Giovedì 21 Marzo 2019 | 20:51

NEWS DALLA SEZIONE

Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 

Per i 50 anni dalla morte di San Pio

Conte a S. Giovanni Rotondo
«Mi impegno per le riforme»

Un secolo fa le Stimmate. Il premier accolto da selfie e abbracci: «Sono felicissimo di essere nella mia città»

Bagno di folla per il premier Giuseppe Conte al suo arrivo a San Giovanni Rotondo dove parteciperà, da stasera a domenica, alle celebrazioni dedicate a Padre Pio da Pietrelcina in occasione del centenario della comparsa delle stimmate (20 settembre) e del 50esimo anniversario della morte (23 settembre).
Il presidente del Consiglio ha stretto le mani e concesso selfie alla gente che era dietro le transenne, per strada, e che aspettava il suo arrivo. Nato a Volturara Appula (Foggia), il premier da bambino si trasferì con la famiglia a San Giovanni Rotondo. Da allora è un devoto del frate con le stimmate.

«Sono felicissimo di essere nella mia città. Non mi aspettavo un’accoglienza così calorosa. Conosco il cuore dei sangiovannesi. Posso dire che mi state sorprendendo. Non vedevo l'ora di tornare qui da quando sono diventato presidente del Consiglio. Desideravo un abbraccio ed è per questo che mi sono trattenuto con la popolazione. Stasera mi sento davvero a casa». Così il premier Giuseppe Conte al suo arrivo a San Giovanni Rotondo per le celebrazioni del 50esimo anniversario della morte di San Pio. Ad attendere il capo del Governo, il prefetto di Foggia, Massimo Mariani, e il sindaco della città Costanzo Cascavilla. Giuseppe Conte è ora nel Municipio dove parteciperà al Consiglio comunale.

CONTE: «TUTTI APPREZZERANNO LE NOSTRE RIFORME» - «Con il Governo stiamo varando un programma di riforme in cui confido che tutti potranno essere orgogliosi. Mi batterò perché tutti noi possiamo essere sempre orgogliosi di essere italiani e del futuro che attende i nostri figli e i nostri nipoti». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte dopo aver ricevuto la cittadinanza onoraria di San Giovanni Rotondo, cittadina del Gargano in cui è cresciuto.
«In questo luogo - ha ricordato - ci sono già stato, avevo i calzoncini corti. Mio padre Nicola venne in avanscoperta, ci trasferimmo da Foggia. Iniziai a scoprire San Giovanni, mi inerpicai lungo quella strada, quei tornanti che mi davano un senso di mistero. Ho scoperto un paese che poi lentamente si è sviluppato. Era la dimensione di sobrietà assoluta che mi colpì tanto. Vi confesso che man mano che sono cresciuto ho avvertito sempre più forte il richiamo a questa terra e l’apparenza a questa città». «Gli impegni professionali ed accademici - ha concluso - mi hanno tenuto fuori. Ma questi impegni non mi terranno lontano. Oggi, con questo riconoscimento, avete creato un ricongiungimento tra la forma e la sostanza». «Non saremmo dei buoni governanti se pensassimo a varare riforme senza tenere in ordine i conti. Non siamo una banda di scalmanati come qualcuno ci vuol descrivere in maniera strumentale. Dobbiamo tener conto di questo grande debito ereditato ma ciononostante ci stiamo impegnando per realizzare tutte le riforme annunciate». 

«La fumata bianca scaturisce ogni volta che ci incontriamo. La fumata bianca è già iniziata. E' ovvio che bisogna curare tanti passaggi e tanti dettagli e ci sono tante riforme da considerare che stiamo inserendo come parte della manovra. Perché questo Paese deve essere rilanciato con riforme strutturali. A Salisburgo ho sollecitato i partner Ue rispetto alla necessità che vengano attuati prima possibile i principi affermati lo scorso giugno. Ho trovato molta attenzione ma ora è il momento di concretizzare un meccanismo di gestione collettiva e condivisa. Io sono un convito europeista e per questo mi batto perché l’Ue possa recuperare la spinta propulsiva a cominciare dai migranti perché altrimenti, se l’Ue non ci dà una mano, le spinte nazionalistiche si allargheranno e a ragione. I decimali della manovra saranno numeri che inseriremo - ho detto oggi al vertice e i ministri erano concordi - alla fine. Prima scriviamo le riforme, prima valutiamo l’impatto economico e sociale di queste riforme e poi traiamo le conclusioni».

«I numeri della povertà in Italia non mi fanno dormire la notte». Lo afferma parlando delle riforme che, con la manovra, il governo vorrà mettere in campo «per andare incontro ai cittadini in difficoltà. Questo Paese ha potenzialità enormi per crescere»

(Foto Vincenzo Maizzi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400