Martedì 20 Agosto 2019 | 07:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il restyling
Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

 
viabilità
L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

 
La denuncia
«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

 
Il caso
Ruvo, cittadino raccoglie rifiuti ma viene multato: «Ha spostato l'immondizia»

Ruvo, cittadino raccoglie rifiuti ma viene multato: «Ha spostato l'immondizia»

 
Il caso
Bari, tenta di rubare portafoglio a turisti: denunciato

Bari, tenta di rubare portafoglio a turisti: denunciato

 
Guardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione a Porto Bianco

 
«The Nest»
La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta De Feo

La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta barese De Feo

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

 
LecceMalendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
MateraDopo il rogo
Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

 
PotenzaIl caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 
BariIl restyling
Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

 
BatIl caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
FoggiaGiovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

Bari in Lega Pro

Popolo biancorosso, è l'ora della festa: l'arrivo a Palese

Cancellata subito l'onta della D, i tifosi sono scesi in strada a festeggiare

Festa sì, ma molto sobria. Non è il caso di tappezzare la città di colori biancorossi. L’onta della serie D è ormai alle spalle. Ciò che conta è guardare al futuro. Un sentimento che accomuna il popolo dei tifosi del Bari, che in ogni caso ieri sera hanno atteso in massa la squadra all’aeroporto di Palese.
«Ho vissuto questa stagione come una specie di vacanza in un posto sgarruppato», scherza l’avvocato Gianni Di Cagno. «Ho visto quasi tutte le partite in casa, anche quest’anno ho fatto l’abbonamento». Le sue sensazioni? «L’inizio del campionato sembrava promettere molto, poi la squadra è andata progressivamente calando e questo ha un po’ deluso i tifosi, ma va dato atto alla società di avere messo su uno squadrone per la categoria in pochissimo tempo. Solo un grande gruppo come De Laurentiis aveva i mezzi per poterlo fare. Mi è piaciuto quando al San Nicola ho visto squadre che sono venute a giocare a viso aperto». E ora è il momento di guardare alla prossima stagione. «Una grande incognita, speriamo che per la serie C possa essere allestita una squadra all’altezza per arrivare in serie B. Il nodo della proprietà con una società divisa tra Napoli e Bari resta. È il peccato originale, vederemo».


«Sarebbe stata una stagione inaccettabile se non fosse stata vissuta come un nuovo inizio, anche perché la Serie D, diciamolo, è un campionato veramente triste», osserva Roberto Maffei, odontoiatra, storico esponente della Curva Nord negli anni Ottanta, tra i fondatori del tifo organizzato barese. «Era evidente fossimo solo di passaggio nella categoria in ragione dell’organizzazione di una società importante che sono sicuro allestirà in serie C una squadra in grado di raggiungere categorie che ci competono. Penso che l’affluenza e l’attenzione del pubblico è stata più che sufficiente in questa stagione». Cosa resta di questa serie D? «Alcuni paesaggi siciliani e alcuni campi sportivi più che stadi in cui abbiamo giocato e che mai avrei immaginato un giorno di visitare». I calciatori simbolo? «Quelli esperti come Brienza e Bolzoni, ma a impressionarmi è stato soprattutto Di Cesare. Vederlo disperarsi per un’ammonizione e per la conseguente squalifica in quanto diffidato; vederlo togliere il pallone a un compagno di squadra per battere lui un calcio di punizione; vederlo impegnarsi al massimo in questa categoria, mi ha emozionato. Quanto ai tifosi, per noi è un atto di fede seguire la squadra, indipendentemente rispetto alla serie. Ma ora, voltiamo pagina».


«Ho appena finito di scrivere un messaggio al presidente De Laurentiis - racconta con orgoglio Antonio Vasile, vicepresidente di Aeroporti di Puglia, imprenditore nel settore alberghiero, da sempre super tifoso del Bari -. Senza i De Laurentiis non sarebbe stato possibile. Penso proprio che ci sarà una festa il 27 aprile, ma non fatemi aggiungere nulla... La stagione è stata caratterizzata dalla grande sofferenza di fronte alla più grande tragedia sportiva della squadra del cuore. Sono certo che, forti di questa esperienza, ci siano tutte le condizioni societarie per dare stabilità a un percorso di più ampio respiro. Recuperate energie ed entusiasmo, è il momento di tornare a riempire lo stadio». Quasi scontato, il suo primo pensiero una volta raggiunta la promozione. «È andato a mio padre Vito che non c’è più».

(foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie