Venerdì 03 Luglio 2020 | 12:12

NEWS DALLA SEZIONE

la sorpresa
San Fele: l'«oasi Covid-free» piace alla stampa americana, in prima sul Washington Post

San Fele: l'«oasi Covid-free» piace alla stampa americana, in prima sul Washington Post

 

GDM.TV

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materapost-operazione
Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

 
Lecceoperazione dei CC
Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

 
Foggiacolpo fallito
San Severo, ladri in azione nella notte: tentano di sradicare casseforti a «Ultra Gas»

Foggia, ladri in azione nella notte: tentano di sradicare casseforti a «Ultra Gas»

 
PotenzaAmbiente
Basilicata, da domani 3 tappe di Goletta verde di Legambiente

Basilicata, da domani 3 tappe di Goletta verde di Legambiente

 
Batil sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
BrindisiAmbiente
Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

 

i più letti

LA PROTESTA

Bari, cassa integrazione ancora non pagata: i ristoratori consegnano buste paga

Una catena umana dalla Regione Puglia all’Inps regionale. Protesta del Movimento Impresa

BARI - Prima hanno consegnato al prefetto di Bari, Antonella Bellomo, una lettera indirizzata al premier Giuseppe Conte, poi sul lungomare hanno formato una catena umana - mantenendo la distanza di un metro - per «collegare" virtualmente la sede della Regione Puglia a quella dell’Inps regionale. E’ cominciata così, questa mattina alle 10, la protesta di ristoratori e gestori di B&B e case vacanze del Movimento Impresa: circa 500 persone hanno raggiunto Bari anche dalle province di Lecce, Taranto, Brindisi e Foggia. Sul lungomare è stato srotolato uno striscione lungo 20 metri, la manifestazione è stata accompagnata dal ritmo di 25 timpanisti.

«Chiediamo - hanno spiegato gli organizzatori - che il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte e il governo tutto, ci riconoscano come settori fondamentali nella crescita e nella stabilità dell’economia italiana. Riteniamo le azioni annunciate e definite nei recenti decreti assolutamente inadeguate, insufficienti e tardive rispetto alla seria prospettiva di perdite in termini occupazionali e reddituali e di gettito fiscale che si determinerebbero, costringendoci a chiudere definitivamente le nostre partite Iva. Ad oggi - hanno lamentato - nessun provvedimento ci assicura la necessaria liquidità, peraltro sottratta alle imprese a causa della prolungata inattività. Non vogliamo debiti, prestiti e false illusioni. Chiediamo iniezioni di liquidità immediata tramite fondo perduto, abbattimento di tasse e imposte insostenibili, azzeramenti dei gravosi canoni di locazione commerciali».

Al direttore generale dell’Inps sono state consegnate le buste paga dei dipendenti delle attività, in segno di protesta per i ritardi nel pagamento della cassa integrazione. Una delegazione ha consegnato una lettera anche a Domenico De Sanctis, consigliere del governatore Michele Emiliano, e all’assessora al Turismo, Loredana Capone. «Tutti puntano l'indice contro la movida - ha detto un ristoratore di Martina Franca, prendendo la parola durante la manifestazione - ma ci sono assembramenti ovunque, per strada, al mercato, davanti agli uffici. Non siamo noi il problema».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie