Lunedì 10 Dicembre 2018 | 01:44

NEWS DALLA SEZIONE

Decrescita
Lucani condannati dalla montagna?

Lucani condannati dalla montagna?

 
L'inchiesta del 2015
Potenza, maltrattamenti al Don Uva: assolti 7 dei 15 arrestati

Potenza, maltrattamenti al Don Uva: assolti 7 dei 15 indagati

 
Il blitz del 2012
Inchiesta discariche, sette condanne per la «Monnezzopoli»

Inchiesta discariche, sette condanne per la «Monnezzopoli»

 
Tra il 2010 e il 2012
Smaltimento rifiuti illeciti, 7 condanne a Potenza

Smaltimento rifiuti illeciti, 7 condanne a Potenza

 
In Lussemburgo
Pasticcere di Potenza vince medaglia Culinary&Pastry

Pasticcere di Potenza vince medaglia Culinary&Pastry

 
agricoltura
L’Igp olio lucano arriva all’esame del ministero

L’Igp olio lucano arriva all’esame del ministero

 
In Basilicata
I centri di accoglienza resistono: migranti ospitati senza le rette

I centri di accoglienza resistono: migranti ospitati senza le rette

 
Operazione della polizia
polizia

Potenza, intestazione fittizia di beni e fatture false: 9 arresti

 
il fenomeno
Basilicata, il 13,8% degli studenti abbandona la scuola

Basilicata, il 13,8% degli studenti abbandona la scuola

 
La parola dei tecnici
Basilicata, dagli ex assessori regionali duro giudizio sulla giunta Pittella

Basilicata, dagli ex assessori regionali duro giudizio sulla giunta Pittella

 
Violenza sessuale
«Con questa crema non resterai incinta»: condannato farmacista di Potenza

«Con questa crema non resterai incinta»: condannato farmacista di Potenza

 

La parola dei tecnici

Basilicata, dagli ex assessori regionali duro giudizio sulla giunta Pittella

Il giudizio di Benedetto, Berliguer, Liberali e Ottati sull’attività dell’esecutivo guidato da Pittella. Tutti promuovono (per metà solo con sufficienza) il proprio periodo, ma ci sono critiche sul dopo

Basilicata, dagli ex assessori regionali duro giudizio sulla giunta Pittella

POTENZA - Giudizio sufficiente, ma limitatamente al periodo nel quale sono rimasti in carica. Più o meno può essere sintetizzato così il giudizio degli ex assessori regionali che si sono alternati nella consiliatura che sta per volgere al termine a via Anzio. Abbiamo provato a sentire Raffaele Liberali, ex assessore alle Attività Produttive, Aldo Berlinguer, un incarico come assessore all’Ambiente e alle Infrastrutture, Michele Ottati, titolare dell’assessorato all’Agricoltura, e Nicola Benedetto, successore di Berlinguer per ciò che concerne le Infrastrutture i e Trasporti. Tutti, sebbene con differenze anche sostanziali e di merito nel giudizio, differenze riportate nei pezzi a ciascuno di loro dedicati, hanno rimarcato l’operato dell’esecutivo guidato da Marcello Pittella fino alla loro permanenza, facendo soprattutto notare come, fin quando la Giunta è stata prettamente tecnica, qualcosa si è fatto. Dopo, a causa delle manovre partitocratiche e tipiche della politica, molto si è insabbiato.

Le posizioni, però, sono assolutamente diverse. Liberali e Berlinguer, ad esempio, non hanno mosso alcuna critica ai loro successori e neanche all’esecutivo in generale, mentre sia Benedetto che Ottati, soprattutto quest’ultimo, non sono stati affatto teneri con il governo regionale. Insomma, più o meno una difesa di quanto fatto direttamente, sia in termini di iniziative portate a termine che di azioni solo iniziate. Una posizione, se vogliamo, del tutto legittima quella di Benedetto, Berliguer, Liberali e Ottati. I quali hanno sostanzialmente voluto difendere il proprio operato, sottolineando ciò che è avvenuto dopo in termini in alcuni molto negativi, in altri più sfumati. Stesso discorso per quanto fatto in 5 anni dal Consiglio regionale: qui, però, un po’ tutti non hanno mancato di far emergere come la politica (che nella massima assemblea regionale ha la sua sede più alta) abbia spesso e volentieri intralciato l’operato della Giunta, allungando oltremodo i tempi delle decisioni, specie in alcuni casi.

I 5 anni volgono al termine dunque e, questo lo possiamo dire senza tema di smentita, non c’è nulla di nuovo sotto il sole. Anche dal punto di vista di chi, chiamato ad operare in prima persona, ha poi dovuto abbandonare la stanza dei bottoni o, come ha sottolineato per sé Benedetto, si è dovuto dimettere. Un messaggio, quello degli ex assessori, che probabilmente non lascia scampo alla politica (non solo lucana, ma nazionale): si perde troppo tempo nel tentare sintesi ed equilibri che, invece, comportano spesso conseguenze negative per i cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400