Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 16:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Inchiesta da Lecce
Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

 
Nel Foggiano
Robot umanoidi negli ospedali: parte sperimentazione a S.Giovanni Rotondo

Robot umanoidi negli ospedali: parte sperimentazione a S.Giovanni Rotondo

 
Dai cc forestali
Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

 
In mattinata
Allarme bomba, evacuato tribunale Bari-Bitonto

Bari, sede tribunale di Bitonto, allarme bomba via mail rientrato

 
I fatti a Messina
Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

Scontri tra tifoserie: domiciliari per ultras Bari

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
Truffa per migliaia di euro
Si fingono dipendenti Inps e truffano anziani a Foggia: arrestati

Si fingono dipendenti Inps e truffano anziani a Foggia: arrestati

 
Nel Foggiano
Creava finte società per non dichiarare al fisco: evasione da 30mln di euro a Cerignola

Creava finte società per non dichiarare al fisco: evasione da 30mln di euro a Cerignola

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
Dal Montenegro in Puglia
Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

 

A Foggia

Dal carcere davano indicazioni ai familiari per spacciare la droga, 3 arrestati

Nicola Portante, 52 anni, e i figli Salvatore e Ciriaco erano già stati arrestati per il tentato omicidio del giovane Marco De Vito, lo scorso dicembre. Fondamentali le intercettazioni durante le indagini

Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita da agenti della squadra mobile di Foggia, nei confronti di tre pregiudicati esponenti della famiglia Portante, accusati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta del 52enne Nicola Portante e dei suoi figli Salvatore, 26 anni, e Ciriaco, 19, elementi di spicco della criminalità foggiana, già in carcere per il tentato omicidio del giovane Marco De Vito, il 6 dicembre 2017. Proprio dal carcere i componenti della famiglia davano le indicazioni ai loro familiari su come spacciare e dove andare a prendere la droga nascosta. Nell’ambito delle indagini sul movente del tentato omicidio, i tre uomini sono stati intercettati. In uno dei colloqui gli uomini spiegavano alla loro sorella Francesca, di 23 anni, che è stata arrestata il 3 luglio scorso, di andare ''dove stanno i tufi, nella stalla, dove sta la baracca di ferro, dove sta il boccaccio grande...».
Nel corso di una perquisizione a casa di Francesca Portante, è stata poi trovata la droga nascosta, oltre a soldi e bilancini di precisione e sostanze da taglio, per un valore di circa 80mila euro. Il dirigente della squadra mobile, Giuseppe Pititto, durante una conferenza stampa, ha spiegato che «sono stati fondamentali i colloqui con intercettazioni tra gli arrestati e i familiari, in particolare con la sorella Francesca». Da queste conversazioni gli investigatori hanno appreso la disponibilità di vari tipi di droga, tra cui cocaina, eroina, marijuana, hashish e metadone, e i luoghi dove era stata nascosta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400