Sabato 20 Aprile 2019 | 02:25

NEWS DALLA SEZIONE

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

La campagna

«Chiamami architetta»: a Lecce manifesti contro disparità uomo-donna

"Facciamo che non sia un'eccezione": ecco il titolo della trovata della Casa delle Donne per sensibilizzare la città contro le discriminazioni

Stereotipi uomo-donna, sessismo nei luoghi di lavoro, disparità salariale, conciliazione vita-lavoro: sono questi i temi che vengono affrontati nei manifesti di un'ironica campagna di comunicazione che sono comparsi in queste ore in tutta la città di Lecce. Un modo simpatico e divertente per parlare di problemi e differenze che ancora oggi ci sono tra uomini e donne. La campagna della Casa delle Donne di Lecce si chiama "Facciamo che non sia un'eccezione", e rientra nell’ambito di un progetto internazionale finanziato dalle Regione Puglia e realizzato in collaborazione con le associazioni partner di Women At Work: Alveare Lecce, Meticcia, Awmr Italia - donne della regione mediterranea, Wilpf Albania, Associazione Blablabla,  CNA confederazione nazionale artigianato e piccola e media impresa Lecce e Assessorato alle Pari Opportunità, Comune di Lecce.  

Il progetto, di cooperazione tra Italia e Albania, è dedicato alle donne inoccupate e disoccupate italiane, albanesi e delle comunità migranti presenti a Lecce, che individua nel lavoro uno strumento di crescita personale, culturale, di emancipazione e contrasto alla violenza e alle discriminazioni. Oltre alla campagna di affissioni urbane e comunicazione sui social a Lecce, il progetto prevede un’attività parallela in alcune città dell’Albania. Le altre attività previste nel capoluogo salentino sono un corso di formazione su lavoro e impresa, un laboratorio per bambine e bambini, uno sportello di orientamento e sostegno individuale per donne e una mostra fotografica sulle relazioni tra donne di Italia e Albania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400