Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:29

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Noi meridionali cittadini di serie B

Volevo, a distanza di più di un mese tornare sulla tragedia ferroviaria sul binario Andria-Canosa, un dramma non solo per noi pugliesi, ma direi nazionale.
Non voglio giudicare le colpe dei capotreni, le responsabilità della cattiva gestione Ferrotramviaria, la superficialità della «politica» tutta che non ha saputo utilizzare al meglio i fondi europei per dotare non solo la Andria-Canosa, ma tante tratte del sud a binario unico di tutti i dispositivi di sicurezza. Toccherà alla magistratura accertare le colpe.
Noi meridionali siamo spesso considerati i “negri” d'Italia, ci si ricorda di noi e della arretratezza a cui ci hanno condannato, quando moriamo in modo violento sul nostro binario unico della disuguaglianza delle nostre strutture, quella di cui si compiacciono, così come per gli extracomunitari, qualcuno nord del ha scritto cose orribili su Facebook ed in altri posti.

Giuseppe Di Maggio, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400