Martedì 11 Agosto 2020 | 12:20

NEWS DALLA SEZIONE

nel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
VERSO LA RIAPERTURA
Taranto piano scuole, stanziato un milione

Taranto: piano scuole, stanziato un milione

 
IL FATTO
Indotto ex Ilva, salta l'incontro: la Morselli snobba il Governo

Indotto ex Ilva, salta l'incontro: la Morselli snobba il Governo

 
Il caso
Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

 
Scuola
Taranto, varato «@ula 3.0» per digitalizzare le scuole comunali

Taranto, varato «@ula 3.0» per digitalizzare le scuole comunali

 
RIQUALIFICAZIONE
Centro salute Asl a Taranto, lavori in corso

Centro salute Asl a Taranto, lavori in corso

 
a 10 anni dalla morte
Avetrana, l'omicidio di i Sarah Scazzi diventa serie Tv e documentario

Avetrana, l'omicidio di Sarah Scazzi diventa serie Tv e documentario

 
Controlli dei CC
Taranto, affitta villa al mare per spacciare: arrestato 46enne

Taranto, affitta villa al mare per spacciare: arrestato 46enne

 
Le rassicurazioni
Mittal Taranto, premier Conte: «Garantiremo salute e sicurezza alla città»

Mittal Taranto, premier Conte: «Garantiremo salute e sicurezza alla città»

 
tragedia dfiorata
Taranto, sparatoria in strada nella città vecchia: 39enne ferito ai glutei

Taranto, sparatoria in strada nella città vecchia: 39enne ferito ai glutei

 
Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

Il caso

Ilva Taranto, appello a Conte: «Basta con Mittal, adesso ci coinvolga»

Nel pomeriggio di ieri, la città è stata invasa dalle polveri del siderurgico

Taranto, Ilva, appello a Conte: «Basta con Mittal, adesso ci coinvolga»

TARANTO - Nel giorno in cui una tempesta di vento dimostra la perfetta inutilità - salvo future e auspicabili smentite - della copertura dei parchi minerali, almeno per come e quanto realizzata sinora, nel difendere i tarantini, specie i residenti ai Tamburi, dalle polveri, parte dagli enti locali una forte presa di posizione nei confronti del Governo sul dossier ex Ilva.

In un documento, i comuni dell’area di crisi (Taranto, Statte, Massafra, Crispiano e Montemesola), la Provincia e la Camera di Commercio fanno il punto sulla vertenza siderurgico, arrivando ad evocare la strage di Ustica e il muro di gomma che da decenni avvolge la caduta dell’aereo Itavia. «In queste ore il Governo ha dimostrato tutta la sua debolezza ed ha avviato le sue trattative con ArcelorMittal. Senza il territorio ionico. Senza che, al solito, all'ordine del giorno - si legge nel documento - ci siano i bisogni dei nostri concittadini, dei nostri lavoratori, delle nostre imprese.

Tutte le istituzioni rappresentative dell'area ionica e del sistema economico locale sono stanche di combattere per cose che altrove sono la normalità, per affermare il proprio diritto a scegliere e coltivare un determinato modello di sviluppo, in un contesto di relazioni rispettose e condizioni corrette.

È la negazione di ogni valore costituzionale e di ogni principio di funzionamento dello Stato». Nel documento, gli enti locali uniti «confermano la loro disapprovazione per questa condotta del Governo, al quale reiterano l'invito a formulare una urgente convocazione del tavolo per l'accordo di programma sul futuro dello stabilimento siderurgico di Taranto. Una piattaforma che è certamente tutta da costruire, forse con un tempo di maturazione medio-lungo, ma che è ritenuto dalla comunità l'unico strumento utile a pacificare questa situazione, a superare finalmente questo periodo di grande crisi e a funzionare da cabina di regia per gli investimenti in tecnologia e per la transizione giusta, oltre che per dare una prospettiva ai lavoratori destinati all'esubero, al di là di ogni ipocrisia sul punto. Il tempo stringe e Taranto merita di essere finalmente trattata al pari di Trieste, Genova o altri luoghi che hanno attraversato analoghe vertenze».

Melucci, Gugliotti e gli altri rappresentanti istituzionali hanno sottolineato in conferenza stampa, alla presenza tra gli altri del presidente di Confindustria Taranto Antonio Marinaro, che «la comunità ionica oggi chiude definitivamente la porta ad ogni intesa al ribasso con ArcelorMittal, che non sarà mai più ritenuto un soggetto affidabile per l'auspicato cambio di paradigma. Troppe violenze contro la città, le parti sociali e l'ambiente, indietro non si torna.

Chiediamo, inoltre, al Governo di non sperperare altre risorse pubbliche in un rapporto con una parte privata senza garanzie per l'interesse pubblico, che non coincide necessariamente con le aspirazioni del mercato dell'acciaio o di questo liberismo spinto, incurante delle centinaia di milioni di euro di crediti insoluti verso il sistema economico locale».

Nel documento, infine, viene annunciata «una fase di robuste iniziative volte a tutelare gli interessi e il futuro di Taranto, anche in ambito europeo. Da oggi gli enti locali mantengono una convocazione permanente sul punto, invitano ad aderire a questa grande discussione tutte le organizzazioni sindacali e sollecitano una posizione definita sul tema ex Ilva anche ai candidati presidente della Regione Puglia, a tutti i parlamentari ionici ed europarlamentari meridionali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie