Sabato 23 Febbraio 2019 | 23:02

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Taranto, massacrò ragazzo per una telefonata: condannato a 3 anni

Taranto, massacrò ragazzo per una telefonata: condannato a 3 anni

 
Il siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
L'arresto
Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

 
Lotta al caporalato
Castellaneta, nascondevano nel bagagliaio braccianti in nero: 2 arresti

Castellaneta, nascondevano nel bagagliaio i braccianti: 2 arresti

 
Trasporti
Porto di Taranto, arriva il via libera dei giudici a Ylport

Porto di Taranto, arriva il via libera dei giudici a Ylport

 
Arrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
Nel Tarantino
Tentò di uccidere due persone a S.Giorgio Jonico, pregiudicato si consegna ai cc

Tentò di uccidere 2 persone a S.Giorgio Jonico, 68enne si consegna ai cc

 
Nel Barese
Impianto di energia pulita smaltisce rifiuti pericolosi: sequestro a Gioia del Colle

Impianto energia pulita smaltisce rifiuti pericolosi: sequestro a Gioia del Colle VD

 
Decide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'episodio
Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

 
FoggiaPrimarie
Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

 
PotenzaVoto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
BrindisiSan Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Sanità

Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

Erogata la misura economica suppletiva dalla Regione Puglia

malati terminali a casa

TARANTO - Una piccola boccata d’ossigeno per un primo gruppo di beneficiari dell’assegno di cura, la misura economica suppletiva prevista dalla Regione Puglia per gli ammalati gravissimi e non autosufficienti giunta quest’anno alla terza annualità. A distanza di circa due mesi e mezzo dalla chiusura del termine per la presentazione delle domande (lo scorso 22 novembre, ndr), finalmente da ieri a Taranto sono in liquidazione gli assegni per le prime sei mensilità (dal 14 luglio al 13 gennaio) ad un primo elenco di 115 beneficiari. Ad avere priorità gli ammalati gravissimi, cosiddetti di terzo livello, pazienti in coma, o in stato vegetativo, persone assistite con cure domiciliari perché costantemente allettati con una serie di grosse criticità e sofferenze, secondo un elenco provvisorio fornito dalla Regione e determinatosi sulla base del punteggio conseguente alle dichiarazioni di ogni richiedente. Da ieri, dopo tutte le procedure di controllo e sostanziale lavorazione di 900 pratiche sul totale complessivo di 2330 domande presentate a Taranto, il doppio rispetto allo scorso anno, il competente ufficio dell’Asl jonica sta provvedendo a chiamare telefonicamente gli interessati. Complessivamente, sulla base dei fondi erogati all’azienda sanitaria locale, la platea dei beneficiari potrà essere tuttavia di 452 utenti. Purtroppo, nonostante l’ulteriore erogazione messa già a disposizione quest’anno dalla Regione (i fondi sono passati da 25 a 35 milioni), il numero di pazienti che ne avranno diritto – almeno a Taranto – sarà inferiore rispetto allo scorso anno. E questo, si diceva, a fronte di un numero di richieste pressocché raddoppiato nella nostra provincia.

È il responsabile unico del procedimento assegni di cura dell’Asl Taranto, Luca Ciccarese, a fornire il quadro della situazione e ad anticipare che si conta di lavorare tutte le richieste pervenute entro fine marzo. Sono state, dunque, ben 2.330 quest’anno le domande inoltrate, mentre lo scorso anno furono 1200. Un incremento dovuto ad un’informazione sempre più diffusa, ad una diversa individuazione dei criteri richiesti (meno Isee e più condizioni familiari, gravità della malattia), ad una più diffusa criticità. Se però lo scorso anno, delle 1200 domande inoltrate, 750 furono quelle accolte, pari al numero dei beneficiari, quest’anno le cose stanno i termini diversi. Intanto, i fondi distribuiti a Taranto (sulla base della popolazione residente) sono di € 4.886.309,55. Cifra che, divisa per la quota spettante a ciascun beneficiario (circa mille euro mensili), individuano in 452 gli utenti che risultano averne diritto. Eppure secondo una stima, i pazienti che rispondono a tutti i criteri sono 507, come dire dunque che la differenza tra 507 e 452 è la quota di coloro che, nonostante un punteggio elevato, non potranno ricevere aiuti. Più tutti gli altri che non si potrà proprio prendere in considerazione. Pare oltretutto improbabile, se non impossibile, che la Regione riesca a rendere disponibili ulteriori risorse finanziarie dopo la prima implementazione già avvenuta.
Taranto insieme a Foggia sono le province in cui la richiesta è cresciuta esponenzialmente. L’Asl dauna ha, infatti, ricevuto 2855 domande, i beneficiari dell’assegno di cura saranno 595. A Lecce dove, a fronte di una popolazione che è il doppio di Taranto, sono pervenute 2.897 domande, l’assegno di cura andrà a 744 pazienti gravissimi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400