Lunedì 25 Gennaio 2021 | 15:31

NEWS DALLA SEZIONE

Nel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
Nel Potentino
Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

 
Nel Potentino
Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiacontrolli antidroga
Foggia, tenta di disfarsi dello stupefacente alla vista dei carabinieri: arrestato pusher 18enne

Foggia, tenta di disfarsi dello stupefacente alla vista dei carabinieri: arrestato pusher 18enne

 
TarantoIl caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
Barinel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
LecceL'iniziativa
«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

 
PotenzaNel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Nel Potentino

Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

La storia del 29enne lucano Nicola Amendolara. Ieri si è celebrata la giornata internazionale della disabilità

Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

Nicola Amendolara è un ragazzo di Senise di 29 anni. Anzi, gli anni li ha compiuti proprio ieri, 3 dicembre, che era anche la Giornata Internazionale dedicata alle disabilità. Ha tante passioni, ma fin da giovanissimo si è dato da fare nel mondo del lavoro, nel ristorante di famiglia. Una passione, la sua, che lo porta a frequentare a Potenza l’Istituto Alberghiero.
Nel 2009 Nicola aveva 17 anni. E la storia che ci racconta comincia proprio in quell’anno. «Il 5 febbraio del 2009 mi trovavo a Potenza, in convitto. Cominciai ad avere una brutta febbre, che non riusciva a scendere. Tutte le medicine che assumevo non servivano perché rigettavo tutto. Assieme alla febbre mi arrivò un mal di testa fortissimo, talmente forte che avrei voluto sbattere la testa contro il muro. Tornai a casa accompagnato da mio zio. Tutti i dottori che mi visitavano pensavano si trattasse di una brutta influenza, che pure stava girando in quel periodo. Fino al 9 febbraio, quando arrivò, oltre alla febbre, anche un blocco delle vie urinarie. Ed è lì che cominciò un vero e proprio calvario».

Nicola comincia a girare gli ospedali: Chiaromonte, Policoro e poi a Matera. «Hanno capito che la vicenda stava per prendere una brutta piega- dice- e mi hanno mandato nel reparto infettivi. Il 21 febbraio, però, mi ha colpito un altro virus ancora più forte. Un virus rarissimo, da Epstein Barr, al mondo ci sono solo tre casi al mondo. E’ stata la botta più potente: mi ha paralizzato le gambe e le braccia, mi ha toccato nell’area del linguaggio, la vista, la respirazione e mi hanno messo un sondino per alimentarmi».

«Avevo i valori azzerati, la febbre era a 41,6. Per far scendere la febbre provarono anche a buttarmi addosso i cubetti di ghiaccio, ma non succedeva nulla. Mio padre non sapeva che fare. Chiamò i miei cugini, Vincenzo, Marilena e Sara e quest’ultima andò in camera mia, nella nostra casa a prendere una maglia a maniche corte. Calcola che dieci giorni prima che tutto accadesse avevo pulito in camera mia e avevo rimosso un po’ di cose che c’erano. Ma avevo lasciato, in bella vista, la mia foto della Prima Comunione con un quadro di Padre Pio che mi era stato regalato. Mia cugina, nel prendere la maglia, guardò quella foto e quel quadro. E da lì penso che non tutto accade per caso. Andarono subito a San Giovanni Rotondo con quella maglia, l’hanno fatta benedire e me l’hanno portata in ospedale, sul petto. La storia è questa: la febbre è scesa dopo pochi minuti e i valori piano piano sono risaliti». Nicola ha tanto da raccontare: perché la rinascita è lunga e difficile, ma lui ce la fa, grazie a mamma, papà (che cambia anche lavoro dopo i trasferimenti prima a Imola e poi a Lecco per la riabilitazione), la sorella Maria Lucia, tanti amici e familiari.

«Oltre alle gambe- dice- mi si erano paralizzate anche le braccia. Ma questo, proprio, non ho voluto accettarlo. Quando facevo la terapia mettevo dei pesetti in sacchetti e, piano piano, giorno dopo giorno, spostandoli e muovendoli, sono riuscito a riacquistare sensibilità alle braccia». «Tutti i giorni, a proposito di Covid, sento lamentele per cose per le quali vorrei farmi una bella risata e non lo faccio perché sono una persona educata. Cosa dovrei dire io che vivo una vita su due ruote? Anzi, quattro….! Le cose importanti e serie sono altre. Questo vorrei dire».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie