Domenica 19 Maggio 2019 | 13:07

NEWS DALLA SEZIONE

La manifestazione
Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno

Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno LE FOTO

 
L'allarme
Acqua e colla sul parabrezza: l'«agguato» a Bitritto

Acqua e colla sul parabrezza: l'«agguato» a Bitritto

 
L'iniziativa
Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresca dei Maschi

Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresa dei Maschi

 
Libri
Per arginare il digitale? Basta la parola

Per arginare il digitale? Basta la parola

 
In pieno centro
Bari, l'Audi è da ore sullo scivolo per disabili: dove sono i vigili?

Bari, Audi parcheggiata su scivolo disabili: vigili la multano dopo due ore ma resta lì

 
Furto all'alba
Bari, spaccano vetrina gioielleria in centro e rubano monili: indaga polizia

Bari, spaccano vetrina gioielleria in centro e rubano monili: indaga polizia

 
Elezioni in vista
Comunali, la denuncia di Decaro: «Lettera e santini elettorali in una scuola»

Comunali, lettera e santini in una scuola: Decaro «caccia» una preside sua candidata

 
Violenza in famiglia
Bari, picchia la sorella: 42enne arrestato per maltrattamenti

Bari, picchia la sorella: 42enne arrestato per maltrattamenti

 
Ambiente
«Chi raccoglie più rifiuti vince»: la sfida degli studenti di Monopoli

«Chi raccoglie più rifiuti vince»: ecco la sfida ecologica degli studenti di Monopoli

 
Elezioni in vista
Bari, oggi l'incontro tra i «compagni separati»: Vendola e Zingaretti

Bari, oggi l'incontro tra i «compagni separati»: Vendola e Zingaretti

 
Il caso
118 in tilt a Bari, black out per le linee telefoniche

118 in tilt a Bari, black out per le linee telefoniche: centralino ripristinato

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa manifestazione
Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno

Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno LE FOTO

 
BatTrasporti
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Ferrovie, il Mit annuncia: in Puglia nuovi servizi sull'Alta velocità. Ma non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

 
LecceIl giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Bari in Lega Pro

Popolo biancorosso, è l'ora della festa: l'arrivo a Palese

Cancellata subito l'onta della D, i tifosi sono scesi in strada a festeggiare

Festa sì, ma molto sobria. Non è il caso di tappezzare la città di colori biancorossi. L’onta della serie D è ormai alle spalle. Ciò che conta è guardare al futuro. Un sentimento che accomuna il popolo dei tifosi del Bari, che in ogni caso ieri sera hanno atteso in massa la squadra all’aeroporto di Palese.
«Ho vissuto questa stagione come una specie di vacanza in un posto sgarruppato», scherza l’avvocato Gianni Di Cagno. «Ho visto quasi tutte le partite in casa, anche quest’anno ho fatto l’abbonamento». Le sue sensazioni? «L’inizio del campionato sembrava promettere molto, poi la squadra è andata progressivamente calando e questo ha un po’ deluso i tifosi, ma va dato atto alla società di avere messo su uno squadrone per la categoria in pochissimo tempo. Solo un grande gruppo come De Laurentiis aveva i mezzi per poterlo fare. Mi è piaciuto quando al San Nicola ho visto squadre che sono venute a giocare a viso aperto». E ora è il momento di guardare alla prossima stagione. «Una grande incognita, speriamo che per la serie C possa essere allestita una squadra all’altezza per arrivare in serie B. Il nodo della proprietà con una società divisa tra Napoli e Bari resta. È il peccato originale, vederemo».


«Sarebbe stata una stagione inaccettabile se non fosse stata vissuta come un nuovo inizio, anche perché la Serie D, diciamolo, è un campionato veramente triste», osserva Roberto Maffei, odontoiatra, storico esponente della Curva Nord negli anni Ottanta, tra i fondatori del tifo organizzato barese. «Era evidente fossimo solo di passaggio nella categoria in ragione dell’organizzazione di una società importante che sono sicuro allestirà in serie C una squadra in grado di raggiungere categorie che ci competono. Penso che l’affluenza e l’attenzione del pubblico è stata più che sufficiente in questa stagione». Cosa resta di questa serie D? «Alcuni paesaggi siciliani e alcuni campi sportivi più che stadi in cui abbiamo giocato e che mai avrei immaginato un giorno di visitare». I calciatori simbolo? «Quelli esperti come Brienza e Bolzoni, ma a impressionarmi è stato soprattutto Di Cesare. Vederlo disperarsi per un’ammonizione e per la conseguente squalifica in quanto diffidato; vederlo togliere il pallone a un compagno di squadra per battere lui un calcio di punizione; vederlo impegnarsi al massimo in questa categoria, mi ha emozionato. Quanto ai tifosi, per noi è un atto di fede seguire la squadra, indipendentemente rispetto alla serie. Ma ora, voltiamo pagina».


«Ho appena finito di scrivere un messaggio al presidente De Laurentiis - racconta con orgoglio Antonio Vasile, vicepresidente di Aeroporti di Puglia, imprenditore nel settore alberghiero, da sempre super tifoso del Bari -. Senza i De Laurentiis non sarebbe stato possibile. Penso proprio che ci sarà una festa il 27 aprile, ma non fatemi aggiungere nulla... La stagione è stata caratterizzata dalla grande sofferenza di fronte alla più grande tragedia sportiva della squadra del cuore. Sono certo che, forti di questa esperienza, ci siano tutte le condizioni societarie per dare stabilità a un percorso di più ampio respiro. Recuperate energie ed entusiasmo, è il momento di tornare a riempire lo stadio». Quasi scontato, il suo primo pensiero una volta raggiunta la promozione. «È andato a mio padre Vito che non c’è più».

(foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400