Lunedì 01 Giugno 2020 | 03:46

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Taranto, colpi di pistola in via Mazzini dopo diverbio. Arrestato «pistolero»: un 46enne

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 
Sanità e stellette
Taranto, dal governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

Taranto, dal Governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

 
Il caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
OMICIDIO STANO
Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang rischiano fino a 20 anni di carcere

Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang condannati fino a 10 anni di carcere

 
Il siderurgico
Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

 
il siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

L'iniziativa

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

Ieri la manifestazione, con tanto di ciminiera di cartone e 13 croci

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

foto Todaro

Tredici croci bianche adagiate per terra in rappresentanza dei tredici decreti definiti ammazza-Taranto. Una ciminiera di cartone che riproduceva il camino E312 dello stabilimento siderurgico portata in corteo da 13 tarantini, mamme e bambini compresi. L’uomo nero che impersonava la grande industria e bastava un suo semplice cenno per ottenere un decreto. Poi la donna in blu che rappresentava l’Europa e ricordava la sentenza della Cedu che ha condannato l’Italia per i mancati controlli sulle emissioni inquinanti. In sottofondo una marcia funebre ad anticipare la canzone finale che inneggia a «Taranto libera». E lo striscione «Tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino». Una decisione coraggiosa quella di teatralizzare il flash mob che si è svolto ieri pomeriggio in piazza della Vittoria, organizzato da cittadini e associazioni per sensibilizzare la popolazione sui temi della salute e dell’ambiente e come risposta al 13esimo decreto che ha ripristinato l'immunità penale ad ArcelorMittal in relazione all’attuazione del piano ambientale.

La manifestazione rientrava nell’ambito di una iniziativa nazionale che interessa i territori classificati come Sin, Siti di interesse nazionale. I partecipanti erano stati invitati a indossare magliette bianche. «Il motivo? Il bianco - ha spiegato Monica Altamura dell’associazione LiberiAmo Taranto - è segno di purezza. Il bianco è segno di vita, di speranza. Questa manifestazione è stata realizzata nei Sin, territori che secondo lo Stato sono altamente inquinati. Cosa chiediamo? Il diritto alla vita, il diritto alla salute, il diritto a procreare. Ci stanno togliendo tutto». L’obiettivo era anche quello di «far vedere alle istituzioni che Taranto c’è». L’adesione non è stata altissima. Anzi. Ma chi ha partecipato continua a rappresentare un esempio di cittadinanza attiva rispetto a chi passa, guarda distrattamente e se ne va.

«Abbiamo voluto rappresentare - ha precisato Altamura - i 13 decreti salva industria e ammazza Taranto. Non dimentichiamo che a Taranto non abbiamo soltanto l’Ilva purtroppo. Qui insiste anche una raffineria, ci sono diverse discariche. Abbiamo un deposito di stoccaggio di rifiuti industriali di Chernobyl. Quello che vogliamo è che inizino immediatamente le bonifiche, che vengano chiuse le fonti inquinanti, che ci siano degli studi epidemiologici fatti bene, che si capisca perchè in queste zone ci sono alti tassi di mortalità per patologie legate all’inquinamento». Tra coloro che hanno portato in corteo la ciminiera di cartone c’erano anche il consigliere comunale Vincenzo Fornaro e Fulvia Gravame di Peacelink, mentre Massimo Castellana dell’associazione Genitori Tarantini Ets impersonava la grande industria capace di «condizionare ogni scelta politica e calpestare la Costituzione». I manifestanti hanno invitato la cittadinanza a partecipare «alla vita associativa perchè se tutti ci giriamo dall’altra parte non ci sarà mai niente per Taranto. Prendiamo esempio da Genova, dove sono riusciti a ottenere quello che volevano, cioè la chiusura dell’area a caldo. Combattiamo tutti insieme perchè - è l’auspicio ancora represso - uniti si vince per una Taranto libera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie