Lunedì 20 Agosto 2018 | 14:47

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

A Potenza

Immigrati, truffa da 9 milioni
arrestato un imprenditore

E' finito agli arresti domiciliari: indagate altre due persone

Potenza, migranti in marcia per la Giornata della Pace

Migranti a Potenza

POTENZA - I migranti ospitati a Potenza venivano «ufficialmente» registrati nelle liste consegnate alla Prefettura, ma «realmente» molti di loro si trovavano altrove (al lavoro per la raccolta del pomodoro e dell’uva, all’estero - con tanto di foto postate sui social - o addirittura ricoverati in ospedale), ignari del fatto che la società che si occupa della loro accoglienza continuava a percepire i fondi stabiliti dalla legge e il «pocket money», ovvero i 2,5 euro destinati a piccole spese quotidiane degli stranieri: una truffa, quella scoperta dalla Polizia, che ha portato all’arresto di un imprenditore potentino e a due indagati.

Michele Frascolla, amministratore della società «Manteca» di Potenza, è ai domiciliari, indagato per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche: per la società è stato disposto anche il sequestro preventivo, con la nomina di un amministratore giudiziario per non interrompere il servizio di assistenza. Nel registro degli indagati - per turbata libertà degli incanti in concorso con Frascolla - sono finite altre due persone, Antonella Robortaccio (presidente della società cooperativa sociale «Solidarietà» di Bitetto, nel Barese) e Ottorino Arbia (presidente regionale dell’Arci e capogruppo del raggruppamento temporaneo di imprese «Arci-Città della Pace-Sicomoro").

Le indagini, coordinate dalla Procura di Potenza, sono cominciate confrontando proprio le liste «ufficiali» consegnate alla Prefettura con le presenze effettive dei migranti nelle strutture di Potenza: sarebbero emersi diversi casi in cui gli stranieri erano altrove, senza però depennarne i nomi dai registri. Alcuni erano già emigrati all’estero, altri lavoravano nei campi e uno di loro era addirittura finito in un servizio televisivo delle «Iene» sullo spaccio di droga a Prato. Nessuno di loro sapeva però che le società continuavano a percepire i fondi previsti per l’assistenza ai migranti (circa 30 euro in media a persona) e il «pocket money» (da 2,5 euro a un massimo di 7,5 per nucleo familiare), che nelle loro tasche non è quindi mai arrivato. I registri contenevano firme false, o reali ma messe in anticipo e «una tantum» dagli stessi migranti.

Secondo quanto è emerso dalle indagini, inoltre, le società avrebbero concordato le offerte da presentare alle gare per l'assegnazione del servizio di assistenza: quella vinta, in particolare, era di circa nove milioni di euro per l’accoglienza in Basilicata di circa 900 migranti nel periodo compreso tra il 1 marzo e 31 dicembre 2016.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nunzio1

    28 Ottobre 2016 - 12:12

    quanti affari sporchi sulla pelle di quelle povere persone ......... ma solo i prefetti hanno la competenza sulle assegnazioni dei migranti a privati e cooperative? perchè non coinvolgere direttamente i sindaci? le prefetture appartengono a un passato anacronistico e andrebbero chiuse assegnandone i compiti agli amministratori comunali

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Spaccio, arrestati due rifugiati gambiani: avevano mezzo kg di droga e 1500 euro in contati

Spaccio, arrestati due rifugiati gambiani: avevano mezzo kg di droga e 1500 euro in contanti

 
Di giorno elettricista, di notte pusher: ai domiciliari un 31enne di Monopoli

Di giorno elettricista, di notte pusher: ai domiciliari un 31enne di Monopoli

 
Lecce calcio

Il Lecce va solo limato: Bovo resta in bilico

 
Il Foggia pedala in salitaun avvio con l’emergenza

Il Foggia pedala in salita
un avvio con l’emergenza

 
Boom di turisti stranieri in Puglia nell’estate 2018 grazie all'enogastronomia

Estate 2018: Boom di turisti stranieri in Puglia grazie all'enogastronomia

 
Estorceva denaro ai nonni per comprare la droga, denunciato 32enne

Estorceva denaro ai nonni per comprare la droga, denunciato 32enne

 
Riparte il bando Pass Laureati, 15 milioni per master in Italia e all'estero

Riparte il bando Pass Laureati, 15 milioni per master in Italia e all'estero

 
Ragazzi fra mare e «movida»: ecco le vacanze estive nel Barese

Ragazzi fra mare e «movida»: così si vivono le vacanze nel Barese

 

GDM.TV

Foggia, a piazza Cavour l'abbraccio dei PoohIl video del concerto di Fogli e Facchinetti

Foggia, a piazza Cavour l'abbraccio di Fogli e Facchinetti VIDEO

 
Bari, ecco il ponte che da anni minaccia il rione Japigia: un giro fra degrado e sporcizia

Bari, ecco il ponte che da anni minaccia il rione Japigia: un giro fra topi e degrado

 
Ruba auto per consegna di farmaci, il proprietario lo scopre e lui lo trascina per 20mt con la macchina: arrestato

Ruba auto per consegna di farmaci e trascina il proprietario per 20mt: arrestato

 
Salento, 10 soccorsi per mare mossoUno motoscafo rischia di affondare

Salento, 10 soccorsi per mare mosso: un motoscafo rischia di affondare

 
Leuca, Gdf intercetta cabinatoe veliero con 24 migranti: 3 arresti

Leuca, Gdf intercetta cabinato e veliero con 24 migranti: 3 arresti

 
Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

Giovinazzo diventa magica: danze sull'acqua e luci multimediali

 
Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 

PHOTONEWS