Sabato 17 Aprile 2021 | 08:12

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Economia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
L'intervento
Lauria, ladri di computer in azione in centro commerciale: due in manette

Lauria, ladri di computer in azione in centro commerciale: due in manette

 
Il caso
Dalla Basilicata al Belgio, non sale sull'aereo per «tampone indefinito»

Dalla Basilicata al Belgio, non sale sull'aereo per «tampone indefinito»

 
la preoccupazione
Melfi, confronto Stellantis: «Ridurre sprechi ma non occupazione»

Melfi, confronto Stellantis: «Ridurre sprechi ma non occupazione»

 
L'annuncio
Basilicata, danni maltempo. «Faremo il possibile per gli agricoltori. Sollecitato il ministro»

Basilicata, danni maltempo. «Faremo il possibile per agricoltori. Sollecitato il ministro»

 
Val d'Agri
tempa rossa

Petrolio, verso un nuovo accordo tra Basilicata ed Eni

 
Mezzogiorno
Moles-D'Attis, «proseguire al Sud percorso virtuoso»

Moles-D'Attis, «proseguire al Sud percorso virtuoso»

 
Il virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
Lotta al virus
Covid, il braccio destro di Figliuolo Battistini incontra Bardi: «Esportiamo modello Basilicata»

Covid, il gen. Battistini, braccio destro di Figliuolo, incontra Bardi: «Esportiamo modello Basilicata»

 
Lotta al virus
Basilicata, vaccini AstraZeneca senza prenotazione a centinaia di over 70

Basilicata, vaccini AstraZeneca senza prenotazione a centinaia di over 70

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
PotenzaL'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Foggiala denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
BasilicataEconomia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

Marsicovetere

Covid, strage in Casa per anziani: arrestati titolari struttura nel Potentino. «Fecero morire 22 anziani come in altoforno» VD

Le indagini della Procura di Potenza a una svolta

Coronavirus, focolaio in rsa Marsicovetere: famiglie sporgono denuncia

foto Tony Vece

POTENZA - Con le accuse di epidemia colposa e omicidio colposo in danno di 22 anziani e circonvenzione di incapaci, i Carabinieri del Nas di Potenza e della Compagnia di Viggiano (Potenza) hanno arrestato i due soci titolari di una casa alloggio per anziani di Marsicovetere (Potenza). I particolari dell’operazione «Casa Covid», coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà alle ore 12 nel Tribunale del capoluogo lucano.

La casa alloggio per anziani di Marsicovetere (Potenza), al centro dell’operazione dei Nas «Casa Covid», fu posta sotto sequestro dai Carabinieri del Comando provinciale di Potenza lo scorso 2 ottobre. Nel pieno della seconda ondata, il provvedimento preventivo fu disposto dalla Procura del capoluogo lucano dopo che in due giorni furono registrati quattro decessi per Covid di persone che erano ospiti della struttura. In quel momento, in totale i positivi erano una trentina, alcuni dei quali furono poi trasferiti in altre strutture.
Per i due soci titolari, stamani i Carabinieri del Nas e della Compagnia di Viggiano (Potenza) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

LE PAROLE DEL PM - «Nessuna procedura anti contagio» è stata rispettata nella casa di riposo «Ramagnano» di Marsicovetere (Potenza) per ragioni di «risparmio e di profitto" - anche i dipendenti dovevano procurarsi da solo i dispositivi di protezione individuale, e ciò ha determinato il diffondersi dell’epidemia di covid e la morte di 22 anziani. Sulla base di queste accuse sono stati arrestati oggi Nicola Ramagnano, di 50 anni, di Marsicovetere e la sua socia Romina Varallo (45), di Polla (Salerno). Secondo gli investigatori dei Nas, "in presenza di epidemia accertata» all’interno della casa di riposo di Marsicovetere, i titolari non hanno sottoposto al tampone un’ospite, poi trasferita «abusivamente» in un’altra struttura, la «San Giuseppe» di Brienza (Potenza) dove si è diffuso un altro focolaio che ha portato alla morte di cinque persone.
Inoltre, Ramagnano è anche accusato di circonvenzione di incapaci perché, in un caso, avrebbe approfittato dello stato di infermità di un anziano ospite, «inducendolo» a firmare «atti dispositivi del proprio patrimonio in suo favore».

La casa di riposo di Marsicovetere - dove si sarebbe colpevolmente sviluppato un focolaio di covid che ha portato alla morte di 22 ospiti - era «assolutamente inadeguata» e sovraffollata. Secondo la Procura della Repubblica di Potenza, nella struttura, autorizzata ad ospitare 22 anziani, ve ne erano 49, che occupavano tutti i locali. Alcuni non autosufficienti erano stati «depositati» persino nella camera mortuaria. Gli investigatori dei Nas hanno accertato anche la "sistematica falsificazione» dei registri di entrata e usciti degli anziani.

Nella casa di riposo «Ramagnano» di Marsicovetere (Potenza), «nonostante la pandemia in corso" non c'era alcun controllo: nella struttura entrava «chiunque, anche parenti con tosse o febbre». Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio, in una conferenza stampa nel Palazzo di Giustizia del capoluogo lucano, evidenziando che «il comportamento dei due gestori - Nicola Ramagnano e Romina Varallo, arrestati oggi dai Carabinieri dei Nas - ha fatto scoppiare «non un focolaio, ma un altoforno», con la morte per covid di 22 persone.
Durante l’incontro con i giornalisti, il Comandante del gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Napoli, tenente colonnello Vincenzo Maresca, ha sottolineato che si tratta «del primo caso dove è stato accertato il nesso di casualità tra le condotte negligenti degli indagati e la morte per covid di 22 persone».
Gli investigatori hanno reso noto che ulteriori indagini sono in corso e che tra gli indagati vi è una suora di 81 anni, che gestisce la casa di riposo di Brienza, dove, senza aver effettuato il tampone, è entrata un’anziana «trasferita clandestinamente - ha rimarcato Curcio - dalla struttura di Marsicovetere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie