Mercoledì 23 Settembre 2020 | 14:37

Il Biancorosso

Calcio
Eccoti Bari, c’è la Coppa . Auteri: voglio i primi frutti

Eccoti Bari, c’è la Coppa . Auteri: voglio i primi frutti

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaQuartiere Ferrovia
Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

 
BariScuola
Bari, troppi alunni nelle aule: caos per le classi miste

Bari, troppi alunni nelle aule: caos per le classi miste

 
PotenzaIl bollettino Covid
Basilicata, altri 17 contagi su 569 tamponi: il caso di Aql e delle scuole di Anzi

Basilicata, altri 17 contagi su 569 tamponi: il caso di Aql e delle scuole di Anzi

 
TarantoL'inchiesta
Castellaneta, fiamme a concessionario per ripicca: «Lavori a un altro fabbro». Tre arresti

Castellaneta, fiamme a concessionario per ripicca: «Lavori a un altro fabbro». Tre arresti

 
BrindisiArrestati e scarcerati
Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

 
GdM.TVL'iniziativa
Lecce, «No Covid» a scuola in sicurezza : il video tutorial degli studenti

Lecce, «No Covid» a scuola in sicurezza : il video tutorial degli studenti

 
BatAmbiente
Barletta, giovani volontari con impegno ripuliscono tutta la città

Barletta, giovani volontari con impegno ripuliscono tutta la città

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

l'intervista

Sanremo 2020, Elodie racconta la sua «Andromeda»: «Sogno di riabbracciare presto il Salento»

La cantante è in gara con il brano scritto, tra gli altri, da Mahmood, vincitore dello scorso anno

Un secondo posto nella classifica provvisoria della giuria demoscopica, un meritato premio virtuale per l’inappuntabile bellezza sul palco, e una canzone che mette finalmente in mostra le sue doti vocali: comincia alla grande questo Sanremo 2020 per Elodie Di Patrizi, «salentina adottiva», in gara con il brano «Andromeda», che porta, tra le altre, la firma del vincitore dello scorso anno, Mahmood. Un buon auspicio per la cantante alla sua prima performance all’Ariston e che, giovedì 13 febbraio alle 15, rivedrà la «sua» Lecce per salutare i fan alla Feltrinelli (via Templari) e firmare le copie del disco «This is Elodie». L’abbiamo incontrata nel suo albergo nella città dei fiori.

Un cantato grintoso e look sempre molto apprezzati: cosa porta sul palco più importante della musica italiana? «È un brano - risponde - con registri vocali diversi, ci tengo perché siamo qui per cantare, è importante che a quel livello sia tutto perfetto, anche se è giusto lasciarsi andare all'emozione. A livello estetico ho immaginato che “Andromeda” racchiudesse un messaggio di donna forte, mediterranea, algida, e ho voluto indossare il brand della mia vita, Versace. Emblema di una donna sexy, ma di strada, femminilità e sobrietà insieme. Spero che lo styling e il brano si sposino bene».

È un palco che già conosce, ma che cambia ogni anno. Che emozioni diverse ci sono?
«La verità è che mi sento un po' più adolescente. Sono più emozionata, curiosa di capire che effetto farà. Il brano non è semplice al primo ascolto, ho voglia di vedere l'impatto che avrà»

Dopo il Festival cosa la attende?
«Ci ho messo un po', ma finalmente torno live con due date, per il momento, il 16 aprile a Milano e il 18 aprile a Roma. Ci devo ancora lavorare, lo faccio giorno per giorno, mi piace pensare a una cosa per volta»

Da quanto non torna nel Salento?
«Un bel po’, ma ho voglia di tornare, in primis per andare a trovare i miei amici. Ho tante amiche che stanno per diventare mamme, potrei organizzare un gruppetto con il mio team. Mi manca anche il mare»

Che rapporto ha con il pubblico, specialmente quello social e quello del Sud?
«Molto spontaneo. Mi mostro molto per quella che sono, alla fine il social è un filtro, preferisco avere un contatto diretto, un rapporto nella realtà. Il web è più un gioco, un diario di bordo, anche se mi sento un po' anziana quando parlo così»

Stasera la rivedremo sul palco, nell’appuntamento dedicato alle cover.
«Per i 70 anni di Sanremo ho scelto “Adesso tu”, di Eros Ramazzotti, che ha vinto nell’86. È un brano a cui sono legata, parla della periferia, e venendo da una borgata romana, mi commuove molto. Sul palco mi accompagnerà il pianista siriano Aeham Ahmad, e nessuno meglio di lui, che ha vissuto in una realtà tragica, poteva omaggiare un brano che racconta il disagio. Sarà un valore aggiunto»

Quindi per cosa vorrebbe fosse ricordata la partecipazione di Elodie a questo Festival?
«Non ci ho pensato. Voglio fare prima bene e concentrarmi sul presente. Godermi il momento»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie