Venerdì 22 Gennaio 2021 | 20:03

NEWS DALLA SEZIONE

La ricorrenza
Bari, il Covid non ferma la benedizione degli animali nel giorno di Sant'Antonio

Bari, il Covid non ferma la benedizione degli animali nel giorno di Sant'Antonio

 
Meteo
Potenza, arriva la prima neve: temperature rigide e fiocchi bianchi

Potenza, arriva la prima neve: temperature rigide e fiocchi bianchi

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
Covid news h 24Al San Giacomo
Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Il fenomeno

Barletta, sciami di coccinelle tra invasione e stupore

Il prof Santeramo svela le ragioni della massiccia presenza

Barletta - Non passa inosservato l’assembramento di coccinelle che ha praticamente invaso il territorio. Dove si posano? Anche su balconi, ombrelloni, occhiali, cellulari e tanto altro. Una presenza che crea felicità almeno in chi crede che portino bene. Per chiarire la presenza sul territorio la Gazzetta ha intervistato Fabio Santeramo professore associato presso il Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell'ambiente dell'Università di Foggia.

Professor Santeramo come mai questa massiccia presenza di coccinelle?
«La presenza di coccinelle è un fenomeno naturale che non deve destare preoccupazioni. Come numerose altre specie di insetti, le coccinelle hanno cicli biologici legati a stagionalità e condizioni meteorologiche. In genere le infestazioni di coccinelle si verificano in estate, o a inizio dell’autunno, periodo nel quale le coccinelle trovano riparo presso case ed edifici per svernare. Ulteriori infestazioni sono spesso riscontrate in primavera quando il clima tende ad essere più mite, condizione che spinge gli insetti a riprendere le attività vitali».

Le cause?
«La presenza è verosimilmente legata all’avvicinarsi del periodo estivo e alle attuali condizioni metereologiche. Ma non solo: le coccinelle che trovano un buon sito di svernamento producono un feromone attraente. Tale attrattivo chimico stimola le coccinelle a tornare in quel sito anno dopo anno. Vi sono altre curiosità interessanti: le coccinelle sono più attratte dagli edifici che ricevono l'esposizione solare pomeridiana sul lato sud e sud-ovest, e sono più attratte da strutture che hanno colori contrastanti, chiari e scuri, nella combinazione di colori».

Per quanto altro tempo ancora ci sarà il fenomeno?
«Sebbene non sia possibile fare previsioni certe, è verosimile che la presenza “eccessiva” di coccinelle sarà circoscritta a un tempo limitato. Non occorre quindi preoccuparsi, né immaginare alcun tipo di intervento. Difatti le coccinelle sono non solo innocue per l’uomo, ma anche utili per l’ambiente e per le colture agrarie, essendo predatori naturali di afidi e altri insetti dannosi per le piante. Sarebbe quindi opportuno non “disturbare” le coccinelle “invadenti”, ma lasciare che continuino la loro attività biologica».

Altre problematiche?
«Come già accennato, la presenza intensiva di coccinelle è un fenomeno naturale, ciclico, e che non provoca danni per l’uomo né per l’agricoltura, tantomeno per l’ambiente. Sono tuttavia una presenza - alla quale non sembriamo essere più abituati - che deve farci riflettere sulla simbiosi che lega attività umane e natura, e sulla necessità di preservare i delicati equilibri dell’ecosistema in cui viviamo, e del quale siamo ospiti, spesso invadenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie