Mercoledì 12 Agosto 2020 | 14:29

NEWS DALLA SEZIONE

l'evento
Colapesce e Dimartino e il tour congiunto al Locus Festival: «Ormai è come se fossimo una band»

Colapesce e Dimartino e il tour congiunto al Locus Festival: «Ormai è come se fossimo una band»

 
L'INTERVISTA
Ma la Sinfonica ha bisogno della sua casa

Bari, la Sinfonica ha bisogno della sua «casa»

 
L'INTERVISTA
Diodato, canto un'altra estate

Diodato, canto «Un'altra estate» per dare senso a ciò che vale

 
nel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
l'intervista
Fatoumata Diawara al Locus Festival: «Nella mia musica l'invito a non dimenticare le minoranze»

Fatoumata Diawara al Locus Festival: «Nella mia musica l'invito a non dimenticare le minoranze»

 
nuove uscite
«Luce»: la band salentina Il Purgatorio di Tom e il loro messaggio di speranza in musica

«Luce»: la band salentina Il Purgatorio di Tom e il loro messaggio di speranza in musica

 
MUSICA
L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

 
musica
«Vieni via con me», il nuovo singolo del pugliese 21 Graffi, scritto durante il lockdown

«Vieni via con me», il nuovo singolo del pugliese 21 Graffi, scritto durante il lockdown

 
MUSICA
Il Bari Piano Festival

Il Bari Piano Festival tra virtuosi, talenti e sinergie col Bif&st

 
nuove uscite
«Anche l'ozio vuole la sua partner»: l'amore cantato dal tarantino Gregucci

«Anche l'ozio vuole la sua partner»: l'amore cantato dal tarantino Gregucci

 
6 e 9 agosto
Daniela Mastandrea porta in tour i suoi «Mondi Paralleli»: appuntamento a Fasano e Martina Franca

Daniela Mastandrea porta in tour i suoi «Mondi Paralleli»: appuntamento a Fasano e Martina Franca

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baricontagi
Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
Foggiala decisione
Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
TarantoLA NOMINA
L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

Musica e spettacolo

Barletta, il rap urbano di Claid, tra denunce e speranza

Online i brani di Claudio Cafagna: «Quando scrivo dico ciò che penso»

Il rap urbano di Claid, denunce e speranza

BARLETTA - «Il rap, avendo la possibilità di raccontare se stessi in un flusso incontrollato e incontrollabile, richiama un po' il flusso di memoria, e quindi Freud e Jung». Bisogna partire da questo aforisma di Caparezza per comprendere lo stato d’animo che spinge il barlettano Claudio Cafagna, in arte Claid, «a vivere in simbiosi con il rap». «Da un anno ho iniziato a fare rap perché amo la musica, riesce a trasmettermi qualcosa che le persone non riescono a fare. Ho capito che la musica è la mia vita da quando tramite una penna riuscivo a trasmettere le mie emozioni, ciò che provo realmente, cosa che non facevo più con la gente», ha raccontato l’artista barlettano.

«Ho avuto il piacere di collaborare con Joka Diablo un artista molto forte di Napoli, abbiamo fatto un brano intitolato Via dai Guai. Lui è stato uno dei pochi ha credere veramente in me. Mi ha dato la forza di andare avanti. Gli devo davvero tanto», ha proseguito.

Claid si descrive: «Sono una persona molto diretta nel senso che quando scrivo dico ciò che penso, non sto ad inventare cose che non ho provato o che non possiedo. Per me il rap è questo, essere il più vero possibile. Sono una persona molto umile, odio fare qualcosa per piacere alla gente, io faccio quelle che mi fa star bene, e se devo essere sincero ad alcuni non è andato giù il fatto che io abbia iniziato a fare musica, non so perché - ha riferito - Ma questo è il sogno che avevo da una vita e lo continuerò a fare qualsiasi cosa succeda. La settimana scorsa è uscito il mio ultimo brano Dalla zona. L’ho dedicato ai ragazzi del mio quartiere a Barletta nella zona di via Vitrani. Con loro sono cresciuto. Sta andando piuttosto bene. Durante la quarantena ho scritto molto e ho chiuso un po’ di brani che usciranno presto, con delle collaborazioni di ragazzi di altre città. Ci stiamo divertendo molto. Amo il rap».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie