Domenica 28 Febbraio 2021 | 08:01

NEWS DALLA SEZIONE

Coronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
I dati
Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

 
Il virus
Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

 
Il bollettino
Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

 
L'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
Serie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Il caso
Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

 
la richiesta
Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

 
dati regionali
Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

monitoraggio

Potenza, fiammate nel Centro olio Tempa Rossa: Total rischia multe pesanti

L’ Arpab interviene su richiesta del sindaco di Corleto Perticara: sforata di 15 volte la soglia massima degli inquinanti

Tempa rossa

POTENZA - Da oltre un mese è a regime, è stata superata la fase di prova, eppure dalla Total continuano a parlare di messa a punto dell'impianto giustificando così i problemi che sono emersi in questi giorni. Al centro dell'attenzione il Centro olio di Tempa Rossa (il secondo, dopo quello dell'Eni in Val d'Agri, nel territorio lucano, sempre più strategico sul fronte petrolifero) che ha registrato improvvise fiammate con un'inevitabile scia di inquinanti. Se ne contano tre, al momento, nel giro di pochi giorni.

Secondo un dossier che l'Arpab (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente), diretta da Antonio Tisci, ha inoltrato alla Regione Basilicata, sarebbero stati superati di quindici volte i limiti di legge, sia per quanto riguarda il rumore che per quanto riguarda la qualità dell’aria. In alcuni casi i rilevamenti sono risultati «over range», vale a dire oltre il limite massimo previsto dagli strumenti di misurazione. Dalla Total assicurano che la stazione di monitoraggio non ha registrato alcuna anomalia: sono dichiarazioni che cozzano contro i rilievi dell’Arpab cominciati in seguito a una fiammata di venerdì della scorsa settimana, fenomeno che si sarebbe ripetuto anche lunedì 18. Tisci conferma: «Ho continuato a ricevere altre segnalazioni su ulteriori superamenti dei limiti previsti e violazioni delle prescrizioni indicate da un decreto della giunta regionale. Continuerò a informare la Regione che dovrà prendere una decisione».

Dal palazzo di via Verrastro, al momento, escludono la «mano pesante», ovvero un fermo cautelativo dell'impianto: l’assessore all’ambiente, Gianni Rosa, ribadisce che inconvenienti del genere non devono assolutamente avvenire. Per questo chiederà ulteriori chiarimenti alla compagnia francese, annunciando che in presenza di altre analoghe situazioni scatteranno forti sanzioni.

Analizzando nel dettaglio gli episodi di inquinamento, Tisci ritiene che la situazione necessiti di una vigilanza costante e continua. Appena insediatosi alla guida dell'agenzia, il direttore si è confrontato con i sindaci dell'area che gravita attorno all'impianto offrendo la massima disponibilità, attenzione e ascolto sulle problematiche relative alla convivenza con il Centro olio. Impegni confermati dai fatti, dal momento che proprio il primo intervento dell'Arpab è scaturito da un messaggio su wathsapp del sindaco di Corleto Perticara (Potenza), Mario Montano, allarmato dalla fiammata anomala di venerdì scorso. In particolare, secondo il direttore dell'Arpab, l’«over range» che preoccupa molto è quello dell’anidride solforosa, rilevato nel termodistruttore E2. «La società petrolifera – spiega Tisci – parla ancora di semplici inconvenienti dovuti alla fase di avviamento», motivazione che convince poco non solo l'Arpab ma anche la stessa Regione.

Da oltre un mese, come dicevamo, il Centro olio ha terminato le prove di produzione. Quello che preoccupa è anche la comunicazione - definita da Tisci «lacunosa» - della compagnia rispetto alle prescrizioni incluse nella delibera di giunta regionale del 2011. In particolare, l’Arpab fa rilevare che la Total non spiega esattamente quali sono le motivazioni del guasto tecnico e conseguentemente non indica il modo in cui intervenire per far fronte al guasto stesso: «Continuano a parlare di prove. Ma le prove – tuona Tisci – andavano fatte prima, durante l'esercizio provvisorio. Non spiegano il perché di quelle fiammate. Solo in un caso ci hanno detto che era dovuto alle vibrazioni eccessive causate dal guasto di un termoventilatore, per il resto solo generiche giustificazioni. Le centraline che registrano emissioni in atmosfera certificano sforamenti impressionanti anche sul fronte acustico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie