Martedì 07 Luglio 2020 | 19:47

NEWS DALLA SEZIONE

Preso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
ambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
nel Tarantino
Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

 
nel Tarantino
Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie preoccupate: «Tragedia sfiorata»

Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie: «Tragedia sfiorata». La replica del sindaco

 
la città
Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

 
Ambiente
Taranto, boom di pm 10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

Taranto, boom di pm10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

 
nel Tarantino
Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

 
nel Tarantino
Castellaneta, sequestrato intero terreno coltivato con 70mila piante di cannabis: 4 arresti

Castellaneta, sequestrato intero terreno coltivato con 70mila piante di cannabis: 4 arresti

 
In via Leonida
Taranto, entro metà agosto sarà ultimato il parcheggio nell'ex artiglieria

Taranto, entro metà agosto sarà ultimato il parcheggio nell'ex Artiglieria

 
Il siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

L'INTERVISTA

Riconvertire il territorio tarantino, la sfida Bcc di San Marzano

Parla il neo-presidente Di Palma: «Ripartiamo dalle nostre eccellenze»

Riconvertire il territorio tarantino, la sfida Bcc di San Marzano

I numeri sono confortanti, i propositi ambiziosi. La Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe volta pagina, affidando, al termine di una assemblea condizionata dalle misure di sicurezza sanitaria imposte dalla pandemia, la presidenza a Emanuele di Palma, già direttore generale dell’istituto di credito per 25 anni. Il bilancio 2019 si è chiuso con un utile di 3,4 milioni di euro, grazie alla crescita delle masse amministrate, la riduzione dei crediti deteriorati e la diversificazione delle attività. Gli impieghi superano i 275 milioni di euro con un incremento del 6% rispetto all’esercizio precedente. La raccolta complessiva segna una crescita del 2%, attestandosi a 572milioni di euro. Positive anche le performance sul fronte della solidità patrimoniale: è stato rafforzato il patrimonio netto che supera i 55 milioni di euro (+ 16 % rispetto al 2018).

Presidente di Palma, ci può indicare i principali obiettivi del suo mandato?

Saranno 3 anni con lo sguardo rivolto al futuro. Molte sono le sfide che ci attendono. La nuova governance farà in modo che le difficoltà si trasformino in opportunità. In pratica l’obiettivo è quello di portare la Bcc San Marzano ad essere una delle più importanti banche in ambito regionale. Efficienza, innovazione, solidità, qualità del servizio e radicamento nel territorio saranno le parole d’ordine.

Dal suo osservatorio, quanto il coronavirus ha picchiato duro sulla economia pugliese e tarantina?

L’impatto del Covid 19 è stato negativo in tutta regione Puglia ed in particolare nella nostra provincia. Le attività economiche che coinvolgono la maggior parte della popolazione, intendo il turismo, la ristorazione, il settore degli eventi, impiegando centinaia di migliaia di persone, sono state le più penalizzate dalla pandemia. È ovvio che se l’emergenza sanitaria dovesse definitivamente rientrare, come ci auguriamo che accada, ci sarà modo e possibilità di risalire velocemente e recuperare il terreno perduto.

Ci sono state polemiche sulle banche per i prestiti garantiti dallo Stato: quanto c’era e c’è di vero?

Dal nostro punto di vista l’emergenza da Covid 19 ha rinsaldato i rapporti con il territorio e la clientela. Ci siamo adoperati sin da subito per applicare nella pratica le disposizioni governative ed in particolare quelle regionali a favore delle aziende. A questo proposito ricordo l’ultima misura della Regione Puglia che prevede il 30% a fondo perduto per le imprese. È pure vero che a livello nazionale, data la straordinarietà del momento, ci sono stati alcuni ritardi e false partenze. Ad oggi pare che il tempo perduto sia stato recuperato.

Il coronavirus ha portato un po’ tutti a rivedere scelte e priorità: da dove ricominciare?

Sicuramente dobbiamo ripartire dalle nostre eccellenze. Mi riferisco alle migliori aziende del territorio, che possono riportare l’attenzione su ciò che di meglio si sa fare. Intendo l’agroalimentare, il turismo, la ristorazione e la ricettività più in generale. È ovvio che non tutte saranno nelle condizioni di farlo. Ed è qui il compito del sistema bancario, ossia quello di supportare con vigore le realtà dotate delle competenze, delle professionalità e della progettualità per ripartire.

Taranto e la sua provincia cercano una riconversione economica sostenibile: secondo lei, si può fare?

Assolutamente sì. Sono anni che si dibatte sull’argomento. Probabilmente la pandemia avrà l’effetto di accelerare i tempi delle decisioni per un futuro sostenibile del nostro territorio. È una necessità improcrastinabile. Bisogna passare dalle parole ai fatti. Come banca siamo pronti, insieme alle associazioni di categoria, a dare il nostro contributo alla riconversione di un territorio storicamente legato alla monocultura dell’acciaio.

L’agricoltura era uno dei settori più in crescita pre-lockdown: che ruolo possono avere gli istituti di credito per far fare il definitivo salto di qualità alle imprese agricole del territorio?

Una banca territoriale come la nostra è stata sempre vicina a tutto il mondo agricolo. È nostro intento continuare a collaborare con tutti gli operatori, anche per utilizzare quelle risorse regionali e nazionali che possano favorire una nuova stagione dell’agricoltura. È un settore che può dare molto in termini di Pil e occupazione, ma che necessita anche di importanti investimenti per essere opportunamente modernizzato e valorizzato a livello di immagine e produttività.

Come e quanto è cambiato il ruolo della BCC di San Marzano dopo l’adesione a Cassa Centrale?

La legge di riforma del credito cooperativo (49/2016) e il conseguente ingresso nel Gruppo Cassa Centrale, hanno segnato una svolta epocale nella storia della Banca. Dismesse le vesti di istituto di credito sì presente sul territorio, ma di piccole dimensioni e autonomo nelle scelte, siamo entrati a far parte di un importante Gruppo bancario nazionale, pur non perdendo le originali caratteristiche di mutualità e cooperazione. Oggi la Bcc San Marzano è impegnata a far valere il proprio peso e le proprie professionalità all’interno di un perimetro più ampio, che accoglie altre 78 banche di credito cooperativo, in un sistema solido e moderno. Cercheremo di essere tra le eccellenze del Gruppo in continuità con il passato. A questo proposito vorrei ringraziare il presidente che mi ha preceduto Francesco Cavallo, che per oltre 30 anni ha rappresentato la Banca, interpretando con passione l’originario spirito mutualistico e cooperativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie