Giovedì 01 Ottobre 2020 | 22:16

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Lecce calcio, arriva l'attaccante Stepinski in prestito dal Verona

Lecce calcio, arriva l'attaccante Stepinski in prestito dal Verona

 
Il match
Bari calcio, in 21 convocati per sfidare il Francavilla

Bari calcio, in 21 convocati per sfidare il Francavilla

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Sport femminile
Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

 
Sport
Ruvo, il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo Ct azzurro

Il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo ct azzurro

 
Sport
Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

 
L'INTERVISTA
Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

 
Il caso
Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid

Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid, il figlio: «Nessun contatto dal 23 agosto»

 
SOLIDARIETÀ
Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

 
Calciomercato
Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

 
LA CONFESSIONE
«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno»

«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

CALCIO

Caputo: «Questa convocazione in Nazionale la dedico alla mia Altamura»

Un momento di gioia per tutta una comunità che vede un suo concittadino per la prima volta vestire la maglia della nazionale italiana

Caputo: questa convocazione la dedico alla mia Altamura

Altamura -  Il primo amore non si dimentica mai. Nel calcio come nella vita. E Ciccio Caputo, «l’intruso» fra i mostri sacri del gol in Serie A (21 centri, alle spalle di Lukaku, Cristiano Ronaldo, Immobile) non avrebbe mai potuto non inviare un messaggio d’amore alla sua Altamura dal ritiro della Nazoinale: «È una convocazione che mi riempie di orgoglio. Mi sono emozionato. Una convocazione che voglio dedicare a tutta la città di Altamura, a mia moglie, ai miei figli, a tutti gli amici che ho giù e a tutte le persone che hanno creduto in me. Credetemi, sono veramente molto emozionato e spero che tutta la città di Altamura sia contenta. Vi mando un saluto ed un abbraccio. Grazie di cuore».

Queste le semplici e belle parole di ringraziamento di Francesco Caputo alla sua amata terra. Un momento di gioia per tutta una comunità che vede un suo concittadino per la prima volta vestire la maglia della nazionale italiana. Francesco Caputo, per tutti Ciccio, nato ad Altamura in provincia di Bari il 6 agosto del 1987. Di professione bomber, un po’ cecchino d’aria di rigore e un po’ interprete diverso del calcio in profondità. Il suo score negli ultimi anni core degli ultimi anni ne è verità lapalissiana. Basta solo rileggere alcune statistiche per comprendere come oggi in Italia finalizzatori del suo calibro ne esistano pochi. Nella stagione appena conclusa, poi, la grande esplosione.

Un’intera città che, saputo della notizia, è impazzita di gioia inondando i social di foto dello stesso Caputo e di tantissimi attestati di stima. È bastato ricordare con due suoi cari amici i passaggi salienti della sua vita e ripercorrere la sua infanzia per rendersi conto di una vita intrisa di umiltà, grande abnegazione e tenacia.

Giovanni Saponaro ha giocato con lui nel 2005 nella Real Altamura, squadra del loro paese, campionato di Eccellenza. Dopo pochi mesi la loro è diventata un’amicizia solida e duratura che si è consolidata negli anni. «In quel periodo - ricorda Saponaro - Ciccio aveva 17-18 anni e già si vedeva che calcisticamente era un passo davanti agli altri. Grande la sua personalità e nessuna paura degli avversari più grandi di lui. Ne avevamo sentito parlare di Ciccio ed il tanto parlar bene mi sembrava esagerato, ma già dalla prima amichevole con il Molfetta stupì tutti per maturità calcistica e doti naturali che altri affinano con il tempo, ma in lui erano innate. Conosco tutto di Ciccio e l’ho seguito in tutto il suo percorso calcistico. Acquistato spesso come attaccante di scorta, lo si vedeva dopo pochi mesi titolare in attacco. Il suo arrivo in nazionale è il giusto premio per i tanti sacrifici che ha dovuto fare perché nessuno gli ha mai regalato nulla. La sua è una bella favola a lieto fine da raccontare ai più giovani. Con il passare degli anni e nonostante i suoi traguardi è sempre rimasto umile e con i piedi ben saldi per terra. Questo grazie anche alla sua splendida moglie e ai suoi 3 figli. Quando mi ha detto della sua convocazione ho pianto dalla gioia».

Altro ricordo importante è quello del suo primo allenatore, Carlo Casiello, ex calciatore ed educatore nell’oratorio della parrocchia del Sacro Cuore di Altamura. «Ciccio venne in oratorio da me quando aveva 7-8 anni. Non ha mai fatto scuole calcio e fino a 15 anni il suo allenatore ed educatore sono stato io. Tutti i pomeriggi giocava e si allenava nel nostro campetto - ricorda Casiello - ed era tra i più svegli e tenaci in campo. Sempre educato e corretto, dai sani e forti valori insegnati e trasmessi dalla sua famiglia. Con lui abbiamo vinto un torneo nazionale a Bellaria e lì già dimostrò tutto il suo valore. Ricordo una volta quando a Bari venne da me piangendo perché colpito da una dolorosa gomitata da un avversario. Gli dissi che per diventare un calciatore non doveva piangere per queste cose, ma piangere e sudare per diventare un grande calciatore, ed oggi lo è. A 15 anni per poter continuare a fare calcio andò via ed inizio la trafila nella squadra dell’Altamura».

Oggi Ciccio Caputo da Altamura è in Nazionale. A suon di gol. È lui il piccolo grande «fenomeno» della A. Da oggi chiamatelo «FC9».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie