Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 03:22

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Più polizia in arrivo entro fine anno

Salvini al Libertà: «Politici razzisti hanno reso Bari un campo profughi» 
Rivedi la diretta video

Il leader della Lega ha incontrato i cittadini che hanno firmato la petizione anti-migranti nel quartiere, attaccando le forze politiche del territorio

È cominciata la visita barese del Ministro dell'Interno Matteo Salvini. Tra le prime dichiarazioni del vicepremier l'aumento dei poliziotti a Bari entro l'autunno, di telecamere e controllo contro la spaccio nelle scuole, e il decreto sicurezza che sarà varato dal Consiglio dei Ministri. in questo momento Salvini sta incontrando i cittadini che hanno firmato la petizione anti-migranti al rione Libertà, poi visiterà la Fiera del Levante. La Gazzetta del Mezzogiorno ha seguito in diretta tutta la giornata in città del Ministro, sul sito e sulla pagina Facebook, compreso l'appuntamento alla Fiera del Levante

LE PAROLE DI SALVINI - Accolto da applausi e urla di gioia, il vicepremier ha ironizzato: «Già ancora prima del mio arrivo sono stati puliti dei giardini.. allora verrò a Bari tutte le settimane!». Il primo impegno è che entro la fine dell'anno arriveranno decine di uomini e donne delle forze dell'ordine. «Voglio cacciare da questa città tutti gli spacciatori, di tutti i colori, gli sfruttatori dell'immigrazione clandestina, i papponi. Cittadini del Libertà, voi non dovete giustificarvi: gli unici razzisti che conosco sono i politici che hanno trasformato Bari in un campo profughi, il sindaco, il governatore, a prescindere dai colori politici». Ribadisce poi che se la città funziona, dipende molto dai quartieri esterni. Chiude senza promettere miracoli, "senza regalare 80 euro a chi passeggia per strada", con i dati sull'immigrazione, calati rispetto allo scorso anno.

Centinaia di persone sono presenti davanti alle transenne piazzate nel quadrilatero dove ha sede il movimento Riprendiamoci il Futuro, in via Nicolai. Strade interdette al traffico, alcuni esponenti della Lega sono già arrivati, tra cui Luigi Cipriani, dal quale è è partita l'idea della petizione. Controlli con i metal detector all'ingresso.

CONTESTAZIONI - Uno striscione ritenuto offensivo con la scritta «Salvini bimbo minkia» è stato esposto stamattina (e subito rimosso dalla Digos) su un balcone di un appartamento posizionato nella zona rossa, in via Trevisani, una delle strade del quartiere Libertà di Bari blindate per l’arrivo previsto tra poco del ministro degli Interni, Matteo Salvini.
Agenti della Digos hanno fatto un controllo nella casa, tolto e sequestrato lo striscione e identificato gli inquilini, nei confronti di uno dei quali si valuta la denuncia per vilipendio delle istituzione. La circostanza viene raccontata da un gruppo di ragazzi della rete «Mai con Salvini», e confermata da fonti investigative, riuniti questa mattina per una «colazione antirazzista» nella piazza antistante la chiesa del Redentore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400