Lunedì 24 Giugno 2019 | 14:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Di Maio a Taranto: «Immunità è caso risolto: non c'è più». «C'è un 1 mld per la città»

Di Maio a Taranto: «Immunità? non c'è più». «Disponibile 1 mld per la città»

 
Violato divieto d'avvicinamento
Mottola, perseguitava e minacciava la moglie: ai domiciliari 41enne

Mottola, perseguitava e minacciava la moglie: ai domiciliari 41enne

 
Lavoro e ambiente
Di Maio e cinque ministri oggi «invadono» Taranto

Di Maio e 5 ministri in visita a Taranto: «Mittal rispetti i patti» VD
Bonisoli: «Daremo nuova vita alla città»

 
Ex Ilva
Taranto, una settimana per decidere il futuro di ArcelorMittal

Taranto, una settimana per decidere il futuro di ArcelorMittal

 
Nel Tarantino
S.Giorgio Jonico: accoltella la compagna al ventre, in cella 52enne albanese

S.Giorgio Jonico: accoltella la compagna al ventre, in cella 52enne albanese

 
Recuperata da Polizia
Lama, arriva la Polizia: abbandonata pistola carica per strada

Lama, arriva la Polizia: abbandonata pistola carica per strada

 
Comune
Taranto, altro valer per la giunta Melucci: in bilico neo assessore

Taranto, altro valzer per la giunta Melucci: in bilico neo assessore

 
Il siderurgico
Ex Ilva, Jehl: «Immunità necessaria per piano ambientale»

Ex Ilva, Jehl: «Immunità necessaria per piano ambientale». Salvini: Bisogna agevolare investitori

 
L'esposto
Ex Ilva, Luigi Di Maio torna a Taranto con 5 ministri: scattano i sit in

Ex Ilva, 6mila firme contro emissioni. Lunedì Di Maio a Taranto, proteste

 
Ad Avetrana
Aiutarono sbarco migranti a Torre Colimena, benemerenze a cc

Aiutarono sbarco migranti a Torre Colimena, benemerenze a cc

 
lavoro irregolare
Caporalato, sfruttano connazionali nel Tarantino, arrestati 3 marocchini

Caporalato, sfruttano connazionali nel Tarantino, arrestati 3 marocchini

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il tour della Puglia di Antenuccitra cene, amici e calciatori

Il tour della Puglia di Antenucci tra cene, amici e calciatori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIn cattivo stato di conservazione
Brindisi, 912 bottiglie d’acqua esposte al sole: sequestro in supermercato

Brindisi, 912 bottiglie d’acqua esposte al sole: sequestro in un supermercato

 
GdM.TVIl siderurgico
Di Maio a Taranto: «Immunità è caso risolto: non c'è più». «C'è un 1 mld per la città»

Di Maio a Taranto: «Immunità? non c'è più». «Disponibile 1 mld per la città»

 
BariLa storia
Mola, da giovane scultrice a suora: ecco la nuova vita di Angela

Mola, da giovane scultrice a suora: ecco la nuova vita di Angela

 
MateraL'intervista
Metaponto, in arrivo Piero Angela: «Qui la storia e il futuro»

A Metaponto arriva Piero Angela: «Qui la storia e il futuro» VD

 
PotenzaOspedale San Carlo
Potenza. allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

Potenza, allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

 
LecceOmicidio
Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide un’anziana

Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide anziana nella stanza da letto

 
FoggiaTragedia in vacanza
Mare «forza 5» a Vieste: turista si tuffa e muore

Mare «forza 5» a Vieste: turista si tuffa e muore

 
BatLa manifestazione
Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

 

i più letti

Sanità

Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

Erogata la misura economica suppletiva dalla Regione Puglia

malati terminali a casa

TARANTO - Una piccola boccata d’ossigeno per un primo gruppo di beneficiari dell’assegno di cura, la misura economica suppletiva prevista dalla Regione Puglia per gli ammalati gravissimi e non autosufficienti giunta quest’anno alla terza annualità. A distanza di circa due mesi e mezzo dalla chiusura del termine per la presentazione delle domande (lo scorso 22 novembre, ndr), finalmente da ieri a Taranto sono in liquidazione gli assegni per le prime sei mensilità (dal 14 luglio al 13 gennaio) ad un primo elenco di 115 beneficiari. Ad avere priorità gli ammalati gravissimi, cosiddetti di terzo livello, pazienti in coma, o in stato vegetativo, persone assistite con cure domiciliari perché costantemente allettati con una serie di grosse criticità e sofferenze, secondo un elenco provvisorio fornito dalla Regione e determinatosi sulla base del punteggio conseguente alle dichiarazioni di ogni richiedente. Da ieri, dopo tutte le procedure di controllo e sostanziale lavorazione di 900 pratiche sul totale complessivo di 2330 domande presentate a Taranto, il doppio rispetto allo scorso anno, il competente ufficio dell’Asl jonica sta provvedendo a chiamare telefonicamente gli interessati. Complessivamente, sulla base dei fondi erogati all’azienda sanitaria locale, la platea dei beneficiari potrà essere tuttavia di 452 utenti. Purtroppo, nonostante l’ulteriore erogazione messa già a disposizione quest’anno dalla Regione (i fondi sono passati da 25 a 35 milioni), il numero di pazienti che ne avranno diritto – almeno a Taranto – sarà inferiore rispetto allo scorso anno. E questo, si diceva, a fronte di un numero di richieste pressocché raddoppiato nella nostra provincia.

È il responsabile unico del procedimento assegni di cura dell’Asl Taranto, Luca Ciccarese, a fornire il quadro della situazione e ad anticipare che si conta di lavorare tutte le richieste pervenute entro fine marzo. Sono state, dunque, ben 2.330 quest’anno le domande inoltrate, mentre lo scorso anno furono 1200. Un incremento dovuto ad un’informazione sempre più diffusa, ad una diversa individuazione dei criteri richiesti (meno Isee e più condizioni familiari, gravità della malattia), ad una più diffusa criticità. Se però lo scorso anno, delle 1200 domande inoltrate, 750 furono quelle accolte, pari al numero dei beneficiari, quest’anno le cose stanno i termini diversi. Intanto, i fondi distribuiti a Taranto (sulla base della popolazione residente) sono di € 4.886.309,55. Cifra che, divisa per la quota spettante a ciascun beneficiario (circa mille euro mensili), individuano in 452 gli utenti che risultano averne diritto. Eppure secondo una stima, i pazienti che rispondono a tutti i criteri sono 507, come dire dunque che la differenza tra 507 e 452 è la quota di coloro che, nonostante un punteggio elevato, non potranno ricevere aiuti. Più tutti gli altri che non si potrà proprio prendere in considerazione. Pare oltretutto improbabile, se non impossibile, che la Regione riesca a rendere disponibili ulteriori risorse finanziarie dopo la prima implementazione già avvenuta.
Taranto insieme a Foggia sono le province in cui la richiesta è cresciuta esponenzialmente. L’Asl dauna ha, infatti, ricevuto 2855 domande, i beneficiari dell’assegno di cura saranno 595. A Lecce dove, a fronte di una popolazione che è il doppio di Taranto, sono pervenute 2.897 domande, l’assegno di cura andrà a 744 pazienti gravissimi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie