Giovedì 29 Settembre 2022 | 22:24

In Puglia e Basilicata

Politica

Caso Siri, Sisto (FI) alla Camera: «Paese in mano alle Procure, Svegliaaa! Svegliaaa!». Applusi dell'aula

L'intervento del parlamentare azzurro sul sottosegretario licenziato: non consentire che un pm decida il governo del Paese

09 Maggio 2019

Redazione on line

Il deputato di Forza Italia, Francesco Paolo Sisto, ha preso la parola alla Camera dopo la notizia della revoca dell’incarico, deciso dal governo, al sottosegretario Armando Siri: «E' la prima volta che si revoca un membro del Governo per una semplice informazione di garanzia. Noi non possiamo consentire che sia la magistratura a selezionare il governo, è di una gravità assoluta, significa che il nostro Paese è nelle mani di chi decide di indagare qualcuno».

E ancora: «Siamo di fronte alla scelta di un organo inquirente nei confronti del Governo di un Paese. E il Governo che fa? Revoca un sottosegretario perchè un pubblico ministero lo decide. Ma ci vogliamo svegliare in questo Paese? O vogliamo consentire che la politica, il Paese, la Costituzione sia nelle mani delle Procurreee. Svegliaaa, sveglia...»

Un intervento accompagnato da lunghi applausi dei colleghi, incontrando apprezzamento anche dai banchi di altri schieramenti. Infine Sisto parla di «trasmigrazione del potere dell'inquisizione nella scelta della politica, come accade nelle peggiori tirannie che la storia ci abbia mai consegnato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725