Lunedì 21 Gennaio 2019 | 08:52

NEWS DALLA SEZIONE

CARABINIERI
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
DIFESA
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
L'ACCORDO
Marina militare e Università di Bari insiemeSi rafforza la collaborazione con l'Ateneo

Marina militare e Università di Bari insieme
Si rafforza la collaborazione con l'Ateneo

 
IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 

UNUCI

Caporetto non fu una disfatta
Bari, la storia rivisitata

Dalla sconfitta al successo di Vittorio Veneto: il racconto del generale Torres

Caporetto non fu una disfattaBari, la storia rivisitata

“Caporetto non fu una disfatta, ma una sconfitta”. Il tono della voce di Michele Torres, un passato di brillante generale dell’Esercito, è un misto di passione, determinazione e perentorietà. E’ toccato a lui chiudere le manifestazioni per il centenario della Grande guerra, organizzate dalla sezione Unuci di Bari. L’argomento è di quelli che si prestano a diverse interpretazioni. Il termine Caporetto - oggi ribattezzato Kobardi, in Slovenia - è ormai entrato nel linguaggio comune e viene usato come metafora di un’idea negativa. Insomma, sembra che ci sia sempre una Caporetto che ci aspetta.
Invece, lo sfondamento delle linee italiane sull’Isonzo, da parte degli austro-tedeschi, per quanto possa sembrare paradossale, rappresentò la scintilla della reazione italiana. La lettura storica di Torres ha portato i ragazzi delle scuole del Polivalente fino al Piave e alla Battaglia del Solstizio, l’episodio che segnò la svolta del conflitto e costruì le premesse per il successo di Vittorio Veneto.


La ritirata di Caporetto, costellata da una serie di errori di valutazione da parte dei generali dell’Esercito, si trasformò in una difesa elastica e viene ancora oggi studiata sui libri di tattica militare. Gli italiani indietreggiarono per 150 chilometri, combattendo. Non è vero che mancò il nemico. Anzi. I protagonisti del Piave furono gli stessi protagonisti della sconfitta. Cambiarono solo un paio di cose dopo la confusa ritirata iniziale: dietro i nostri soldati c’era l’appoggio di un Paese coeso e unito, non diviso dai nazionalismi;  lo sforzo industriale bellico consentì ai fanti di avere mezzi migliori (fucili, cannoni, munizioni) di quelli del nemico; il ricambio di ufficiali giovani consentì la realizzazione di idee e concetti innovativi sotto il profilo strategico; la spensieratezza e le energie dei ragazzi del ’99 “impararono prima a morire che a vivere”, garantirono un salto di qualità decisivo.
Torres ha rivalutato alcune figure di generali. Su tutti quella di Armando Diaz che forse la storia italiana non ha sufficientemente apprezzato. E ha retrocesso di un gradino ufficiali superiori come Cadorna e Badoglio anche se il primo fu capace di portare l’Esercito dall’altra parte dell’Isonzo e il secondo si rivelò un buon organizzatore.


“Bisogna essere orgogliosi di essere italiani”, ha sostenuto con forza il relatore. “Bisogna smettere di piangersi addosso: sulla sconfitta di Caporetto sono stati pubblicati decine di libri, sulla vittoria della Battaglia del Solstizio solo quattro”.
Alla conferenza, organizzata col patrocinio del Comune e della Polizia municipale di Bari, hanno partecipato, tra gli altri, Francesco Lancianese (presidente Unuci e Lions club Murat), Giovanni Mazzone (già generale dell’Aeronautica militare), Paolo Caradonna (collezionista di uniformi della Prima guerra mondiale), Saverio D’Alonzo, Silvio Maselli e Filippo Melchiorre (in rappresentanza di Palazzo di Città), Michele Palumbo (dirigente generale Polizia municipale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabpetra

    24 Ottobre 2018 - 19:07

    Per chi fosse interessato, stiamo pubblicando on line, giorno per giorno, i diari di guerra di mio nonno, un bersagliere che ha partecipato alla ritirata di Caporetto. Questo è il racconto del 24 ottobre https://idiaridiguerra.com/2017/10/24/24-ottobre-1917-il-nemico-apre-un-fuoco-infernale/ Il sito si chiama "Il blog di un bersagliere" www.idiaridiguerra.com

    Rispondi

    • Gaetano Campione

      24 Ottobre 2018 - 19:07

      Ma era pugliese? Se sì, di dove?

      Rispondi

    • Gaetano Campione

      24 Ottobre 2018 - 19:07

      Ma era pugliese? Se sì, di dove?

      Rispondi