Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 15:40

NEWS DALLA SEZIONE

dati regionali
Covid, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%) e nessun decesso: somministrati oltre 10mila vaccini

Covid in Basilicata, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%): somministrati oltre 10mila vaccini

 
stalking
Potenza, atti persecutori nei confronti della ex compagna: arrestato 52enne

Potenza, atti persecutori nei confronti della ex compagna: arrestato 52enne

 
automotive
Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

 
L'iniziativa
Potenza, un «pasto sospeso» per i più bisognosi e per aiutare i ristoratori

Potenza, un «pasto sospeso» per i più bisognosi e per aiutare i ristoratori

 
monitoraggio
Potenza, fiammate nel Centro olio Tempa Rossa: Total rischia multe pesanti

Potenza, fiammate nel Centro olio Tempa Rossa: Total rischia multe pesanti

 
Il virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
La pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
la protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
a Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
Demografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
La decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariprevenzione
Bari, emergenza Covid: «Bene Consiglio Puglia su obbligo vaccino per operatori sanitari»

Bari, emergenza Covid: «Bene Consiglio Puglia su obbligo vaccino per operatori sanitari»

 
Potenzadati regionali
Covid, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%) e nessun decesso: somministrati oltre 10mila vaccini

Covid in Basilicata, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%): somministrati oltre 10mila vaccini

 
Leccecontrolli dei CC
Muro Leccese, arrestato pusher 39enne: aveva in casa eroina, hashish e denaro

Muro Leccese, arrestato pusher 39enne: aveva in casa eroina, hashish e denaro

 
Foggiail furto
Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

 
TarantoIndagini della Poltel
Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

 
Brindisil'inchiesta
Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Il caso

Potenza, il ponte Musmeci si sgretola e nessuno interviene

Viale del Basento: malandato da tempo e transennato ai piedi. Inascoltato l'allarme dei camionisti che lo percorrono ogni giorno

Potenza, il ponte Musmeci si sgretola e nessuno interviene

Il ponte Musmeci è il simbolo di Potenza. Al punto da incarnarne anche le criticità. Sarà per questo che continua a perdere pezzi, frutto di mancanza di manutenzione e di incuria. Tutto il viadotto presenta preoccupanti segni di degrado, come testimoniano le foto che pubblichiamo, scattate lungo il percorso del parco fluviale che attraversa la pancia del ponte. Non è solo una questione estetica, ovviamente, ma riguarda la sicurezza, perché quei ferri che spuntano dal cemento sono inquietanti e rivendicano un monitoraggio attento per mettere a punto interventi migliorativi. Prima che accada l’irreparabile.
Analogo appello riguarda un altro ponte di Potenza. È quello che collega rione Betlemme alla zona industriale. Come si può notare dalle foto scattate dal «nostro» Tony Vece, molte giunture presentano inquietanti fessure. A denunciare il caso non sono soltanto i tanti camionisti che attraversano l’area ogni giorno per raggiungere le varie fabbriche, ma anche gli imprenditori che lavorano proprio a ridosso del viadotto: «Questo ponte - sottolineano i camionisti - è strategico nei collegamenti interni soprattutto per quanto riguarda noi autisti, con i nostri tir e i nostri «bisonti».

Sarebbe opportuno prevedere un attento monitoraggio dello stato di salute del viadotto perché quotidianamente sopporta un peso non indifferente. Ci vorrebbe, forse, qualche rinforzo per evitare possibili cedimenti». Della serie: meglio prevenire che curare.
Il ponte - il cui passaggio pedonale è stato inibito - viene percorso da un numero sempre maggiore di camion che trasportano carichi mastodontici. Negli ultimi dieci anni la quantità di autocarri che transita sulla strada è triplicata e le tonnellate/chilometro trasportate sono il quadruplo rispetto a quelle del 1990. Anno dopo anno, passano veicoli sempre più pesanti. E tra l’altro pure le auto per passeggeri sono diventate più pesanti, col noto imporsi dei Suv.
Nella parte sottostante del ponte è tutto transennato. Zona vietata a pedoni e auto, con riflessi negativi, naturalmente, per gli accessi alle attività produttive che risiedono nella zona. La sensazione, avvalorata dal silenzio e dall’immobilismo che è calato da tempo, è che questa situazione sia destinata a durare per anni.


Quale dovrebbe essere la risposta? Naturalmente si dovrebbero fare verifiche più frequenti dei ponti e di altre componenti infrastrutturali, ma si tratta di provvedimenti tampone. È inutile verificare un ponte se non si hanno i fondi per procedere agli interventi necessari. Per una soluzione di lungo periodo, invece, conviene concentrarsi sui finanziamenti per le strade, a sistemare quanto abbiamo anziché tentare di stipare nuove arterie nelle aree edificate urbane e suburbane. Non si aggiunge una nuova ala alla casa se non ci si può permettere di aggiustare un buco nel tetto. La verità è che manca una mentalità della manutenzione: oggi costruttori e altri gruppi di interesse spingono verso le nuove strutture perché poi fanno profitti dalle nuove urbanizzazioni indotte. Usare quel denaro per riparare un vecchio ponte, invece, rende le cose difficili per politici e uffici dei trasporti. Ma, probabilmente, è la cosa più giusta da fare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie