Venerdì 27 Maggio 2022 | 02:08

In Puglia e Basilicata

Per un San Valentino non banale.

Amore, diritto o conquista?

Amore, diritto o conquista?

Proviamo ad andare oltre il luoghi comuni

14 Febbraio 2020

Michele Pacciano

DiversaMente

Michele Pacciano

L'handicap è un dramma. Ma può anche diventare uno stimolo e una possibilità, uno sguardo diverso sul mondo. Proviamo ad andare oltre la rabbia e il piagnisteo. Capovolgiamo la prospettiva, guardiamo i problemi dall'interno, cerchiamo insieme le soluzioni.

Non credo che esista un diritto astratto all'amore. Piuttosto ritengo che possa presentarsi, per tutti e per ognuno, la possibilità di conquistare o costruire un amore. E questo vale anche per i disabili.

Le persone con disabilità per il solo fatto di essere tali, non hanno uno speciale diritto ad essere amati, lo conquisterannno solo quando avranno la forza di mettersi in gioco, di soffrire e di correre il rischio di essere lasciati, esattamente come accade alle persone normodotate. Senza addebitare all'handicap, colpe che se ci sono, vanno magari ascritte ai comportamenti dei singoli. Se vogliamo amare, dobbiamo prima di tutto cercare di essere onesti con noi stessi e di non nasconderci dietro un dito.

 Diverso è il discorso di una sessualità consapevole, legata ai problemi e alle difficoltà di una disabilità, in cui ogni caso è diverso dall'altro. E su questo fronte c'è ancora molto da lavorare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Calendario dei post

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725