Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:48

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Petrolio

Basilicata, «Pericolo frane» non c’è l’ok al pozzo Pergola1

La Commissione Via-Vas del Ministero Ambiente blocca l’avvio

tempa rossa

MARSICO NUOVO - Sembra quasi una coincidenza, ma proprio mentre in Basilicata si aggiorna lo scenario del dissesto idrogeologico, con l’imponente frana di Pomarico, la commissione ministeriale per la verifica degli impatti ambientali dice no alla messa in produzione del pozzo petrolifero Pergola 1 a Marsico Nuovo perché parte del territorio interessata dall’impianto di prelievo del greggio è a rischio frane. Per l’Eni si tratta di un nuovo stop sul tema petrolio in Val d’Agri dopo la doppia bocciatura della Regione alle richieste di variazione del programma lavori e di realizzazione di un nuovo pozzo estrattore a Marsicovetere denominato Alli 5.
Nel caso di Pergola 1 il veto non arriva dall’ente di viale Verrastro ma direttamente dalla commissione tecnica (Via – Vas) del ministero dell’Ambiente. Le frane non sono l’unico pericolo che ha spinto la commissione a dare il parere negativo. In 64 pagine, la commissione analizza il progetto, prende in esame le osservazioni degli ambientalisti e tira le sue conclusioni. Non sono state fatte prove di produzione. Inoltre, il pozzo è stato concepito sullo spartiacque dei bacini fluviali dell’Agri e del Sele, ma «non sono stati valutati appieno gli effetti transregionali con la Campania, acquisendo il parere dell’autorità di bacino interregionale».

A preoccupare, però, è soprattutto il tracciato e la portata dell’oleodotto di collegamento con il Centro olio di Viggiano. La commissione, rifacendosi anche alle osservazioni degli ambientalisti, rileva che il tracciato dell’oleodotto «sembrerebbe errato e le tre condotte sembrerebbero sovradimensionate rispetto alle reali necessità», così come «sembrerebbe sovradimensionata l’area di innesto».

Ed inoltre «parte dell’oleodotto e l’area di innesto si trovano all’interno del Sic (sito di interesse comunitario) Appennino lucano – monte Volturino». La commissione rimarca anche che non vengono studiati nel dettalgio i fenomeni carsici, tra cui la grotta di Castel di Lepre, una delle cavità più antiche ed importanti della Basilicata, «che corre quasi parallela, anche a meno di 0, 5 km dal tracciato dell’oleodotto».

E ancora, secondo la comissione lo studio di impatto ambientale non tratta con sufficiente approfondimento la pericolosità sismica della zona. «A questo punto - scrive la commissione - è doveroso mettere in evidenza che l’area del pozzo sembrerebbe coincidere» con l’epicentro del disastroso terremoto del 16 dicembre 1857.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400