Domenica 01 Agosto 2021 | 23:08

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Fino all'alba», la leggerezza dell'estate nel brano della pugliese Manuela

«Fino all'alba», la leggerezza dell'estate nel brano della pugliese Manuela

 
Nuove uscite
«Flow», è in musica l’invito a lasciarsi andare della brindisina Sabrina De Mitri

«Flow», è in musica l’invito a lasciarsi andare della brindisina Sabrina De Mitri

 
Concerti
Francesca Michielin a Castro per Porto Rubino: «Il mio rapporto col mare è viscerale»

Francesca Michielin a Castro per Porto Rubino: «Il mio rapporto col mare è viscerale»

 
Il concerto
Piero Pelù sbanca a Molfetta: applausi e messaggi ai suoi «ragazzacci» per una serata indimenticabile

Piero Pelù sbanca a Molfetta: applausi e messaggi ai suoi «ragazzacci» per una serata indimenticabile

 
Musica
Porto Rubino, tra gli ospiti di Castro c'è Edoardo Bennato: «Quella volta che ho suonato su una barca...»

Porto Rubino, tra gli ospiti di Castro c'è Edoardo Bennato: «Quella volta che ho suonato su una barca...»

 
Musica
«Retrogusto», il viaggio in musica del pugliese Pier Dragone fa tappa tra Ruvo e Poggiorsini

«Retrogusto», il viaggio in musica del pugliese Pier Dragone fa tappa tra Ruvo e Poggiorsini

 
Musica
«Broken heart», la fine di una relazione nelle note della tarantina Moinè

«Broken heart», la fine di una relazione nelle note della tarantina Moinè

 
Il tour
«Parola», la musica di Giovanni Caccamo incontra sul palco l'arte di Michele Placido

«Parola», la musica di Giovanni Caccamo incontra sul palco l'arte di Michele Placido

 
Dal 19 al 25 luglio
Parte il viaggio di «Porto Rubino»: la musica celebra il mare di Puglia

Parte il viaggio di «Porto Rubino»: la musica celebra il mare di Puglia

 
Nuove uscite
«Una canzone così», il Sud di Italia e America convive nel nuovo brano della salentina Alessandra Nicita

«Una canzone così», il Sud di Italia e America convive nel nuovo brano della salentina Alessandra Nicita

 
Musica
«Così», in arrivo il nuovo singolo del salentino Badisco

«Così», in arrivo il nuovo singolo del salentino Badisco

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Lutto

Jazz, addio a Rino Arbore, chitarrista delle emozioni

Il suo ultimo e recentissimo disco si intitola 'Temporary Life?'

Jazz, addio a Rino Arbore, chitarrista delle emozioni

La comunità del jazz pugliese ha perso Rino Arbore: il chitarrista barese, 62 anni, si è arreso a un male perfido contro il quale combatteva da tempo. Proprio poche settimane fa, quando ormai era chiaro che la fine fosse prossima, Arbore aveva regalato agli appassionati la sua ultima fatica discografica, l’album Temporary Life?, un’opera intensa nella quale si era confermato non solo un solista di rango e un compositore dalla penna particolarmente felice, ma anche e soprattutto un artista capace di trovare ispirazione negli stimoli più disparati.

In questo caso, la sua musica densa di emozioni e par nulla accondiscendente alle mode aveva preso le mosse da alcune immagini che rimandavano all’orrore inspiegabile, ingiustificabile, del lager nazista di Auschwitz; lo stesso orrore che si percepiva nello sguardo terrorizzato, incapace di comprendere, della tredicenne polacca Czeslawa Koka, ritratta per gli archivi del campo di concentramento da Wilhelm Brasse, detenuto anch’egli, ma con il compito di fotografo ufficiale. Compagni di viaggio in quello che oggi appare più che mai come un piccolo testamento spirituale, alcuni giovani e talentuosi colleghi pugliesi, ovvero il sassofonista Mike Rubini, il trombettista Giorgio Distante, il bassista Giorgio Vendola e il batterista Pippo D’Ambrosio. Si trattava di un album inciso prima che la malattia lo costringesse all’inattività e che seguiva di ben sei anni la sua precedente fatica discografica, Roots of Unity che era stata presentata anche in concerto a Bari, al teatro Forma, con il francese Michel Godard, un virtuoso della tuba e del serpentone coinvolto a più riprese in numerosi progetti del jazz pugliese.
In occasione dell’uscita di Temporary Life?, l’attività di lancio del disco non si era ovviamente potuta avvalere del supporto concertistico consueto in questi casi. Era stata Isabel Romano, moglie e «compagna» di Arbore che con grande sensibilità e passione si era profusa nell’attività di promozione.

Nella giornata di ieri, la notizia della sua scomparsa è stata accolta con profonda tristezza dalla grande famiglia del jazz, che l’ha commentata sui social, dando l’ultimo saluto a uno dei suoi rappresentanti più personali, ricordandone anche la presenza discreta sulle scene concertistiche, frutto di un carattere schivo e di un’attitudine a proporsi dal vivo solo per comunicare una musica nuova e il più possibile originale. Potrebbe sembrare un’osservazione scontata, ma proprio il titolo interrogativo del disco, con quel suo accento sulla transitorietà di un’esistenza che in nessun modo ci è dato di governare, ci appare come l’ultimo saluto di un interprete che intendeva l’arte come conseguenza di un «pensiero». E che ci ha lasciato Temporary Life? per ricordarci che il tempo di porsi delle domande non scade mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie