi spesi per gli 80 euro. Lega e 5 Stelle vorrebbero spendere 8 miliardi ciascuno, ma anche se li trovassero dovrebbero ridimensionare di molto le loro promesse.

Si aggiunga che il crollo del ponte di Genova sta segnando tra i due fronti una pericolosa spaccatura ideologica, prima che politica. Non essere riusciti a fare un decreto vero e proprio (il «salvo intese» equivale a una scatola vuota) è un brutto segnale. Figuriamoci che cosa accadrà quando si discuterà di nazionalizzare la rete di Autostrade per l’Italia (la convenzione è unica e non si può scorporare, si dice, soltanto il tratto ligure). Anche qui, prima di parlare sarebbe meglio mettersi d’accordo per non trasformare noi poveri cronisti in decrittatori di geroglifici…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400