Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 22:01

NEWS DALLA SEZIONE

LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 
L'ANALISI
I combattenti eroi abbandonati con un tweetnessuno salverà i curdi al massacro

I combattenti eroi abbandonati con un tweet
nessuno salverà i curdi al massacro

 
DIFESA
Droni atomici subacqueila Marina russa ne avrà 32

Droni atomici subacquei
la Marina russa ne avrà 32

 
DIFESA
Arriva il primo sindacato con le stelletteSi comincia con l'Arma dei Carabinieri

Arriva il primo sindacato con le stellette
Si comincia con l'Arma dei Carabinieri

 
Siria, è iniziato il ritiro degli UsaConferma dal portavoce della Coalizione

Siria, è iniziato il ritiro degli Usa
Conferma dal portavoce della Coalizione

 

ESERCITO

Dalla Puglia all'Iraq
con fermezza e umanità

Carbonetti: "Assicuriamo sicurezza e stabilità a Mosul e  supportiamo la popolazione locale con visite mediche".

Dalla Puglia all'Iraqcon fermezza e umanità

Il ten. col. Carbonetti

Il tenente colonnello Luca Carbonetti, 44 ann, è il comandante della task force con sede a Mosul (Iraq) appartenente al comando del Contingente militare italiano nell’ambito dell’operazione “Prima Parthica”. La task force “Praesidium” è su base 82° Reggimento fanteria “Torino” di stanza in Barletta: 500 i militari, tutti pugliesi impegnati in questo teatro operativo.

Colonnello, qual è l’attività quotidiana della task force “Praesidium”?

 “Ci occupiamo della protezione della diga in coordinamento con le forze di sicurezza locali e operiamo in un contesto interforze all’interno del contingente nazionale comandato dal generale Nicola Terzano. Oltre ad assicurare la difesa della struttura, garantiamo la sicurezza del personale militare e civile americano e delle maestranze italiane della ditta Trevi impegnate nei lavori di risanamento dell’infrastruttura”.

 Quali difficoltà si incontrano?

“Più che di difficoltà parlerei della particolarità dell’ambiente operativo in cui operiamo e mi riferisco alla situazione climatica, alla conformazione del territorio, alle possibili attività di forze ostili e alle relazioni che si devono instaurare con le autorità e con le comunità locali per guadagnarsi e mantenere la fiducia e il consenso, ingrediente indispensabile per il compimento della missione assegnata. Ma, posso affermare con convinzione che, grazie alla preparazione professionale e all’addestramento specifico cui ci siamo sottoposti prima di giungere in Iraq, siamo in grado di fronteggiare qualsiasi situazione”.


 Qual è il rapporto con la popolazione?

“Ottimo. Tutto questo è frutto del “saper fare” del soldato italiano e del “saper comprendere” la realtà locale rispettandone gli usi, i costumi e le tradizioni. I nostri soldati sono un binomio univoco, strumento di difesa ed al tempo stesso espressione di umanità”.

 Ci sono attività specifiche umanitarie sul territorio? In cosa consistono?

“Oltre ad assicurare la sicurezza e la stabilità dell’area d’operazione, i fanti del “Torino”  supportano in maniera tangibile ed efficace la popolazione locale con attività umanitarie. Ad esempio, con le attività mediche a domicilio effettuate settimanalmente dal personale medico italiano negli ospedali vicini della diga di Mosul, dove il know how italiano è fortemente apprezzato e stimato”.

La stabilità della regione è un traguardo possibile?

“Le forze di sicurezza irachene hanno potuto celebrare la vittoria militare sull’Isis anche grazie all’eccellente lavoro di addestramento che le Forze armate della Coalizione hanno fatto, in cui anche l’Italia ha avuto un ruolo determinante. L'Isis è stato sconfitto da un punto di vista statuale, ma non è scomparso, rimane un fenomeno occulto e complesso. Per questo la Coalizione continua a sostenere l’addestramento delle forze locali per garantire la stabilità raggiunta nella regione”.


 I programmi di addestramento dei Peshmerga continuano? Con quali risultati?


“La Coalizione continua a supportare l’addestramento delle forze di sicurezza irachene e di conseguenza anche di quelle della Regione autonoma del Kurdistan (Peshmerga). L’Italia gioca un ruolo di primo piano nello specifico settore assicurando la leadership del Kurdistan training coordination centre, struttura deputata all’addestramento delle forze di sicurezza curde. Al personale dell’Esercito si affianca un’unità dell’Arma dei Carabinieri che si occupa della formazione delle forze di polizia curde. L'Italia sinora ha addestrato oltre 40mila tra militari e poliziotti sia iracheni che curdi pari a circa il 30% del totale formato dall'intera Coalizione attiva in Iraq”.

Prosegue l'addestramento dei Peshmerga

 Dall'inizio della missione cosa è  cambiato, se è cambiato, il rapporto con le autorità irachene?

“Sicuramente, dall’inizio della missione, il rapporto con le autorità irachene è andato sempre più consolidandosi, basandosi in primis sulla fiducia reciproca e sulla collaborazione continua che ha dato vita ad una naturale sinergia tra i militari italiani e le forze di sicurezza”.


L'Italia è il secondo paese in termini di numeri impegnato in Iraq. Un ruolo che ci viene riconosciuto?

“Sì, l’Italia è il secondo Paese contributore dopo gli Stati Uniti in termini di personale che opera nell’ambito della Coalizione multinazionale composta da 79 membri con il recente ingresso delle Isole Fiji tra i 74 Paesi e le 5 Organizzazioni internazionali. Un ruolo di primo piano che ci viene riconosciuto in ogni occasione dai nostri alleati sia in termini quantitativi che qualitativi. A testimonianza dell’importanza dell’impegno italiano il nostro personale ricopre numerosi incarichi di rilievo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400