Sabato 15 Maggio 2021 | 01:09

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Marchio di fabbrica», nuovo singolo per il pugliese 21 Graffi

«Marchio di fabbrica», nuovo singolo per il pugliese 21 Graffi

 
Canzoni
«Io, te e la panchina», fuori il nuovo singolo del salentino Guglielmo Lai

«Io, te e la panchina», fuori il nuovo singolo del salentino Guglielmo Lai

 
prodotto da Molla
«Vita da film», l'esordio del pugliese Fanizzi, bancario di giorno e artista di notte

«Vita da film», l'esordio del pugliese Fanizzi, bancario di giorno e artista di notte

 
Canzoni
«Rimani», nuovo singolo per il foggiano Gaudiano: «Al Luca pre-Sanremo direi che tutto è possibile»

«Rimani», nuovo singolo per il foggiano Gaudiano: «Al Luca pre-Sanremo direi che tutto è possibile»

 
Musica d'autore
«Quel violoncello rubato continua a narrare la mia storia», parla Redi Hasa

«Quel violoncello rubato continua a narrare la mia storia», parla Redi Hasa

 
Il disco
Gocce di musica, «Drops» di Don Ciccio e Congo

Gocce di musica, «Drops» di Don Ciccio e Congo

 
Musica
«Abissale», il tour di Gio Evan tocca anche la Puglia

«Abissale», il tour di Gio Evan tocca anche la Puglia

 
Nuove uscite
«L'amore a cui non credi», viaggio nella felicità con la musica di Sal Da Vinci

«L'amore a cui non credi», viaggio nella felicità con la musica di Sal Da Vinci

 
Musica
«Casa», dal 28 maggio fuori il nuovo disco del tarantino Pierdavide Carone: «Non è solo un luogo fisico»

«Casa», dal 28 maggio fuori il nuovo disco del tarantino Pierdavide Carone: «Non è solo un luogo fisico»

 
Il libro
«Pensavo dormissi», una jam session dell'ironia

«Pensavo dormissi», una jam session dell'ironia

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
LecceL'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
TarantoEx Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

Disco

Con Mauro Gargano il jazz risuona di «distanziamento»

Il nuovo album Feed al ritmo della vita

Con Mauro Gargano il jazz risuona di «distanziamento»

Pochi mesi dopo il poetico omaggio a Pasolini realizzato con Nuages, il contrabbassista barese Mauro Gargano torna a proporre una nuova fatica discografica con Feed. Questa volta però l’intento non è celebrativo, ma è figlio della prima ondata della pandemia che in un certo senso ha stimolato il Nostro a realizzare un lavoro considerevolmente diverso, sia per la formula prescelta, sia per l’approccio emotivo. Feed, ricorda Gargano, è il verbo inglese con il quale si indica l’azione del nutrire, l’alimentare e in questo caso, appunto, la musica assolve in modo ancora più fondamentale alla funzione di nutrimento dell’anima, avendo anche il compito di riempire i vuoti dell’isolamento pandemico, di lenire un dolore che spesso trascende il fisico per aggredire molto più subdolamente la psiche. In aggiunta a questa funzione per così dire più squisitamente metafisica, Gargano realizza con quest’album registrato a Parigi – città in cui opera e risiede ormai da anni – un progetto da lungo tempo accarezzato, ovvero di lavorare sulla formula del piano trio, evitando in ogni modo l’insidia di ripercorrere itinerari già battuti da fin troppo illustri precedenti. Un riferimento stilistico, il suo, che parte dalla Storia per abbracciare il contemporaneo volgendo lo sguardo anche oltre il solo mondo del jazz. E non c’è dubbio che un ruolo significativo nella realizzazione di questo progetto venga svolto da un altro pugliese, il talentuoso pianista di origini tarantine Alessandro Sgobbio, attivo prevalentemente sulla scena nordeuropea, ma spesso coinvolto anche in imprese transalpine. Con loro, il batterista francese Christophe Marguet, a completamento di una formazione che cattura immediatamente l’attenzione degli ascoltatori. Il disco si apre con Feed, la cui partenza sfilacciata conduce via via a una struttura sempre più solida, non priva di alcune esplosioni ritmiche dal vago sapore stravinskiano. Di Full Brain si apprezza il crescendo ritmico e timbrico che vede basso e pianoforte impegnati in un tema ridondante dalle metriche dispari. Il forte legame di Gargano con la Puglia si unisce poi all’impegno di una coscienza civile ed ecologica in Ilva’s Dilemma, un brano dedicato alla ferita a cielo aperto dello stabilimento siderurgico tarantino, al quale, più avanti nella scaletta, è ispirato anche The Red Road. Nel caso del primo brano, si tratta in realtà di un ripensamento di Pasolini – contenuto nel già citato Nuages – che qui si colora di una drammaticità assimilabile a quella delle marce funebri pugliesi e che Sgobbio sa ben descrivere con delle rapsodiche sortite pianistiche. The Red Road rievoca invece la sottile polvere killer che da anni colora di morte la Città dei due mari e incornicia un solo di contrabbasso dalla notevole cantabilità. È inevitabile cogliere l’idea del distanziamento, un mantra dei nostri tempi, già nel titolo di un brano come Keep Distance, il cui andamento ipnotico si dipana attraverso colori cupi, mentre la melodia di Look Beyond the Window, sembra pensata proprio per mettere le ali alla speranza e all’ottimismo con la sua forma canzone dal taglio sovrastilistico. In Lost Wishes – desideri perduti – Gargano sostiene di essere partito dall’idea di comporre una melodia natalizia approdando invece a un folklore ideale dalle venature colemaniane e in effetti il suo tema lento, scandito dalle note del contrabbasso, potrebbe ricordare a momenti il lavoro svolto da Charlie Haden nell’album The Shape of Jazz to Come. Il cd si conclude con una dedica alla memoria di Gianni Lenoci e non a caso l’ultimo brano, pur essendo un «original», s’intitola Secret Garden come una composizione del pianista monopolitano. Siamo di fronte a un quadro delicato e poetico che, come spiega Gargano, è la risultante di una serie di «haiku melodici» inseriti in un più ampio contesto improvvisativo. Ci piace tuttavia intendere il ricordo allo sfortunato collega come un invito a raccoglierne l’insegnamento intellettuale di ricerca della sostanza, di attenzione agli intimi significati dell’essere e delle sue più varie traduzioni, in un lavoro lontano da mode e facili consensi, eppure per nulla estraneo al contingente. Insomma, «pensare» e «capire» la musica, per «pensare» e «capire» la vita.

(foto Facebook - Davide Del Giudice)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie