Mercoledì 28 Settembre 2022 | 17:43

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Operazione dei Carabinieri

Policoro, liquami d'allevamento
nel fiume e 10mila mq di abusi

Denunciato titolare azienda zootecnica: gli escrementi degli animali finivano nel canale. Fienili, stalle e depositi costruiti in violazione delle norme paesaggistiche

13 Aprile 2018

I Carabinieri Forestali di Scanzano Jonico hanno deunciato il proprietario di una azienda zootecnica di Policoro per l'inquinamento provocato a un canale di bonifica che sfocia nel fiume Agri a causa dello sversamento dei liquami del suo allevamento nonchè per violazioni urbanistico-edilizie.
I militari, dopo un sopralluogo eseguito unitamente ai tecnici dell'Arpab, hanno verificato che i liquami degli animali venivano fato confluire, attraverso un canale in calcestruzzo, in una vasta interrata la cui area attigua era completamente ricoperta di escrementi a causa della tracimazione dalla stessa vasca. I liquidi, di colorazione scura e maleodorante, tramite una tubazione interrata confluivano direttamente in un canale di bonifica per pois focare nel fiume Agri e infine in mare. I tecnici Arbab hanno accertato un elevato carico organico delle acque pubbliche.
Inoltre, è stato verificato che stalle, sala mungitura, deposito attrezzi e fienili per una superficie di circa 10mila e 600 metri quadrati erano state costruite abusivamente in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725