Sabato 24 Agosto 2019 | 14:31

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
La protesta
Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

 
Inquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
I controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
Il caso
Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

 
Il caso
Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

 
Al San Carlo
Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici, bimbi trasferiti

 
Il recupero
Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
a «La vita in diretta»
La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto : la storia va in tv

La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto: la storia va in tv

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LeccePreso dai Cc
Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta

Specchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta: in cella

 
MateraCarabinieri Forestali
Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

 
BariDalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
BatUn 43enne
Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 

i più letti

Il caso

Potenza, il ponte Musmeci si sgretola e nessuno interviene

Viale del Basento: malandato da tempo e transennato ai piedi. Inascoltato l'allarme dei camionisti che lo percorrono ogni giorno

Potenza, il ponte Musmeci si sgretola e nessuno interviene

Il ponte Musmeci è il simbolo di Potenza. Al punto da incarnarne anche le criticità. Sarà per questo che continua a perdere pezzi, frutto di mancanza di manutenzione e di incuria. Tutto il viadotto presenta preoccupanti segni di degrado, come testimoniano le foto che pubblichiamo, scattate lungo il percorso del parco fluviale che attraversa la pancia del ponte. Non è solo una questione estetica, ovviamente, ma riguarda la sicurezza, perché quei ferri che spuntano dal cemento sono inquietanti e rivendicano un monitoraggio attento per mettere a punto interventi migliorativi. Prima che accada l’irreparabile.
Analogo appello riguarda un altro ponte di Potenza. È quello che collega rione Betlemme alla zona industriale. Come si può notare dalle foto scattate dal «nostro» Tony Vece, molte giunture presentano inquietanti fessure. A denunciare il caso non sono soltanto i tanti camionisti che attraversano l’area ogni giorno per raggiungere le varie fabbriche, ma anche gli imprenditori che lavorano proprio a ridosso del viadotto: «Questo ponte - sottolineano i camionisti - è strategico nei collegamenti interni soprattutto per quanto riguarda noi autisti, con i nostri tir e i nostri «bisonti».

Sarebbe opportuno prevedere un attento monitoraggio dello stato di salute del viadotto perché quotidianamente sopporta un peso non indifferente. Ci vorrebbe, forse, qualche rinforzo per evitare possibili cedimenti». Della serie: meglio prevenire che curare.
Il ponte - il cui passaggio pedonale è stato inibito - viene percorso da un numero sempre maggiore di camion che trasportano carichi mastodontici. Negli ultimi dieci anni la quantità di autocarri che transita sulla strada è triplicata e le tonnellate/chilometro trasportate sono il quadruplo rispetto a quelle del 1990. Anno dopo anno, passano veicoli sempre più pesanti. E tra l’altro pure le auto per passeggeri sono diventate più pesanti, col noto imporsi dei Suv.
Nella parte sottostante del ponte è tutto transennato. Zona vietata a pedoni e auto, con riflessi negativi, naturalmente, per gli accessi alle attività produttive che risiedono nella zona. La sensazione, avvalorata dal silenzio e dall’immobilismo che è calato da tempo, è che questa situazione sia destinata a durare per anni.


Quale dovrebbe essere la risposta? Naturalmente si dovrebbero fare verifiche più frequenti dei ponti e di altre componenti infrastrutturali, ma si tratta di provvedimenti tampone. È inutile verificare un ponte se non si hanno i fondi per procedere agli interventi necessari. Per una soluzione di lungo periodo, invece, conviene concentrarsi sui finanziamenti per le strade, a sistemare quanto abbiamo anziché tentare di stipare nuove arterie nelle aree edificate urbane e suburbane. Non si aggiunge una nuova ala alla casa se non ci si può permettere di aggiustare un buco nel tetto. La verità è che manca una mentalità della manutenzione: oggi costruttori e altri gruppi di interesse spingono verso le nuove strutture perché poi fanno profitti dalle nuove urbanizzazioni indotte. Usare quel denaro per riparare un vecchio ponte, invece, rende le cose difficili per politici e uffici dei trasporti. Ma, probabilmente, è la cosa più giusta da fare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie