Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:45

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

ambiente e oro nero

«Nessun allarme sanitario
nella Val d'Agri del petrolio»

Esperti chiamati dall'Eni smontano le risultanze della «Vis»

«Nessun allarme sanitario  nella Val d'Agri del petrolio»

di Alessandro Boccia

VAL D'AGRI - Ci sono voluti tre mesi agli esperti chiamati dall’Eni per passare sotto la lente d’ingrandimento i dati contenuti nella Valutazione d’impatto ambientale, più comunemente conosciuta come Vis, condotta in Val D’Agri dallo staff del professor Fabrizio Bianchi. «In Val d’Agri non c’è alcun allarme sanitario»: è questa la conclusione alla quale il team di scienziati dell’Eni, composto dal professore di Sanità pubblica dell’Università la Sapienza, Gianfranco Tarsitani, dall’ex capo dipartimento Ambiente e salute dell’Istituto superiore di Sanità, Loredana Musmeci, dal direttore del dipartimento di Biomedicina e prevenzione nell’Università Tor Vergata di Roma Leonardo Palombi, e dal direttore dell’istituto di Epidemiologia nella «Mount Sinai school of medicine» di New York, Paolo Boffetta, è arrivato dopo aver passato in rassegna lo studio. Posizioni che sono state comunicate ieri mattina ai giornalisti nel corso di un incontro nella sede potentina della compagnia petrolifera e che sono risultate diametralmente opposte rispetto a quelle del professor Bianchi che parlava invece di «associazioni di rischio» tra l’attività petrolifera e la salute pubblica.

Tre le principali osservazioni sollevate dagli esperti sulla Vis: «Viene erroneamente definita valutazione d’impatto ambientale ciò che in realtà è uno studio, l’analisi non tiene conto dei dati e trend storici e, in ultimo, non stabilisce un rapporto di causa-effetto coerente con i dati acquisiti». Per ciò che attiene al primo punto, hanno spiegato ieri gli esperti, «lo studio del professor Bianchi sulle popolazioni di Viggiano e Grumento Nova, non prende in considerazione quelle fasi fondamentali relative allo screening, scoping, assessment, monitoraggio e reporting», inoltre «completamente assente è la fase di risk assessment, essenziale per valutare i rischi connessi alle singole sostanze o contaminanti e alla loro miscela». Gli esperti dell’Eni di contro, esaminando i dati Istat, hanno osservato un eccesso di mortalità cardiovascolare nella zona del centro oli di Viggiano che risale a prima dell’apertura dello stabilimento; successivamente una diminuzione della mortalità, fino al 2014 a Viggiano, Grumento Nova e in molti altri Comuni lucani, invariate sono rimaste le malattie respiratorie, mentre dal punto di vista dei tumori a Viggiano e a Grumento il dato non è risultato superiore a quello nazionale né prima, né dopo l’apertura dell’impianto. Infine, in relazione alla terza critica mossa alla Vis, gli esperti della compagnia petrolifera, hanno spiegato che «tra i campioni di popolazione non c’è una rilevante differenza in termini di esposizione a ossidi d’azoto e loro miscele, che lo studio inoltre non esamina le informazioni di contesto rispetto ai principali inquinanti ambientali e, inoltre, non considera i fattori di rischio più comuni per la mortalità cardiovascolare». Tuttavia da parte dell’Eni, è stata ribadita la «piena disponibilità alla cooperazione ed al confronto con la comunità scientifica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400