Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

GUARDIE MEDICHE

Le guardie mediche tornano
a utilizzare l'auto privata

Sospesa la protesta sulle visite domiciliari. Nuovo appello all'Asp

 Le guardie mediche tornano a utilizzare l'auto privata

di PIERO MIOLLA

I medici di continuità assistenziale hanno sospeso la loro protesta tornando disponibili all’utilizzo della propria auto. Nel contempo, però, hanno invitato l’Asp a fornire «un idoneo automezzo al fine di consentire di adempiere al rapporto convenzionale senza sopportare ingiusti oneri». Con una lettera indirizzata all’Azienda Sanitaria, infatti, le ex guardie mediche hanno annunciato che tornano a riprendere il mezzo proprio per il servizio, contestando, però, legittimità e fondatezza dell’invito loro giunto e chiedendo «il risarcimento per gli ingiusti oneri che sopporteranno per effetto della ingiusta ed infondata determinazione” aziendale, riservandosi di “azionare e quantificare con specifica azione giudiziale» l’entità del suddetto risarcimento.

La querelle con l’Asp, dunque, si arricchisce di una nuova puntata: dopo aver iniziato dal 15 novembre la protesta, concretizzatasi nell’indisponibilità all’utilizzo della propria auto in servizio, i medici di continuità assistenziale sono tornati sui propri passi in quanto, di fatto, costretti sia dalla risposta che l’Azienda aveva loro indirizzato, ma anche dalle necessità venute fuori nel corso del servizio notturno. Fare le visite domiciliari a piedi o in bicicletta, infatti, non sempre è possibile e, tenuto conto del monito dell’Asp e del rifiuto di quest’ultima a mettere a disposizione un’auto aziendale, oltre che della circostanza (non secondaria) che dall’altro lato ci sono i cittadini che abbisognano dell’attività dei medici, questi ultimi, con grande senso di responsabilità hanno optato per la soluzione riferita.

Senza, però, abbassare la guardia. Nella missiva indirizzata all’Asp, infatti, hanno contestato il tenore di quella aziendale, sottolineando di «non aver mai sottoscritto alcuna accettazione di utilizzo del mezzo proprio, ma solo preso atto della organizzazione aziendale» e ricordando che «sono mutate le condizioni esistenti al momento dell’inizio dell’attività convenzionale», in quanto ogni singolo medico «dal 2008 ad aprile 2017, in base all’articolo 35 dell’accordo integrativo regionale, percepiva l’indennità di 0,50 euro per ora per usura macchina, sospesa dall’Asp senza cenno di comunicazione con decorrenza da maggio.

L’Azienda da aprile non corrisponde più quanto contrattualmente dovuto per l’utilizzo del proprio mezzo» e, tenuto conto che i medici hanno «utilizzato la propria auto sul presupposto essenziale della percezione di detta indennità, venendo meno per determinazione unilaterale dell’Azienda l’erogazione della stessa», c’è il loro diritto «a determinarsi di non utilizzarla più. Strumentale e parziale è il richiamo all’articolo 72 dell’Acn: detta norma non prevede alcun obbligo di utilizzo del mezzo proprio». Infine, l’accordo integrativo regionale è «tutt’ora valido ed efficace, mai disdettato dai soggetti firmatari ma solo in parte unilateralmente, illecitamente disapplicato dalla Asp per effetto di altrettanto illecite determinazioni regionali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400