Martedì 02 Marzo 2021 | 03:34

NEWS DALLA SEZIONE

marina militare
Taranto, un mare di euro per 4 nuovi sommergibili

Taranto, un mare di euro per 4 nuovi sommergibili: ecco i killer degli abissi

 
L'intervista
Esercito, il Capo di Stato Maggiore: «Lascio un Esercito coeso con la Pinerolo che è un’élite

Esercito, il Capo di Stato Maggiore: «Lascio un Esercito coeso con la Pinerolo che è un’élite

 
la «missione»
Un aereo-spia da 450 milioni nei cieli di Puglia e Basilicata

Un aereo-spia da 450 milioni nei cieli di Puglia e Basilicata

 
Il caso
Puglia, prosegue il programma degli F-35 con l’atomica

Puglia, prosegue il programma degli F-35 con l’atomica

 
Moda
Il nuovo marchio dell'Esercito a Pitti Uomo per i capi sportswear

Il nuovo marchio dell'Esercito a Pitti Uomo per i capi sportswear

 
Al porto
Marina Militare, la portaerei Cavour da Taranto approda a Norfolk

Marina Militare, la portaerei Cavour da Taranto approda a Norfolk

 
Il gesto
Lecce, militari del Cavalleggeri di Lodi donano sangue al «Vito Fazzi»

Lecce, militari del Cavalleggeri di Lodi donano sangue al «Vito Fazzi»

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

la storia

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Gli elicotteristi dell’Aeronautica militare raccontano: «Il primo tentativo è andato a vuoto per il buio e le condizioni meteo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

GIOIA DEL COLLE - Il primo tentativo non è andato a buon fine. E non si può capire che cosa si prova a tornare indietro senza essere riusciti a salvare una vita, confidano gli stessi militari alla «Gazzetta».

Ma loro sono uomini che non si arrendono facilmente e che non conoscono riposo, dato che assicurano 24 ore su 24, per 365 giorni l’anno, la ricerca e il soccorso. Ci hanno riprovato con la determinazione che li contraddistingue e ci sono riusciti.

C’è tanto cuore nel recupero dei due escursionisti di 42 e 34 anni bloccati a 15 gradi sotto zero sul Monte Alpi, a Castelsaraceno, nei pressi di Latronico, in Basilicata, effettuato dall’84esimo Centro Csar (Combat Search and Rescue) di Gioia del Colle. Un lavoro congiunto che ha visto impegnata l’Aeronautica militare (e in particolare il Gruppo elicotteristi appartenente al 15esimo Stormo di Cervia, ma di stanza nella base gioiese) insieme ai Vigili del fuoco di Bari.

L’elicottero dell’Aeronautica, su ordine dell’Rcc (Rescue Coordination Center) del Comando operazioni aerospaziali di Poggio Renatico (Ferrara), è decollato dalla base di Gioia nella nottata di due giorni fa per la ricerca e il soccorso dei due dispersi.

Le condizioni meteo hanno reso difficoltose le operazioni, tanto che la prima uscita notturna non è andata bene. Qualche ora dopo però l’elicottero ci ha riprovato insieme ai Vigili del fuoco e, tramite l’utilizzo del verricello, gli alpinisti potentini sono stati messi in salvo. Erano in condizioni precarie, in ipotermia per la notte passata sotto la neve, ma ce l’hanno fatta. Grazie alla professionalità di militari che non conoscono la paura. Il coraggio degli uomini del Csar si misura nelle parole del tenente colonnello Lorenzo Leone, capo dell’equipaggio che ha svolto l’operazione:

«Quando lasci vite umane in pericolo vai via con la morte nel cuore perché sai che tu sei per loro l’ultima speranza. Sei conscio di aver fatto il tuo dovere, ma non puoi spingerti oltre il limite, mettendo a repentaglio il tuo equipaggio. Siamo felici di avercela fatta - confessa - e di essere riusciti a coordinarci con le superiori autorità per far andare di nuovo noi sul posto perché sapevamo che sarebbe bastato avere un po’ di visibilità in più».

Con il tenente colonnello Leone c’era il secondo pilota, il capitano Luca Michele Sarcina, che racconta: «La sala operativa (dove c’era l’operatore Sor, il primo luogotenente Marcello Fontana, ndr) mi ha contattato in piena notte, alle 3,48. Dopo aver preso l’equipaggiamento di bordo (giubbetto di sopravvivenza, casco e visori Nvg, Night Visual Googles, cioè idonei alla perlustrazione notturna), siamo partiti. Nonostante le condizioni meteo, abbiamo raggiunto il punto. Subito mi sono reso conto della zona impervia e delle nuvole che nascondendo le pareti a strapiombo e le cime innevate rendevano tutto più complicato nel buio».

La testimonianza sembra un film: «In pochi minuti, grazie a una luce di segnalazione, abbiamo individuato i due alpinisti. Abbiamo provato varie volte ad avvicinarci ma con scarsi risultati per il vento e le nuvole. Credo però che anche solo il rumore dell’elicottero fosse un forte deterrente per gli alpinisti a lasciarsi andare alla ipotermia». Infatti l’elemento psicologico può essere determinante in queste situazioni.

«Il tempo passava e il carburante diminuiva - spiega -. Ci siamo dati un Bingo (una quantità di carburante per rientrare in sicurezza). Siamo atterrati in valle e abbiamo aspettato con gli occhi rivolti verso la vetta nella speranza che il forte vento da Nord portasse via le nuvole. Purtroppo il Bingo è arrivato prima che il tempo migliorasse e dopo un ultimo passaggio sul punto per non far sentire soli gli alpinisti siamo rientrati in base. La seconda volta, invece, nonostante le condizioni fossero sempre al limite, c’era lo spazio per operare in sicurezza». Grazie anche alla presenza dei Vigili del fuoco.

«Questo tipo di missioni ci ripaga completamente degli sforzi e dei sacrifici che vengono fatti dal nostro personale - dice il comandante dell’84° Centro Csar, maggiore pilota Flavio Perona - perché, nonostante il periodo di emergenza Covid, i nostri uomini continuano ad affrontare l’addestramento con il massimo impegno. Uno degli onori più grandi è la salvaguardia della vita umana, è il massimo ritorno che si può avere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie