Giovedì 21 Gennaio 2021 | 12:55

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

 
Il disco
Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

 
La notizia
È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

 
Musica
Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

 
L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
FoggiaIl caso
Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 

i più letti

Musica

Larocca in campo, videoclip contro ogni razzismo

«I can’t breathe», dedicato al delitto Floyd, da mercoledì, fra Monopoli, Gravina e Aliano

Larocca in campo,  videoclip contro ogni razzismo

Una canzone dal respiro internazionale il cui testo, cantato in inglese, è un grido di rabbia per il desiderio di libertà e uguaglianza, ispirato alla morte di George Floyd e al movimento globale sul tema razziale. «I can’t breathe» («Non respiro») è il nuovo singolo del cantautore gravinese Domenico Larocca da ieri disponibile sulla piattaforma digitale.

Il brano anticipa il video la cui uscita è prevista per mercoledì 16 su Youtube, che segna l’esordio alla regia dello stesso Larocca che ha scelto come location Aliano (Matera), Capitolo (Monopoli) e Gravina in Puglia.

Non è la prima volta che Larocca propone un brano di impegno civile e sociale. Qualche mese fa in pieno periodo lockdown, infatti, con un collettivo di musicisti del barese e dell’Alta Murgia riuniti sotto il nome di Artists from Puglia, aveva proposto una riuscita cover di «Blowin’ in the Wind» di Bob Dylan, il cui intento era quello di trasmettere speranza in un futuro migliore e, soprattutto, mostrare il grande potere curativo che la musica ha attraverso le parole e le note di questa straordinaria composizione.

In I can’t breathe (prodotto da Murgiahub Soc. Coop. e Place to be Records), brano inedito scritto da Larocca con Eleonora Scippa, si avvale dei musicisti Nicolò Petrafesa (pianoforte), Chiara Ianora (coro), Gaio Ariani (batteria), Graziano Pennetta (basso) e Vito Faretina (chitarre). «I can’t breathe. Is it true what I see?» (Non riesco a respirare. È vero quello che ho visto?). Inizia così il testo del cantautore pugliese che questa volta ha deciso di affrontare un tema quanto mai attuale e unirsi così al coro di protesta mondiale, contro violenza e razzismo, partito dalla città di Minneapolis in Minnesota lo scorso maggio.

Prima di morire, il 25 maggio, soffocato da un poliziotto, Floyd, infatti ha ripetuto «non riesco a respirare» 20 volte.
L’uccisione dell’afroamericano ha innescato una serie di proteste contro la polizia e scontri razziali negli Usa per le frequenti uccisioni di neri da parte degli agenti americani nelle prime fasi dell’arresto. Inspirandosi a questo drammatico episodio Larocca, quindi, racconta la storia di un uomo che è diventata storia dell’umanità. «La canzone è nata in modo quasi viscerale – commenta Larocca -, dopo aver visto il video in cui Floyd veniva ucciso. È un brano di denuncia contro la violenza che è ovunque, in ogni strada, in ogni città, e quindi è importante guardarsi intorno e non sentirsi lontani da quello che è capitato in America».

Il testo prosegue poi con un’altra frase importante: «What have you done to my father to my sister?», cioè Che cosa hai fatto a mio padre e mia sorella? «Una domanda che esige risposta e merita un’azione collettiva – prosegue Larocca-, perché nessun uomo, mai più, si senta solo e sia discriminato o ucciso per il colore della pelle»

Il racconto in musica termina con un’esortazione ad agire, ad esserci, a non abbassare la testa mai. Per quanto riguarda il videoclip, in uscita mercoledì, Larocca anticipa: «Le immagini sono un pugno nello stomaco e si avverte con maggiore intensità il senso del brano grazie all’importanza del legame profondo che i protagonisti hanno con la natura e la sua forza invisibile che guida le azioni dell’animo umano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie