Sabato 12 Giugno 2021 | 15:34

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Delbyy, il sogno della musica da San Severo ai casting di Amici

Delbyy, il sogno della musica da San Severo ai casting di Amici

 
Musica
«Gin Tonic»: l'estate nel nuovo singolo del barese Il Mago

«Gin Tonic»: l'estate nel nuovo singolo del barese Il Mago

 
Musica
«Per non perderti», la fragilità dell'amore nel nuovo singolo del salentino AISAR

«Per non perderti», la fragilità dell'amore nel nuovo singolo del salentino AISAR

 
L'album
Ecco 'Ars Insidiae' la trappola sonora che cattura chi ascolta

Ecco 'Ars Insidiae' la trappola sonora che cattura chi ascolta

 
Anteprima
«Come sale», l'amore senza differenze nel nuovo singolo del mesagnese Ignazio Deg

«Come sale», l'amore senza differenze nel nuovo singolo del mesagnese Ignazio Deg

 
Il disco
«Carne e poesia»: le fragilità dell'uomo nell'ultimo album del pugliese Pietro Verna

«Carne e poesia»: le fragilità dell'uomo nell'ultimo album del pugliese Pietro Verna

 
Musica
Jasmine Carrisi

«Calamite», la freschezza di Jasmine Carrisi nel nuovo singolo perfetto per l'estate

 
Tormentoni
«Mohicani», i Boomdabash infiammano l'estate 2021 in duetto con Baby K

«Mohicani», i Boomdabash infiammano l'estate 2021 in duetto con Baby K

 
L'album
Ecco i «lupi» di Emanuele Barbati, tra ecologia e musica

Ecco i «lupi» di Emanuele Barbati, tra ecologia e musica

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

 
LecceLa tragedia
Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

 
BariL'analisi
Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 

i più letti

La recensione

Con Mauro Gargano il contrabbasso fa suonare le nuvole

Il disco del jazzista: «Nuages», dedicato a Pasolini

Con Mauro Gargano il contrabbasso fa suonare le nuvole

Fra gli omaggi che celebrano i 45 anni della scomparsa di Pier Paolo Pasolini, merita decisamente attenzione Nuages, il bell’album inciso dal contrabbassista Mauro Gargano e ispirato in particolare a Cosa sono le nuvole, l’episodio che il tormentato regista e intellettuale friulano firmò nel 1968 nel film corale Capriccio all’italiana. Non è la prima volta che Gargano - barese di nascita, ma ormai da anni residente a Parigi, dove è un apprezzato membro della famiglia jazzistica – attinge ispirazioni da eventi e personaggi extramusicali, ma stavolta si può dire che abbia decisamente superato se stesso, riuscendo a mettere assieme un novero di brani che, pur composti in epoche diverse, formano un quadro sonoro di assoluta suggestione, fino a realizzare quella che egli stesso definisce una «epifania dei sentimenti».

E le scelte operate si rivelano raffinate sin dall’allestimento della formazione, per la quale Gargano ha scelto innanzitutto la voce raffinata e trasversale del clarinetto di Matteo Pastorino, affidandone il sostegno al pianoforte di Giovanni Ceccarelli e alla batteria di Patrick Goraguer. Con questa affiatata formazione, la musica si dipana leggera e inebriante, finendo per proporre agli ascoltatori una rappresentazione jazzistica appunto delle nuvole e del loro essere cangianti, in costante movimento, impalpabili eppure maestose alla vista. È inevitabile, allora, la partenza dalle note della struggente Cosa sono le nuvole, la canzone tratta dal film omonimo che Domenico Modugno musicò su testo di Pasolini. Qui il tema sembra appena mormorato dal clarinetto, che crea un’atmosfera di raffinata delicatezza, cui si concatena la danza malinconica del successivo Nuvole. Colori latini ammantano quindi la leggiadra Danza della sera, arricchite dalle sonorità scure e legnose del clarinetto, mentre Venere allo specchio assume dei toni crepuscolari.

Le origini baresi di Gargano riemergono nel titolo di Il Papunno, un brano dall’incedere lento e misterioso che richiama una nenia balcanica e che nei suoi undici minuti mette assieme episodi diversi legati tra loro da un bel pedale di basso. Her to Me è una ballad latina che guarda alla tradizione dei choros, mentre L’isola di Arturo è un blues modale che si apre a momenti di libertà espressiva. La scaletta prosegue con Pasolini (Nubi di periferia) che di PPP coglie la sensibilità profonda e lo spirito critico, aprendo a colori moderatamente free nei quali sembra di poterne cogliere il drammatico epilogo esistenziale. Skeduishe potrà forse sembrare un titolo albanese agli abitanti della Ville Lumière, ma per i baresi ha un significato assolutamente chiaro che si coglie anche nel suo swing destrutturato. E se Elda è un breve quadretto sonoro, il conclusivo Nuages chiude il cerchio da Pasolini al jazz manouche di Django Reinhardt con un bellissimo duo di contrabbasso e clarone dagli echi quasi dolphiani. Un album prezioso, per un jazz da camera raffinato e contemporaneo. Da non perdere assolutamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie