Giovedì 19 Settembre 2019 | 17:09

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Brunori Sas, nuovo singolo e tour, il 3 aprile 2020 al PalaFlorio di Bari

Brunori Sas, nuovo singolo e tour, il 3 aprile 2020 al PalaFlorio di Bari

 
L'album
«Il Fabbricante di Ricordi»: l'autore Roberto Casalino dà una nuova veste ai suoi successi e li canta in un disco

«Il Fabbricante di Ricordi»: l'autore Roberto Casalino dà una nuova veste ai suoi successi e li canta in un disco

 
il 22 ottobre
Bari, Alberto Urso arriva al TeatroTeam per l'unica tappa pugliese

Bari, Alberto Urso arriva al TeatroTeam per l'unica tappa pugliese

 
Musica
Il Canzoniere Grecanico Salentino approda alla Royal Albert Hall di Londra

Il Canzoniere Grecanico Salentino approda alla Royal Albert Hall di Londra

 
L'intervista
Il «miracolo» di Ombre Cinesi: «Felice di essere rimasto a Taranto per fare musica»

Il «miracolo» di Ombre Cinesi: «Felice di essere rimasto a Taranto per fare musica»

 
Libri e musica
«Sesso, droga e lavorare», nuovo libro della band Lo Stato Sociale: il 26/09 firmacopie a Bari

«Sesso, droga e lavorare», nuovo libro della band Lo Stato Sociale: il 26/09 firmacopie a Bari

 
L'intervista
Max Gazzè, Monopoli aspetta la sinfonia di «Alchemaya»

Max Gazzè, Monopoli aspetta la sinfonia di «Alchemaya»

 
Il concerto
Tiromancino a Monopoli, sul palco Zampaglione canta con la figlia

Tiromancino a Monopoli, sul palco Zampaglione canta con la figlia

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

News musicali

Intervista al regista della Divina Commedia Opera Musical, novità per i Negramaro

Andrea Ortis, regista, attore e coautore dell'opera musical in arrivo a Bari, ha risposto alle nostre domande. Esce anche l'album del rapper Gio Fal

Puntata speciale di Gazzettamusic, che per l'arrivo a Bari dello spettacolo "La Divina Commedia Opera Musical" si arricchisce di un'intervista al regista, attore e coautore dello spettacolo, Andrea Ortis (la trovate in coda all'articolo). Novità anche per i Negramaro, che hanno pubblicato il singolo "Cosa c'è dall'altra parte", che Giuliano Sangiorgi ha scritto per l'amico Lele Spedicato, chitarrista della band, che non sarà in tour per i recenti problemi di salute, ma che ieri nella prima tappa di Rimini si è presentato a sorpresa sul palco. Infine novità anche per il rapper di Trani Gio Fal, avvocato 29enne con la passione per la musica, che ha pubblicato oggi il suo album Overbooking.

Intervista ad Andrea Ortis, regista, attore e coautore dello spettacolo La Divina Commedia Opera Musical

Come nasce l'idea e cosa significa portare sul palco un capolavoro come l'opera di Dante?


L'idea nasce anche da Marco Frisina, che ha composto le musiche, e da Gianmario Pagano, coautore dei testi. Per quanto riguarda l'ardita idea di una trasposizione teatrale del testo italiano per eccellenza, forse anche mondiale, nasce dalla necessità e dal desiderio di togliere un po' di polvere a questo testo letterario del '300. Troppo spesso al nome Divina Commedia si associa l'aggettivo di "pesante": non è un testo semplice, ma a scuola spesso ci si ferma all'Inferno. Il teatro, poi, dà la possibilità di far prendere una consistenza alla suggestione e alla lettura del testo; in più in 2 ore e un quarto di spettacolo, la storia si compie, cosa che spesso nei programmi scolastici non accade. Non vogliamo sostituirci alla scuola, ma il teatro la può affiancare: è un patrimonio italiano che forse tutti dovremmo riprendere in mano.

Tradizione e modernità si fondono, soprattutto nella lingua; il 60% dei testi sono in lingua originale, il resto in italiano. Come mai?


Si fondono e si rincorrono, ma d'altronde il tema modernità è nel genio di ciò che è stato scritto. Già 700 anni fa, Dante parlava di temi attualissimi: lui inizia a scrivere la Commedia perché in preda alla depressione. Parla di Paolo e Francesca, di Pia De' Tolomei, citando donne uccise con violenza dal proprio marito. Sono piccoli esempi per dire che il testo è moderno di suo. Anche la lingua lo era: moltissimi aforismi del nostro linguaggio quotidiano sono pieni di termini danteschi. In alcuni casi abbiamo deciso di fare dei sunti per rendere il tutto più fruibile e appetibile, tanto più se viene cantato. È la necessità di renderlo più morbido e fluido in certi passaggi.

La modernità è anche nelle rappresentazioni, da coreografie acrobatiche a proiezioni in 3D: come si fonde quest'elemento più tecnicamente moderno con la Commedia?


La Divina Commedia ha in sé Inferno, Purgatorio e Paradiso, e ha una "pelle" operistica, che appartiene a noi italiani sicuramente più del musical, che vede la fusione di danza, canto e prosa. Tre realtà così differenti come i mondi danteschi non potevano essere raccontate tutte nello stesso modo: non si poteva fare solo un musical con brani pop. Qui servivano tutti gli stili: andiamo da sonorità con chitarre elettriche distorte, più "infernali", a suoni più pop, leggeri, fino ad atmosfere drammatiche e rarefatte da cantautorato italiano e addirittura al gregoriano. La musica che si sente sul palco, inoltre, è stata registrata da un'orchestra vera di 100 elementi, non sono suoni campionati. La tecnologia 3D usata per i circa 70 cambi di scenari, poi, è la più moderna in assoluto, e gli scenari non diventano "cinema". Anche le coreografie, poi, sono a cura di un corpo di ballo pronto non solo a fare acrobazie, ma anche con una forte base classica. Ci saranno anche straordinari assoli, ecco perché il lavoro di ricerca degli interpreti è stato lungo e impegnativo.

In conclusione, perché andare a vedere La Divina Commedia Opera Musical?


Perché fa parte di noi. Perché noi a differenza di tante nazioni europee, siamo abituati da bambini alla bellezza, dei nostri mari, delle montagne, dei centri storici, siamo abituati alla bellezza nel vestirci, dei musei, dell'arte. Abbiamo questo dentro di noi, e non dobbiamo vergognarci, né pensare che questo possa essere pesante. Ci sono tante popolazioni che si inventano la storia: noi ce l'abbiamo, dobbiamo imparare un po' ad amarci e ad accorgerci delle cose che abbiamo. La Divina Commedia è una cosa che abbiamo, e va tirata fuori dagli italiani. Non vedo perché noi non dobbiamo essere i primi a conoscerla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie