Lunedì 19 Aprile 2021 | 05:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

 
controlli dei CC
Provincia Potenza al setaccio: 13 denunciati e sequestrati sei coltelli

Provincia Potenza al setaccio: 13 denunciati e sequestrati sei coltelli

 
dati regionali
Covid in Basilicata, cresce curva contagi (+219) e tasso positività (12,8%): un altro decesso

Covid in Basilicata, cresce curva contagi (+219) e tasso positività (12,8%): un altro decesso

 
L'annuncio
Vaccini anti Covid, fase 2 «modello Basilicata»: medici base somministreranno dosi AstraZeneca

Vaccini anti Covid, fase 2 «modello Basilicata»: medici base somministreranno dosi AstraZeneca

 
L'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Economia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
L'intervento
Lauria, ladri di computer in azione in centro commerciale: due in manette

Lauria, ladri di computer in azione in centro commerciale: due in manette

 
Il caso
Dalla Basilicata al Belgio, non sale sull'aereo per «tampone indefinito»

Dalla Basilicata al Belgio, non sale sull'aereo per «tampone indefinito»

 
la preoccupazione
Melfi, confronto Stellantis: «Ridurre sprechi ma non occupazione»

Melfi, confronto Stellantis: «Ridurre sprechi ma non occupazione»

 
L'annuncio
Basilicata, danni maltempo. «Faremo il possibile per gli agricoltori. Sollecitato il ministro»

Basilicata, danni maltempo. «Faremo il possibile per agricoltori. Sollecitato il ministro»

 
Val d'Agri
tempa rossa

Petrolio, verso un nuovo accordo tra Basilicata ed Eni

 

Il Biancorosso

Serie c
Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMaltempo
Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

 
TarantoIl caso
Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Portale dello Ionio: tutti con AstraZeneca

Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Porta dello Ionio: tutti con AstraZeneca

 
LecceIl caso
Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

 
BatIl caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
MateraIl virus
Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

 
PotenzaIl caso
Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

 
FoggiaIl caso
Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Pressioni su ex dirigente del Comune: indagato il sindaco di Brindisi

 

i più letti

Coronavirus

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

Il reportage su pandemia e voglia di normalità

vaccino

Più che un’emergenza covid è un’emergenza continua. Dove anche solo uscire con gli amici è un lusso che non puoi permetterti con facilità. E poco c’entra quel virus che sta costringendo il mondo a rivedere abitudini e tradizioni. Per chi soffre di una malattia rara prudenza, attenzione, contatti limitati sono la quotidianità. Sono una costante fatta di rinunce, spirito di sacrificio e coraggio. Tanto coraggio. Una sfida vissuta ogni giorno. Da soli o con il sostegno di familiari e amici. Comunque, sempre in prima linea. Giulia Motola, responsabile del Coordinamento malattie rare in Basilicata, è un medico che, da anni, sta provando a dare risposte a questi pazienti ed ai loro familiari. Un lavoro giornaliero, svolto con la consapevolezza di chi conosce, da vicino, le difficoltà dei malati «fragili», e con la tenacia, di chi prova a dare soluzioni. Anche in tempi di pandemia. «Siamo quotidianamente a contatto con i malati rari e cerchiamo di risolvere i problemi di assistenza protesica e farmaceutica - racconta la dottoressa Motola - non li abbiamo lasciati un attimo. Ci siamo fatti aiutare dalle cure domiciliari quando e dove c’è stata la necessità, per non farli andare in ospedale. Al tavolo interregionale sulle malattie rare, poi, abbiamo discusso dei problemi da affrontare in tempi di covid: il risultato è stato un documento in cui diciamo al Ministro che abbiamo i malati rari che necessitano subito dei vaccini. Il Ministro si è dichiarato disponibile.

Dobbiamo vaccinare questi pazienti, perché dobbiamo renderli liberi. Ci sono pazienti rari, ad esempio, con problemi respiratori che portano con difficoltà la mascherina».
Vaccinazione: una parola che lega le storie dei 3800 pazienti rari che vivono in Basilicata. Un vocabolo che racchiude la speranza ma anche l’ansia di fare presto, perché ci sono giovani e bambini, le cui condizioni rendono se non impossibile quanto meno difficoltoso effettuare test diagnostici, utilizzare dispositivi di protezione, mantenere il distanziamento sociale.
Gerardo Laurenzana è il delegato territoriale dell’ associazione «Parent project aps» che si occupa di distrofie muscolari, ma soprattutto è il padre di Antonio, 18 anni, studente del Liceo delle Scienze Umane di Potenza, affetto da una sindrome rara. Ed è per lui, per consentire a suo figlio di riprendere la quotidianità, che chiede di accelerare sulle vaccinazioni.
«Siamo stati attenti a non portare il virus a casa - spiega - Siamo stati attenti, anche perché non ci siamo potuti assentare dal lavoro. Antonio ha reagito bene, ha affrontato le difficoltà ed avendo problemi motori sentiva gli amici al telefono. L’assistenza non si è mai fermata, tranne il primo mese. Antonio ha continuato a fare tutto. Il problema, però, è che serve il vaccino: bisogna farlo ai ragazzi ed a chi li assiste. È una cosa fondamentale, Devono essere vaccinati perché hanno voglia di riprendere la loro vita e la loro quotidianità»

Si la quotidianità. Quella stravolta dal covid, quella che spinge anche questi ragazzi e bambini non solo a dover avere mille precauzioni per sé ma anche per i propri cari. È quello che spinge Sara, 11 anni, anch’ella affetta da una malattia rara, a controllare che il nonno, Carmine Rosa, stia sempre attento ed esca il meno possibile. «Indubbiamente il covid ha complicato le cose. Le visite si sono diradate e quando la mia nipotina, che è straordinaria, ha capito che ero io, ultra80enne, a correre i pericoli più importanti ha smesso di telefonarmi ed ha iniziato a farmi le video chiamate per vedere se ero a casa» ricorda nonno Carmine. «Ora vuole uscire sempre e costringe la mamma a fare lunghe passeggiate - sottolinea - e rispetto al virus ha un atteggiamento tranquillo perché sostiene di conoscere i segreti per non avere il covid. Intanto, aspetta che io mi vaccini, come previsto domenica»

Soffrire di una malattia rara, spesso, significa anche dover «macinare» chilometri per curarsi, dover stare fuori casa per visite e controlli. Un problema nel problema, in particolare in tempi di pandemia. Ne sa qualcosa Carmelo Giannetto componente del direttivo dell’Associazione Italiana «Famiglie Von Hippen Lindau» di Lauria, lui stesso affetto da questa rara sindrome. «Ho dovuto rinviare qualche controllo - dice - però, la cosa che mi è pesa di più è che la prevalenza delle mie visite viene effettuata fuori regione e questo ha aumentato la paura di contrarre il virus. Fortunatamente, non ho avuto troppi ritardi perché i miei esami erano programmati in un periodo in cui si coprivano le esigenze dei pazienti, ma il problema è che, in questo tempo di covid, ci servirebbe un quadro chiaro delle vaccinazioni. E poi servirebbe avere la certezza che i follow up periodici non vengano rinviati a causa della pandemia. Bisogna lavorare su questo e bisogna che i reparti più importanti che ci seguono continuino ad essere operativi per garantirci l’assistenza»

Sicurezze in un tempo di insicurezza: i malati rari chiedono questo. Certezze sui controlli, sulle vaccinazioni, sull’assistenza.
Roberta Benedetto, materana, è una paziente rara ed è la vice presidente della sezione lucana di Aisa, l’associazione italiana per la lotta alle sindromi atassiche. «In realtà, vivendo questa situazione di insicurezza sempre, l’ansia l’abbiamo avuta soprattutto all’inizio quando non si conosceva bene il virus - evidenzia -, Non abbiamo vissuto, invece, il peso della chiusura forzata. Siamo abituati ad essere soli, anche se abbiamo una cerchia di amicizie. Siamo abituati ad avere limitazioni: se i nostri amici vanno a ballare noi non possiamo. C’è sempre una mancanza da affrontare. Il problema maggiore è il vaccino - continua - stiamo vivendo giorni di insicurezza perché non capiamo quando, con patologie rare, riusciremo a vaccinarci. C’è, poi, il tema dei controlli: li facciamo ma dobbiamo spostarci. Ad esempio, io vengo a Potenza e per me è molto difficoltoso»
Difficoltà: parola che torna e ritorna nelle ricostruzioni di questi pazienti e di chi è loro vicino. Difficoltà vissute prima ed acuite da lockdown ed epidemia. Tonia Orlando, mamma di Ilaria, una ragazza di 20 anni affetta da una sindrome rara, e presidente dell’associazione «Viviamo Insieme - Famiglie e Amici ragazzi speciali» ricorda così i giorni del lockdown.

«È’ stata dura perché è stato difficile capire come aiutare i nostri ragazzi chiusi a casa. Senza scuola e senza poter fare attività come associazione - evidenzia - i genitori che lavoravano non avevano, poi, la possibilità di lasciare i figli a casa, da soli, e non avevano il sostegno . Molti genitori hanno rinunciato al lavoro. Ora siamo di nuovo chiusi in casa, non tutti riescono a seguire la dad e non possono avere l’aiuto di un educatore. Il sostegno di un educatore è importante, lo chiediamo - conclude - e vorremmo anche che i nostri figli ed i loro familiari fossero vaccinati il più presto possibile per poter tornare a uscire». Per tornare a rivivere una quotidianità fatta di coraggio ma anche di rinunce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie