Sabato 25 Gennaio 2020 | 00:06

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa Terra vista dal Carnevale
Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente

Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente VD

 
LecceLa decisione
La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

 
FoggiaL'incidente
Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

 
PotenzaProduzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 
BrindisiL'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Il mio plauso all’attore Dante Marmone

Felice Alloggio, Bari

Vorrei esprimere i miei complimenti alla «Gazzetta» per la felice idea di pubblicare a puntate il bellissimo racconto «La stirpe stravagante» dell’attore Dante Marmone.
Probabilmente l’autore non vincerà mai il premio Campiello ma sicuramente ha superato la prova che deve superare chiunque si professi scrittore di racconti, ossia la capacità di sintesi che è, fra l’altro, indizio di genialità. E di genialità, fantasia, scuola e improvvisazione il nostro attore/scrittore ne ha da vendere, se si considera ciò che ha fatto e ha dato a Bari e ai baresi in oltre trentacinque anni di attività teatrale, cinematografica e televisiva.
Di primo piano infatti il ruolo interpretato dallo stesso nel film di Alessandro Piva, «Lacapagira», e il personaggio che lo ha reso famoso al pubblico televisivo pugliese, quello della simpatica Nonna Catacchio nella sit-com Catene, «la vera fiction all'italiana» come fu definita da un articolo apparso sul Corriere della Sera.
Penso non sia azzardato elevare poeticamente a «maschera barese» - per intenderci l’equivalente del Pulcinella napoletano - il personaggio da lui inventato, ossia quello di questa simpaticissima nonna con il suo borsellino e le mille lire da portare al figlio in carcere.

Felice Alloggio, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie