Giovedì 21 Gennaio 2021 | 16:50

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

 
Il disco
Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

 
La notizia
È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

 
Musica
Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

 
L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità stabilimento di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

 
Barila decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Il ricordo

Parla Renzo Arbore: Onofrio Pepe ci mancherà

Onofrio per noi era un solido punto di riferimento per tutto ciò che riguardava la Puglia

Arbore: Onofrio Pepe ci mancherà

Renzo Arbore ricorda Onofrio Pepe. Dopo le parole del produttore Alessandro Contessa, del regista Nico Cirasola e del polistico Massimo D’Alema (pubblicate nell’edizione di ieri), tocca allo showman foggiano ricordare l’amico Pepe che, oltre al film Focaccia Blues, lo ha coinvolto in tante iniziative culturali e gastronomiche con il solo intento di esaltare la bellezza e bontà della Murgia e della Puglia intera. Il giornalista, uomo politico, animatore culturale e promotore dell’enogastronomia, è infatti scomparso l’altro giorno a soli 69 anni.

«Onofrio per noi, era un solido punto di riferimento per tutto ciò che riguardava la Puglia – commenta Arbore-. Dico per noi perché parlo della colonia pugliese qui a Roma formata da Michele Mirabella, Lino Banfi, Gegè Telesforo e tanti altri e perfino la colonia napoletana con in testa Marisa Laurito e tutti gli altri che amavano la cucina e la gastronomia pugliese. Onofrio è stato uno degli artefici e divulgatore della gastronomia pugliese».

Quando è iniziata questa amicizia?

«Il primo invito me lo fece diversi anni fa, in occasione del Salone della Gastronomia a Milano. Ricordo che la nostra gastronomia veniva presentata con il classico piatto orecchiette con le cime di rapa. Lui, invece, chiamò lo chef Gianfranco Vissani, con il quale ci fu una grande simpatia, e cominciammo a divulgare tutti i cibi e le ricette di una delle capitali della cucina pugliese, Altamura. Una città molto importante perché il pane, quindi le vie del pane che Onofrio aveva inventato, è stato il biglietto da visita della gastronomia pugliese, seguito a ruota dalla focaccia».

Focaccia che ad un certo punto è diventato un simbolo tanto da ispirare il film «Focaccia Blues» diretto da Nico Cirasola.

«Infatti, a quel film partecipammo io e Lino Banfi ed ebbe un successo straordinario tanto da girare in tutto il mondo. La focaccia, quindi, è diventato un simbolo della grande qualità e bontà della gastronoma pugliese. Il film ebbe delle critiche straordinarie perché raccontava di una piccola panetterie di paese del Sud che sconfiggeva un colosso del fast food americano come il McDonald’s. Ricordo che andammo in alcune città americane a presentare il film nelle sale cinematografiche».

L’impegno di Pepe era orientato anche su altri campi?

«Certo, Onofrio non “cantava” solo la bellezza della gastronomia, ma si era inventato anche l’associazione “Amici del fungo cardoncello”, della quale mi onoro di essere il presidente onorario, che lui aveva contribuito a salvare. Poi, scherzando abbiamo fondato la Federlamp, per l’esaltazione del lampascione, e una scherzosissima gara che si chiamava “l’orecchietta più veloce del West”, in cui Onofrio coinvolgeva signor che facevano a gara per essere più veloci l’uno dell’altra. Sono stati anni bellissimi».

Com’era Onofrio Pepe?

«Era una persona simpatica, spiritosa, elegante, intelligente e tanto amabile. Amava moltissimo la sua terra: le Murge, ma anche la Basilicata e Matera. Ricordo che ci inviava il panettone fatto di grano duro, quindi si inventava tante cose e per noi era una scoperta gastronomica ogni anno. Abbiamo perso un amico vero, un grande operatore culturale della Puglia, che aveva intuito prima di altri che uno dei motivi per amare la nostra terra è anche la qualità del nostro cibo. Sono addolorato per questa perdita e sono vicinissimo ai suoi cari e tutti gli amici di Altamura che spero di non perdere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie