Lunedì 27 Settembre 2021 | 23:54

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'evento

Potenza, Speranza all'inaugurazione dell'a.a. Unibas: «Stop tagli sanità»

Le dichiarazioni a margine della cerimonia del ministro della Salute

Roberto Speranza

POTENZA - «In questa manovra di bilancio il comparto Salute ha fatto un importantissimo passo in avanti. Si chiude definitivamente la stagione dei tagli alla Sanità e si ricomincia a investire su un comparto che è fondamentale per il futuro del Paese». Lo ha detto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, stamani, a Potenza, a margine dell’inaugurazione dell’Anno accademico dell’Università degli Studi della Basilicata.

Speranza ha ricordato che nella Manovra sono previsti «due miliardi in più sul Fondo sanitario, due miliardi in più sull'edilizia e l’ammodernamento tecnologico e l’abolizione del superticket».
«Ieri finalmente - ha aggiunto il Ministro - abbiamo sciolto i nodi fondamentali legati al Patto per la Salute che la prossima settimana andrà in Commissione Salute e in Conferenza Stato-Regioni. Dentro quel Patto - ha proseguito Speranza - c'è finalmente la possibilità di nuove assunzioni. C'è una cifra nuova molto significativa di assunzioni che potranno essere fatte dalle Regioni. Penso - ha concluso - che sia un passo in avanti molto importante».

«L'Università degli Studi della Basilicata deve crescere nell’interesse di questa regione. E lo dico con particolare forza: io sono stato studente di questa Università e oggi torno da Ministro». Così il Ministro della Salute, il potentino Roberto Speranza, che stamani, nel capoluogo lucano, sta partecipando all’inaugurazione dell’Anno accademico dell’Unibas.
«Credo che - ha aggiunto - ci debba essere un impegno di tutte le Istituzioni per puntare sulla crescita dell’Università degli Studi della Basilicata: ci sono tutte le condizioni. E’ un Ateneo che cresce, di qualità. Può dare - ha concluso Speranza - risposte a problemi di questa terra».

«Dobbiamo continuare a investire su questo progetto politico, sul rapporto tra centrosinistra e Cinque stelle. Possiamo farlo se si mettono al centro le questioni concrete che riguardano la vita degli italiani, la difesa della salute, della scuola, del lavoro e dell’ambiente. Con questo orizzonte credo il Governo possa andare avanti e dare risposte ai problemi del Paese». Così ha poi risposto Speranza a una domanda sulla situazione politica all’interno del M5S.

«Sul meccanismo europeo di stabilità è giusto fare la discussione più approfondita possibile coinvolgendo pienamente il Parlamento. Su una materia così delicata bisognerebbe evitare scontri strumentali e dovremmo invece, come Paese, difendere tutti assieme i nostri interessi. Per questo ha senso l’ipotesi di un rinvio volto a favorire una valutazione di pacchetto in cui oltre al Mes si affronti anche la delicata questione dell’Unione Bancaria».

Sul Mes «Salvini - ha aggiunto Speranza - fa molta propaganda. Io penso, invece, che su una materia così delicata ci sia bisogno di unità del Paese. Bisogna valorizzare il ruolo del Parlamento e credo ci sia bisogno di discutere fino in fondo di questa materia, difendendo gli interessi dell’Italia. E per difenderli c'è bisogno di unire il Paese non di rendere questo tema materia di polemiche e di scontro che, secondo me - ha concluso - non portano da nessuna parte».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie