Martedì 02 Giugno 2020 | 14:20

NEWS DALLA SEZIONE

atti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
l'aggressione-rapina
Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

 
al quartiere Paolo VI
Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

 
il siderurgico
ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

 
La Provincia
Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Taranto, colpi di pistola in via Mazzini dopo diverbio. Arrestato «pistolero»: un 46enne

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 

Il Biancorosso

Lutto
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSanità post emergenza
Il San Giuseppe da Copertino

L’ospedale di Copertino riapre ma l’organizzazione è disastrosa

 
BariEstate alle porte
Cala San Giovanni

Fase 2, lettini personalizzati nell’azzurro di Polignano

 
Tarantoatti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
Brindisil'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
PotenzaDal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 

i più letti

emergenza coronavirus

Castellaneta, pericolo focolaio ospedale «Aspettiamo esito tamponi»

Il sindaco Giovanni Gugliotti chiede chiarimenti al direttore generale Asl ma anche alla Regione dopo i 23 casi di positività al test riscontrati al San Pio

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

CASTELLANETA -  «Non ci arrivano più dati. Abbiamo necessità di rivolgere un appello, ma un appello battendo i pugni sul tavolo, al direttore generale Asl ma anche alla Regione perché forniscano un pò di chiarimenti».

È la richiesta perentoria rivolta dal sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti in merito al focolaio di contagio da Coronavirus nell’ospedale San Pio di Castellaneta. Fino a mercoledì scorso erano stati riscontrati 23 casi di positività al test che avevano interessato soprattutto il personale medico e infermieristico e 2-3 pazienti. Ma si attendeva l’esito di altre decine di tamponi. La procura di Taranto ha già avviato un’inchiesta per accertare l’eventuale violazione di protocolli, così come adombrato nei giorni scorsi dallo stesso primo cittadino e dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che sollecitava l’intervento della magistratura.

A risultare positivo al test è stato per primo un dirigente medico. «Quanti tamponi - si è chiesto il sindaco Gugliotti in un video messaggio su Facebook - sono stati lavorati e processati? Un dato ufficiale non lo abbiamo ancora. I tamponi che ancora non sono stati processati, devono essere lavorati quanto prima possibile perché si tratta di operatori sanitari che, non sapendo se sono positivi o negativi, stanno chiusi in casa, non vanno al lavoro e questo mette in grave difficoltà il regolare funzionamento dell’ospedale di Castellaneta, unico presidio del versante occidentale».

Per il primo cittadino, «questa situazione è per noi insostenibile. È vero che noi, come sindaci, siamo autorità sanitaria, ma non abbiamo possibilità di incidere sui tempi dei laboratori. Dobbiamo chiudere quanto prima questa fase dei tamponi perché poi, insieme alla Regione, dobbiamo concentrarci sull'azione di supporto alle persone in difficoltà, a quelle che non possono fare la spesa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie