Martedì 02 Giugno 2020 | 12:37

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 
controlli della Polizia locale
Potenza, sequestrati 31 vasi di incerta provenienza: denunciato ambulante abusivo

Potenza, sequestrati 31 vasi di incerta provenienza: denunciato ambulante abusivo

 
il bollettino
Basilicata ancora Covid-free: quinto giorno consecutivo senza contagi su 76 test

Basilicata ancora Covid-free: quinto giorno consecutivo senza contagi su 76 test

 
Violenza
Potenza, la vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

Potenza, vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

 
VIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
L'onorificenza
L'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

Basilicata, l'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

 
fase 2
2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

 
Crisi
Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

 
Temporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
In Basilicata
Rionero, vinti oltre 33 milioni con l' Eurojackpot

La fortuna bacia Rionero, vinti oltre 33 milioni con l'Eurojackpot

 
La decisione
 Crob Rionero

Rionero, da domani stop alla sigarette all'Ospedale oncologico regionale

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoatti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
BariI controlli
Bari, positivo al Covid va a lavoro in ristorante: denunciato 21enne

Bari, positivo al Covid va a lavoro in ristorante: denunciato 21enne

 
FoggiaAgricoltura
Foggia, pomodoro volano i prezzi per siccità ed effetto-Covid

Foggia, volano i prezzi del pomodoro per siccità ed effetto-Covid

 
BatIl caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
Brindisil'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
PotenzaDal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 
LecceL'iniziativa
Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

 
Materanel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 

i più letti

La storia

Potenza, 17enne scrive a Mattarella: «Mio papà, carabiniere, colpito dal Covid». La risposta del Presidente: «Spero di incontrarvi»

Il racconto firmato dalla mamma della ragazzina in cui si parla dell'impegno dei carabinieri e dell'attaccamento al senso del dovere. Oggi è arrivata la risposta scritta a mano dal Presidente della Repubblica

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica italiana

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica italiana

Questa lettera racconta una storia. Di dolore, di speranza, di orgoglio e di attaccamento alle Istituzioni. La storia di una figlia di 17 anni e del padre contagiato dal Covid durante il lavoro. Una storia come altre, in questi tempi di pandemia, ma nello stesso tempo diversa perché lei e il padre vivono a 600 chilometri di distanza: lei studentessa del Liceo scientifico «Pasolini» di Potenza, lui ufficiale dei carabinieri a Bologna. Lontani ma vicini, distanti ma uniti. Perché quando sei figlia di un carabiniere sai sin da piccola che il lavoro potrà tenerti lontana.

Ma sai anche che questo ti renderà orgogliosa e fiera di appartenere alla grande famiglia dell’Arma. Per questo non ti pesano chilometri e confini, non ti pesano distanze e solitudini. A consolarti l’idea che tuo padre faccia qualcosa di speciale, di unico, di importante. Qualcosa che serve ad aiutare il tuo Paese, soprattutto quando quella Nazione, a te tanto cara, si trova a vivere l’inferno di un’emergenza. Così, invece, di progettare il prossimo viaggio e la successiva vacanza ti trovi a scrivere: «Papà stai attento!», «Papà hai la mascherina?» «Papà sei riuscito a recuperare l’Amuchina?».

Raccomandazioni vane perché tuo padre - anche se le mascherine tardano ad arrivare, anche se vive in una delle regioni più contagiate - non può e non vuole fermarsi. Lui è un uomo dello Stato, è un uomo delle Istituzioni e tu proprio al Capo dello Stato, ti rivolgi per testimoniare l'impegno di tanti come lui. Tuo padre è un tenente colonnello dei carabinieri ed il suo lavoro lo considera una missione. A fermarlo, però, ci pensa il Covid. Prima tre giorni di febbre a casa, poi il ricovero in ospedale. Solo, senza la possibilità di parlarci, senza la possibilità di essergli vicino. Separati. bloccati e lontanissimi. E con una malattia che va all’attacco finale. Le prime notizie rassicuranti lasciano il posto a bollettini allarmanti: «È in peggioramento», ripetono i medici, mentre i pochi contatti con lui, avuti con whatsapp, diventano sempre più radi. Fino a quel giorno di marzo in cui, con un filo impercettibile di voce, riesce a fare una brevissima video-chiamata. «Mi stanno portando in rianimazione. Vogliono intubarmi. Volevo salutarvi». Ma quello non è un giorno come gli altri, quello è il giorno in cui Lei compie 17 anni. Un compleanno che padre e figlia sognavano di trascorrere insieme, come ogni anno, e che, invece, rischia di diventare il peggiore degli incubi, perché le lacrime che scorrono sul volto della madre non riescono a nascondere una verità inconfessabile: quello può essere l’ultimo ricordo del padre.

A 17 anni, però, sognare e sperare sono il senso della vita. E a quelli ti aggrappi, convinta che tuo padre manterrà la promessa di non lasciarti. Nel frattempo, scorre il tempo e ti auguri che i giorni passino senza che il telefono squilli, senza che i medici - oltre il resoconto quotidiano - ti chiamino per dirti che il virus - come usa fare - ha aggravato repentinamente le condizioni. E tu speri e preghi, consapevole che dall’altra parte quel padre sta lottando per te. Come è avvenuto. Dopo giorni di silenzio, ritornano i messaggi sul cellulare. Il «casco per la respirazione» ha funzionato, non è stato necessario intubare, quel padre è in miglioramento. Una grazia per chi crede, una fortuna per chi non crede. Per Lei un segno dell’amore di Dio, anche se ci vorranno giorni e giorni per dichiararlo fuori pericolo e per rimandarlo a casa, dove resta in isolamento per settimane in un’altalena di sintomi lievi e di tamponi positivi e negativi. Solo due giorni fa è stato dichiarato ufficialmente guarito. Dopo due mesi dal contagio.

Ci vorrà ancora tempo, invece, perché padre e figlia possano riabbracciarsi. Tra regole, timori per il virus e la voglia del padre di tornare a fare il suo dovere di ufficiale dell’Arma, dovranno attendere «Ma va bene così», scrive la figlia in una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Presidente, le ho scritto, per farle sapere che - nonostante le difficoltà, la crisi e la paura - ci sono tanti italiani che non si sono fermati per fare il loro dovere. Mio padre è solo uno dei tantissimi che ogni giorno hanno lavorato per noi. Medici, infermieri, carabinieri, poliziotti e volontari. Uomini che nel silenzio e nell'anonimato hanno fatto e fanno il loro dovere. Per aiutare l'Italia intera». Un messaggio inviato come testimonianza dell'impegno di tanti carabinieri a cui il presidente della Repubblica ha risposto con una lettera personale scritta di suo pugno. «Spero di poterti incontrare un giorno con tuo padre», ha concluso il Capo dello Stato. E per la prima volta, dopo mesi senza piangere e senza mostrare un cedimento, le lacrime sono scese sul volto di questa mia figlia di 17 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie