Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 21:01

NEWS DALLA SEZIONE

vela
Nelle acque fra Bari e Polignano regata Coppa dei campioni dal 7 all'11 aprile

Nelle acque fra Bari e Polignano regata Coppa dei campioni dal 7 all'11 aprile

 
L'intervista
Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

 
Serie C
Catanzaro-Potenza: il match finisce 1-0, gol al 94' del giallorosso Curiale

Catanzaro-Potenza: il match finisce 1-0, gol al 94' del giallorosso Curiale

 
Stand Up Paddle
Bari, riconoscimento del Comune a Davide Alino, campione italiano Sup

Bari, riconoscimento del Comune a Davide Alpino, campione italiano Sup

 
Ciclismo
Giro d'Italia, dopo 20 anni farà tappa a Foggia

Giro d'Italia, dopo 20 anni farà tappa a Foggia

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

L'intervista

Parla l'ex ds del Napoli Giorgio Perinetti: «Vi racconto il mio Maradona segreto»

Lui è tra quelli che «hanno visto il Pibe de Oro». Vivendolo da vicino. E non un solo giorno. Quasi per quattro anni

Parla l'ex ds del Napoli Giorgio Perinetti: «Vi racconto il mio Maradona segreto»

Lui è tra quelli che «hanno visto Maradona». Vivendolo da vicino. E non un solo giorno. Quasi per quattro anni. Giorgio Perinetti ha conosciuto il Pibe de Oro nell’epoca più bella. Dal 1987, quando entrò nel club partenopeo come capo degli osservatori e responsabile del settore giovanile, fino all’epilogo, quando, già divenuto direttore sportivo degli azzurri, comunicò al «Dieci» più forte e chiacchierato di tutti i tempi, la positività alla cocaina nel test delle urine effettuato dopo Napoli-Bari del 17 marzo 1991. Quel Bari che poi è diventato parte del suo cuore, con la cavalcata in A del 2009 ed il decimo posto nel massimo campionato del torneo successivo. Perinetti oggi è il direttore sportivo del Brescia. E ci racconta il «suo» Maradona. Ne viene fuori un affresco di straordinaria umanità.


Giorgio Perinetti, in questi giorni tutti ricordano, fra le altre cose, quando Maradona incappò nella vicenda cocaina. Fu lei ad annunciare al grande Diego l’esito del controllo antidoping, Come andò?

«Quell’episodio segnò la fine della straordinaria epopea italiana di Maradona. Per me è un ricordo molto triste. Quando gli detti la notizia, si portò una mano al fianco sinistro e fece una smorfia che non dimenticherò mai. Sapevamo entrambi che la sanzione sarebbe stata pesantissima e che quell’episodio avrebbe segnato il suo distacco da Napoli. Non a caso, poche settimane dopo, partì per l’Argentina».

Quali sono, invece, i momenti belli che porterà sempre con sé?

«Ce ne sono molti. L’apice fu lo scudetto del 1990, la festa sul traghetto con tutte le famiglie. Era il coronamento di un’impresa incredibile, in un campionato che per Diego partì con qualche difficoltà sul piano fisico. Quando rientrò, ingranammo la marcia, ci trascinò con una clamorosa rimonta sul Milan».

Che cosa può raccontare del Maradona vissuto quotidianamente?

«Sul piano sportivo, c’è poco da aggiungere. Maradona è il calcio, in ogni particolare. Ma io non posso dimenticare l’uomo. Che sicuramente avrà commesso degli errori, ma facendo male solo a se stesso. Con gli altri Diego era una persona di una generosità straordinaria. Era un leader con un grande cuore. Aveva un incoraggiamento per tutti, un sorriso, uno sprone. In campo, con le marcature a uomo, era puntualmente massacrato: eppure, non ha mai reagito, mostrando un rispetto unico per i suoi avversari. Ora è facile parlarne, ma non penso che esisterà mai un campione del suo livello che abbini pari umiltà e umanità».

Il calcio ai tempi del coronavirus ha perso pure una leggenda come Maradona: che momentaccio...

«Senza Diego tutto sarà meno magico. Il calcio ha perso un riferimento assoluto. Ma tutti noi che operiamo in questo mondo, abbiamo un dovere: andare avanti perché il calcio torni come prima. Con la gente sugli spalti, con la passione, con gli eventi di grande spessore. Questo è il mondo che Diego amava e di certo vorrebbe ritornasse il prima possibile. Sperando che pure il Governo ci sostenga, ricordando che il calcio è una delle principali industrie nazionali e produce uno straordinario gettito fiscale».

Torniamo sul campo: il suo Brescia condivide la serie B con il Lecce. Che impressione ha dei salentini?
«Corvino ha costruito su una base già solida un complesso molto forte ed equilibrato. Lotteranno fino alla fine per la promozione diretta. Il Brescia al momento è attardato: purtroppo, paghiamo tre ondate di coronavirus all’interno del nostro gruppo. Ma ci rialzeremo e daremo battaglia».

Un pensiero sul “suo” Bari è d’obbligo…
«Credetemi, non voglio entrare in dinamiche di campo perché il sentimento che mi lega al Bari è troppo forte. Dico solo che io nel 2009-10 ho accarezzato l’idea di sbarcare in Europa: ecco, quella è la dimensione del Bari, con il San Nicola gremito ogni domenica. La priorità ora è uscire dalla serie C. Per quanto riguarda me, mi tengo il rammarico di essere stato costretto a lasciare un posto che amavo e di non aver mai avuto la possibilità di tornarci. Ma Bari resta dentro. E quando mi sento un po' giù, vado su youtube e mi rivedo i successi in B con Sassuolo o Albinoleffe. O le partite in A con Inter, Juventus, Lazio. E mi emoziono come allora».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie